Page Index Toggle Pages: 1 [2] 3 4 ... 11 Send Topic Send Topic Print Print
Very Hot Topic (More than 25 Replies) Pianoforte Anelli (Read 117609 times)
^Fra^
God Member
*****
Offline



Posts: 3187
Joined: 19. Nov 2009
Gender: Male
Re: Pianoforte Anelli
Reply #20 - 28. Jan 2010 at 18:57
Print Post Print Post  
Deaglet wrote on 28. Jan 2010 at 11:51:
^Fra^ wrote on 21. Jan 2010 at 20:00:


Milano deludente sul mercato dell'usato? Qualcosa mi dice che non hai percorso i canali giusti. Milano pianisticamente è una piazza eccellente per trovare pianoforti usati con ottimo rapporto qualità prezzo. Certo è che bisogna portarsi in città e non rimanere in provincia, perché se valutiamo solo cosa ha in bottega un tecnico di Pizzighettone, ciaopeppa!


Ho provato sia in centro sia in periferia, io quando vado ad acquistare qualcosa faccio lo gnorri, se mi vedo offrire un cinese con la tastiera sconnessa, meccanica andata a 2000 euro ovvio che mi faccio questa opinione....e parlo di un grande negozio del centro....

la mia necessità era quella di avere uno strumento con suono e meccanica soddisfacenti per passare qualche ora dopo il lavoro...purtroppo due anni fa ho dovuto abbandonare l'organo, il mio strumento...mi sono dovuto trasferire a Milano per lavoro e visto per il poco spazio ho prima acquistato un digitale, un anno fa, e ora questo anelli...voglio apprendere un pò di tecnica pianistica,  anche con un insegnante che mi aiuti.... perché no.

Quel che cercavo a Milano non l'ho trovato, avevo preventivato una spesa tra i 2000 e i 2500 euro e ho cercato di valutare anche il noleggio ma nulla da  fare... non mi sono piaciuti nemmeno i giapponesi rigenerati, odoravano spesso di muffa e il suono non mi aggradava, soprattutto nei bassi...sempre "impastato" ...certo che non posso aver percorso i canali giusti ma è ovvio, non conoscevo nessuno qui che mi potesse indirizzare nel posto giusto....ora comunque mi rimane da trovare un buon tecnico, si accettano suggerimenti...comunque se l'anelli dovesse risultare una patacca, nonostante il bel suono e tutto il resto, lo rimanderei indietro e valuterei altre soluzioni, l'artigiano in questione è disponibile a riprenderselo in qualunque momento....anche se mi ha detto che il prossimo tra qualche anno dovrà essere necessariamente un mezza coda  Grin non disdegnerei un buon Bechstein tra quelli che restaura....
Intanto devo capire se questo Anelli ha qualcosa a che fare con quel simile "Riccardi" di cui ho postato la foto...............

  
Back to top
 
IP Logged
 
^Fra^
God Member
*****
Offline



Posts: 3187
Joined: 19. Nov 2009
Gender: Male
Re: Pianoforte Anelli
Reply #21 - 28. Jan 2010 at 20:28
Print Post Print Post  
  Ok, sono stato io ad aver preso un granchio...leggevo nell'annuncio "pianoforte Riccardi" ma evidentemente è anche lui un "Anelli" ... Riccardi sarà stato qualche venditore del passato...è il nome riportato sul panno che ricopre la tastiera...credo che sia più nuovo di qualche anno rispetto al mio, credo che lo stemma sia cambiato dopo la morte di Pietro Anelli avvenuta nel 1939...il progetto è identico e dalla matricola risulterebbe prodotti negli anni 41-42...non capisco però l'associazione fatta da Minavagante con il numero romano XI del calendario fascista presente in questo telaio, per la quale dovrebbe essere stato prodotto nel 33....lo stemma è evidentemente quello della città di Cremona, sede della fabbrica:



Dovrò andare da questo signore a rubare il pannello di sotto  Grin il mio è rifatto!
  
