Normal Topic Quarto pedale: avrÓ un futuro? (Read 2463 times)
Matt
God Member
*****
Offline



Posts: 719
Joined: 23. Nov 2008
Gender: Male
Quarto pedale: avrÓ un futuro?
26. May 2009 at 19:53
Print Post Print Post  
Stasera, mentre visitavo il sito della Fazioli, sono incappato in questo nuovo brevetto Fazioli, appunto, che consise nel 4o pedale:







"Un nuovo pedale Ŕ stato creato e brevettato dalla Fazioli Pianoforti per ridurre la dinamica del suono e quindi poter suonare piano senza che il timbro cambi. Con il nuovo pedale, l'intera martelliera viene fatta avvicinare alle corde. In questo modo i martelli colpendo le corde pi¨ da vicino producono un suono di volume inferiore senza che il timbro cambi, dal momento che il martello colpisce le corde sempre sullo stesso punto (con il pedale tradizionale del piano o una corda il "piano" si ottiene spostando verso destra l'intera meccanica; in questo modo il martello colpisce due corde producendo un suono pi¨ flebile ma anche diverso nel timbro).


Conseguentemente all'avvicinamento della martelliera alle corde, anche la corsa del tasto si riduce da 10 mm a 7 mm.
In questo modo si ottengono inoltre anche i seguenti vantaggi:


  • Maggior facilitÓ per i glissandi
  • Tastiera pi¨ pronta per i passaggi rapidi
  • Maggiore facilitÓ nel legare i suoni (legato)
  • Suono pi¨ lungo nel cantabile"




Che ne pensate? AvrÓ futuro? Secondo me Ŕ una gran bella cosa per l'architettura del pianoforte che non Ŕ ancora stata fissata rigidamente ma ancora in evoluzione, ma Ŕ una facilitazione un po' troppo eccessiva per i pianisti...


Se Ŕ giÓ stato discusso, chiedo venia..
  
Back to top
 
IP Logged
 
madflyhalf
God Member
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 506
Joined: 25. Jan 2009
Gender: Male
Re: Quarto pedale: avrÓ un futuro?
Reply #1 - 26. May 2009 at 21:09
Print Post Print Post  
╚ un po' drastico... per˛ se per 220 anni nessun concertista ne ha sentito il bisogno, ci sarÓ un motivo.
Secondo me Ŕ fine solo ad un pianoforte dalle esagerate capacitÓ sonore, quale probabilmente l'F308 Ŕ.

Per˛, quello che dico io Ŕ che ci sono un po' di artisti che suonano o suonavano Steinway (o quant'altro) da 274cm e il pianissimo lo fanno comunque!  Lips Sealed
  

You'll meet each other in the street in 30 years time and... there will be just a look and you'll know just how special some days in your life are. No words, a look. And the biggest thing to say is: you're special.&&&&Ian McGeechan
Back to top
 
IP Logged
 
Matt
God Member
*****
Offline



Posts: 719
Joined: 23. Nov 2008
Gender: Male
Re: Quarto pedale: avrÓ un futuro?
Reply #2 - 27. May 2009 at 06:54
Print Post Print Post  
Infatti Ŕ quel che ho pensato anch'io... Forse hai ragione, lo terranno solo per pianofortoni..
  
Back to top
 
IP Logged
 
Riccardo Radivo
Ex Member


Re: Quarto pedale: avrÓ un futuro?
Reply #3 - 27. May 2009 at 07:18
Print Post Print Post  
fossi in Fazioli progetterei un quarto pedale per pianoforti preparati per il duo pianistico a quattro mani... due pedali del forte indipendenti...questo sarebbe utile áCheesy  Il Doppio Borgato possiede questo pedale (anzi ne ha due di questo tipo) "frazionatore" che agisce su una parte degli smorzatori,(credo bassi e alti)  ma non so esattamente come funzioni
  
Back to top
 
IP Logged
 
Riccardo Radivo
Ex Member


Re: Quarto pedale: avrÓ un futuro?
Reply #4 - 27. May 2009 at 07:46
Print Post Print Post  
questo Ŕ un altro "quarto pedale" .. interessante ma personalmetne mai provato.

http://www.wendl-lung.com/jart/prj3/wendl_lung/main.jart?rel=it&content-id=12186...
  
Back to top
 
IP Logged
 
Matt
God Member
*****
Offline



Posts: 719
Joined: 23. Nov 2008
Gender: Male
Re: Quarto pedale: avrÓ un futuro?
Reply #5 - 27. May 2009 at 11:03
Print Post Print Post  
Questo potrebbe essere fantastico!!!! Avete mai provato a sentire gli armonici di un pianoforte? Sono bellissimi, e darebbero una sonoritÓ ottima che potrebbe essere sfruttata dagli attuali compositori... Quasi quasi me ne prendo uno o due di quei piani..  Roll Eyes
  
Back to top
 
IP Logged
 
giovanni2
God Member
*****
Offline


Mi piace Pianoforum!

Posts: 631
Joined: 21. Dec 2007
Re: Quarto pedale: avrÓ un futuro?
Reply #6 - 01. Jun 2009 at 11:54
Print Post Print Post  
Molto interessante. Secondo me potrebbe sostituire il pedale del piano gia' esistente.
  

La musica e' equilibrio tra suoni...
Back to top
 
IP Logged
 
..Arabesque..
Ex Member


Re: Quarto pedale: avrÓ un futuro?
Reply #7 - 01. Jun 2009 at 16:18
Print Post Print Post  
...sinceramente quello della Fazioli mi sembra un po' un appesantimento inutile... Undecided Anche secondo me non Ŕ necessario servirsi di un quarto pedale per riuscire a suonare pianissimo ecc..

Invece mi sembra piuttosto interessante il pedale degli armonici! Davvero potrebbe rivelarsi un potenziamento, utile per i compositori moderni! Ma c'Ŕ per caso qualche sito dove si possa ascoltare un esempio dell'utilizzo di questo pedale? Sono abbastanza curiosa... Roll Eyes
  
Back to top
 
IP Logged
 
F. Franciszek Esperanto
Full Member
***
Offline


Esperanto sempre

Posts: 200
Joined: 10. Oct 2010
Gender: Male
Re: Quarto pedale: avrÓ un futuro?
Reply #8 - 28. Jul 2017 at 09:01
Print Post Print Post  
Il punto della questione Ŕ un altro; non tanto l'utilitÓ o meno quanto il fatto che sono tutte cose brevettate... un pedale utilissimo, geniale, che per˛ viene fabbricato da una sola azienda non ha un grande futuro. O si vende la licenza ad altri produttori, o viene brevettato da un produttore di massa (tipo Yamaha) che ha modo di diffonderlo, oppure resterÓ un oggetto inutilizzato. Ci sarebbe infine anche lo scenario di poterlo installare su pianoforti esistenti di diverse marche.

Ma nello scenario attuale (un solo produttore di un pedale "alieno") non ha senso.
Immaginate di suonare a casa col quarto pedale armonico Feurich? Ogni altro pf sul quale suonerete, anche migliore come sonoritÓ, vi darÓ l'impressione di avere un pezzo mancante.
  
Back to top
 
IP Logged