Back to top
 
IP Logged
 
Mordente
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 37
Joined: 29. Oct 2009
Re: Pianoforte Anelli
Reply #22 - 28. Jan 2010 at 22:15
Print Post Print Post  
Ora ci siamo,avevo iniziato una ricerca accurata sui costruttori di pianoforti in Italia ma di Riccardi nemmeno l'ombra. Smiley Grazie Pleyel,la mia era pura curiosità.
  
Back to top
 
IP Logged
 
^Fra^
God Member
*****
Offline



Posts: 3187
Joined: 19. Nov 2009
Gender: Male
Re: Pianoforte Anelli
Reply #23 - 28. Jan 2010 at 22:46
Print Post Print Post  
Mordente wrote on 28. Jan 2010 at 22:15:
Ora ci siamo,avevo iniziato una ricerca accurata sui costruttori di pianoforti in Italia ma di Riccardi nemmeno l'ombra. Smiley Grazie Pleyel,la mia era pura curiosità.


ahuhauhau Grin C'è chi vende qualcosa senza sapere cosa ha in casa....
in effetti era identico..stemma a parte...questo pare essere del 33 mentre il mio fine anni 20...
  
Back to top
 
IP Logged
 
minavagante
Senior Member
****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 315
Joined: 15. Jan 2010
Re: Pianoforte Anelli
Reply #24 - 30. Jan 2010 at 13:34
Print Post Print Post  
Riccardi, Gino,Corso Monforte 21, Milan, Italy
Così citato nel Piano Atlas dei costruttori.
Io non l'avevo mai sentito nominare. Probabilmente era un piccolo artigiano che applicava il suo cognome su strumenti che acquistava da costruttori per poi rivenderli.
Non ti preoccupare, il tuo è un Anelli originale, te lo dico io che ne ho accordati e riparati a decine.
Non credere che sia facile prendere un pezzo qua ed uno là ed assemblare un pianoforte; se anche lo si fa, si vedrebbe e sarebbe sicuramente anti-economico.
Se guardi bene i due telai sono molto simili, ma la parte superiore è differente sia in disegno che in spessore.
Il logo centrale applicato sul telaio l'ho visto tantissime volte ma ho un vuoto di memoria. Penso sia sempre un logo Anelli o alternativo o precedente a quello applicato al tuo pianoforte (metalpiano).
Ciao!
  
Back to top
 
IP Logged
 
^Fra^
God Member
*****
Offline



Posts: 3187
Joined: 19. Nov 2009
Gender: Male
Re: Pianoforte Anelli
Reply #25 - 30. Jan 2010 at 16:39
Print Post Print Post  
Bella questa, sicuramente quel logo ha a che fare con la città di Cremona, ma che sia un "Anelli" non lo si può dire, anche se è probabile che il telaio arrivi dallo stesso impianto ... se fosse un Anelli come ipotizziamo allora sarebbe sicuramente successivo al mio, che ha matricola poco superiore a 6000 (e su una pubblicazione del restauratore questa matricola veniva data tra il 1925 e il 1930)...ecco perché se il libro del restauratore è attendibile e se il numero undici (XI) sul telaio di questo "Riccardi" e/o "Anelli" sta per undicesimo anno fascista come insegna Minavagante, allora non mi convincono le associazioni che sono state qui riportate tra anno e matricole "Anelli" (questo infatti è un 8374).

Minavagante sei sicurissimo riguardo alle matricole che hai postato?  Undecided il mio dalle tue matricole risulterebbe essere del '35 ....puoi verificare?
  
Back to top
 
IP Logged
 
minavagante
Senior Member
****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 315
Joined: 15. Jan 2010
Re: Pianoforte Anelli
Reply #26 - 30. Jan 2010 at 16:52
Print Post Print Post  
Ho controllato ora le corrispondenze anno di fabbricazione - matricola dalle fotocopie di un Piano Atlas statunitense. Dal testo sono giuste.
Il numero romano corrispondente al calendario fascista è cosa che mi hanno sempre detto i miei vecchi Maestri accordatori.
  
Back to top
 
IP Logged
 
^Fra^
God Member
*****
Offline



Posts: 3187
Joined: 19. Nov 2009
Gender: Male
Re: Pianoforte Anelli
Reply #27 - 30. Jan 2010 at 17:33
Print Post Print Post  
minavagante wrote on 30. Jan 2010 at 16:52:
Ho controllato ora le corrispondenze anno di fabbricazione - matricola dalle fotocopie di un Piano Atlas statunitense. Dal testo sono giuste.
Il numero romano corrispondente al calendario fascista è cosa che mi hanno sempre detto i miei vecchi Maestri accordatori.


Allora proprio non so cosa pensare, se qualcuno avesse delle pubblicazioni differenti si potrebbe fare un confronto.... Minavagante tu dove eserciti? Io Cerco un bravo tecnico in prov. di Milano...questo Anelli dovrà pur essere accordato dopo il trasporto....  Roll Eyes

Comunque ora mi viene il dubbio che la matricola del mio sia 4600 e non 6400 .... un sei c'era....
  
Back to top
 
IP Logged
 
minavagante
Senior Member
****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 315
Joined: 15. Jan 2010
Re: Pianoforte Anelli
Reply #28 - 31. Jan 2010 at 13:49
Print Post Print Post  
Ti ringrazio per la fiducia accordatami ma sono più di cinque anni che non tocco più un pianoforte. Penso proprio che ancora per un bel po' non ne toccherò.
Grazie ancora
Minavagante
  
Back to top
 
IP Logged
 
minavagante
Senior Member
****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 315
Joined: 15. Jan 2010
Re: Pianoforte Anelli
Reply #29 - 31. Jan 2010 at 14:12
Print Post Print Post  
A proposito il tuo pianoforte probabilmente aveva la tastiera ricoperta in "galalite".
Rimane comunque l'incongruenza che risulta dalla foto del pianoforte  con numeri. XI - 8374. E' stato prodotto nel '33 come da calendario fascista o nella seconda metà degli anni quaranta come da tabella dei numeri di matricola? Pensiamo comunque che tra l'avvio della  produzione del pianoforte e la sua vendita c'è stata di mezzo la guerra.

La cosa importante è che Tu hai fatto un buon acquisto.

Salutoni
  
Back to top
 
IP Logged
 
^Fra^
God Member
*****
Offline



Posts: 3187
Joined: 19. Nov 2009
Gender: Male
Re: Pianoforte Anelli
Reply #30 - 31. Jan 2010 at 15:09
Print Post Print Post  
Giusto, proprio galalite, così mi ha detto il tecnico....credo di aver suonato un vecchio "Ronish" qualche giorno fa con i tasti ricoperti di Galalite, dal momento che non era né plastica né avorio ...  ha una consistenza strana non è liscio come la plastica ed ingiallisce, come l'avorio...

Bè mi sarebbe piaciuto l'avorio, c'era qualche pianoforte disponibile ma non ho avuto lo stesso feeling che ho trovato con questo anelli...quindi ho scelto lui...
  
Back to top
 
IP Logged
 
^Fra^
God Member
*****
Offline



Posts: 3187
Joined: 19. Nov 2009
Gender: Male
Re: Pianoforte Anelli
Reply #31 - 01. Feb 2010 at 18:54
Print Post Print Post  
Ho trovato delle altre foto di un "Metalpiano" Anelli...









Non vi pare che abbia subito un restauro? Avrei una curiosità sul tipo
di martelli che vedo montati su questo esemplare: che differenza c'è tra questi martelli e quelli che sono stati montati sul mio? Qui vedo che mancano i "sottofeltri" rossi...secondo voi quale tipo di martello è più idoneo per questo tipo di meccanica?
Un altro particolare che mi incuriosisce riguarda la striscia di feltro turchina che qui è interposta tra le corde dei bassi sotto le caviglie....serve per evitare vibrazioni anomale? Come si spiega che sul mio non vi sia questo tipo di accorgimento?

Minavagante...qui come valuti la corrispondenza tra il numero romano e la matricola?

(Le ho postate soprattutto per avere una ulteriore verifica sulle matricole)   Wink


  
Back to top
 
IP Logged
 
minavagante
Senior Member
****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 315
Joined: 15. Jan 2010
Re: Pianoforte Anelli
Reply #32 - 01. Feb 2010 at 19:54
Print Post Print Post  
Dal numero romano l'Anelli delle foto dovrebbe essere del '35 circa; dalla tabella del libro in mio possesso, in relazione al numero di matricola, il pianoforte dovrebbe essere del 1939. Queste imprecisioni, a mio avviso, in questo caso,  ci possono anche stare.
I martelli dello strumento delle tue ultime foto sono quelli originali. Nel caso si debba sostituirli, oggi, non ci sono alternative; si montano martelli Renner, come nel Tuo caso.
La striscia di feltro che è intrecciata tra le corde dei bassi serve appunto a fermare eventuali risonanze della porzione di acciaio non percossa.
Nel Tuo caso non è stata montata, a mio avviso poco male, la lunghezza della porzione di corda "non vibrante" mi sembra proprio corta per innescare eventuali "fastidi". Comunque, per sicurezza la puoi fare montare, è cosa di un attimo.
Io l'avrei messa, se c'era va messa.
Salutoni.
  
Back to top
 
IP Logged
 
^Fra^
God Member
*****
Offline



Posts: 3187
Joined: 19. Nov 2009
Gender: Male
Re: Pianoforte Anelli
Reply #33 - 01. Feb 2010 at 22:19
Print Post Print Post  
Quindi devo dedurre che i martelli che vediamo nella foto del messaggio  #4 (di un "metalpiano" di età paragonabile al mio, lo stesso strumento nell'ultima foto del messaggio #11) non sono originali? Quelli hanno il sottofeltro rosso e manca la striscia di feltro sulle corde dei bassi...
il fatto che invece avesse i tasti in galalite significa che era uno strumento di fascia bassa?

Comunque è curioso che l'anelli delle ultime foto e il "riccardi-anelli" abbiano lo stesso tipo di accorgimento a livello di feltri mentre quello
del messaggio #4 e il mio (più vecchi) no... Lips Sealed

magari non c'entra nulla...
  
Back to top
 
IP Logged
 
^Fra^
God Member
*****
Offline



Posts: 3187
Joined: 19. Nov 2009
Gender: Male
Re: Pianoforte Anelli
Reply #34 - 02. Feb 2010 at 19:57
Print Post Print Post  
Ops un altro gemello del precedente (questo dovrebbe essere l'interno del piano del messaggio  #2)....







però, non male...

  
Back to top
 
IP Logged
 
altivelis
Full Member
***
Offline



Posts: 150
Joined: 24. Sep 2009
Gender: Male
Re: Pianoforte Anelli
Reply #35 - 10. Feb 2010 at 15:02
Print Post Print Post  
Caro Pleyel1870, conosco bene la bottega di cui parli e ho messo le mani qualche volta sul tuo Anelli. Era piaciuto anche a me e per quel prezzo hai sicuramente comprato qualcosa che lo vale in pieno.
Se ti può essere di conforto, sono anche sicuro che M..... non è tipo da tirare "pacchi", ma questo, intimamente, lo avrai capito anche tu!
  
Back to top
 
IP Logged
 
^Fra^
God Member
*****
Offline



Posts: 3187
Joined: 19. Nov 2009
Gender: Male
Re: Pianoforte Anelli
Reply #36 - 10. Feb 2010 at 16:39
Print Post Print Post  
Ah be in realtà non ho mai pensato che fosse un pacco, nel vedere uno strumento così simile volevo capire come mai il nome era differente...curiosità, tutto qui....la passione con la quale lavora la si può percepire chiaramente stando in quella piccola bottega! Ma davvero conosci il mio giocattolo? Mi interesserebbe che mi raccontassi le tue impressioni... pensi come me quindi che io abbia fatto una buona scelta? Da quanto mi piaceva inizialmente avevo quasi paura di toccarlo. Pare che sia stato sommerso d'acqua negli anni '60, in ogni caso non ho  avuto dubbi, a parte questo inconveniente mi sono proprio fidato, sono partito da casa mia con l'intenzione di fidarmi....unico problema essendo il sig. M... lontano da me dovrò cercare un tecnico in zona, anche per l'accordatura dopo il trasporto....e per la manutenzione! Un restauratore della mia zona,
che offre consulenze via Web, dopo aver speso parole di apprezzamento per questi strumenti e avermi raccontato tante belle cose (pare avesse avuto contatti diretti con quello che fu per tanti anni il responsabile tecnico della ditta Anelli - il sig. Nardi che fu tra gli altri uno degli accordatori di fiducia del maestro Michelangeli)  mi ha invitato a visitare la sua bottega e mi ha lasciato il suo numero qualora ritenessi opportuno chiamarlo... anche se il sig. M. è convinto che l'Anelli arriverà a casa mia perfettamente accordato perché "li non si muove nulla" e mi ha comunque promesso che si farà un giro in zona in un giorno festivo per poter assistere i suoi clienti della prov. di Milano.
  
Back to top
 
IP Logged
 
altivelis
Full Member
***
Offline



Posts: 150
Joined: 24. Sep 2009
Gender: Male
Re: Pianoforte Anelli
Reply #37 - 10. Feb 2010 at 16:57
Print Post Print Post  
Guarda, ho scritto appositamente che "ci ho messo le mani" qualche volta quando sono passato in laboratorio, ma nonsi può dire che l'abbia suonato per bene. Comunque, a quanto ricordo, l'impressione era stata buona e molto confortante e avvolgente, non so se riesco a rendere l'idea. Una buona sensazione di solidità e di dinamismo, calore e anche una dose di malinconia per il fatto che certi marchi che producevano onesti prodotti, si siano persi per strada.
  
Back to top
 
IP Logged
 
^Fra^
God Member
*****
Offline



Posts: 3187
Joined: 19. Nov 2009
Gender: Male
Re: Pianoforte Anelli
Reply #38 - 10. Feb 2010 at 17:21
Print Post Print Post  
Credo che per un principiante come me dovrebbe andar bene no? Mi aveva colpito particolarmente la registrazione di tastiera e meccanica, il fatto che tutti i tasti rispondessero allo stesso modo, la percezione del richiamo dei martelli quando premevo lentamente i tasti sempre a mezzo tasto e della sensazione di peso data dal tasto che tende a ritornare su...e allo stesso modo per tutti i tasti...per non parlare poi della stabilità...del suono... non rimasto tanto per "gustarlo" così a lungo..la maggior parte del tempo la passai a chiacchierare...ma devo ammettere che per dire "si va bene lo prendo" è stato sufficiente "metterci le mani".
Tutte queste sensazioni su altri strumenti che ho visto in giro prima di questo, anche nuovi, non posso dire di averle provate...
  
Back to top
 
IP Logged
 
^Fra^
God Member
*****
Offline



Posts: 3187
Joined: 19. Nov 2009
Gender: Male
Re: Pianoforte Anelli
Reply #39 - 14. Feb 2010 at 17:57
Print Post Print Post  
Mi piacerebbe avere il parere di un tecnico riguardo alla robustezza della meccanica di questo pianoforte in particolare, ma in un discorso più allargato, delle meccaniche dei verticali della prima metà del 900 rimesse a nuovo come in questo caso.

Qualcuno mi ha un pochino preso in giro, sostenendo che questo tipo di meccanica se venisse usata per studio o da un pianista serio, verrebbe distrutta in un quarto d'ora...io ho risposto che a me così delicata non è semprata....potrei avere un parere tecnico? uno strumento come questo alle condizioni descritte in precedenza, potrebbe essere utilizzato per studio?  Un verticale rimesso a nuovo in questi termini costituisce una limitazione allo studio e in quali termini?

(Mi interesserebbe molto conoscere il parere dei tecnici e di chi ha avuto esperienze dirette con questo tipo di strumenti)  Wink
  
Back to top
 
IP Logged
 
Page Index Toggle Pages: 1 [2] 3 4 ... 11
Send Topic Send Topic Print Print