Hot Topic (More than 10 Replies) Come prolungare il trillo? (Read 2685 times)
aetherios
New Member
*
Offline



Posts: 26
Joined: 05. Dec 2011
Come prolungare il trillo?
08. Feb 2012 at 19:16
Print Post Print Post  
Salve ragazzi, ultimamente è sorto un problema riguardo il mio trillo: il mio maestro mi ha sempre detto che ho un bellissimo trillo (quando lo suono con 2° e 3° dito). Però mi sono accorto studiando la sonata L 366 (K1) di Scarlatti, nella quale specialmente all'inizio ci sono trilli ripetuti più volte, che già al terzo trillo non riesco più a farlo e mi si irrigidisce molto la mano. Quindi ho ricorso all'utilizzo del 1° e del 3° dito, così riesco a finire il brano.. ma con queste dita mi viene un discreto trillo, che non mi soddisfa assolutamente.
Potreste dirmi un modo per fare pratica con il trillo 2° e 3°, in modo da sciogliere maggiormente la mano, specialmente quando i trilli sono ripetuti? Grazie Smiley
  
Back to top
 
IP Logged
 
gintare
Senior Member
****
Offline



Posts: 464
Joined: 14. Sep 2011
Gender: Female
Re: Come prolungare il trillo?
Reply #1 - 08. Feb 2012 at 19:40
Print Post Print Post  
L'ho fatta anch'io! E' troppo bella, certo non è molto facile fa molti salti per la tastiera! dunque per il trillo nelle battute iniziali io faccio così: (battutta 2) hai la seconda metà della 2° battuta do# e la con le dita 2 e 5 e poi il trillo, dopo quei due ottavi, metto 1 sul la e poi trillo su sib la sib la, usando 2 e 3,  almeno ho già alternato le dita. Li faccio molto stretti cercando di sentire i tasti sotto i polpastrelli. Poi fai un breve respiro e attacchi in battere la battuta 3 sul la col 2 come indicato (in certe esecuzioni si può notare come alcuni inizino la battuta 3 in levare poichè mantengono  più lungo il la su cui finisce il trillo) e le seguenti direi uguale  
  
Back to top
IP Logged
 
ivanricciardi
God Member
*****
Offline



Posts: 685
Location: Siracusa
Joined: 11. Feb 2011
Gender: Male
Re: Come prolungare il trillo?
Reply #2 - 08. Feb 2012 at 19:45
Print Post Print Post  
Hai provato con 2°-4°?
  

"Non studiare soltanto "meccanicamente". Sovente la difficoltà non risiede nelle note, ma nel colore del suono o nel dinamismo ... Tutto è possibile sul pianoforte, persino ciò che a prima vista pare impossibile. Basta lavorare con intelligenza." (Ferruccio Busoni)
Back to top
 
IP Logged
 
gintare
Senior Member
****
Offline



Posts: 464
Joined: 14. Sep 2011
Gender: Female
Re: Come prolungare il trillo?
Reply #3 - 08. Feb 2012 at 19:50
Print Post Print Post  
Non è un po' scomodo in quella sonata usare il 2-4 dito? Huh, anche perchè allungarlo tanto non è semplice a quella velocità
  
Back to top
IP Logged
 
aetherios
New Member
*
Offline



Posts: 26
Joined: 05. Dec 2011
Re: Come prolungare il trillo?
Reply #4 - 08. Feb 2012 at 20:27
Print Post Print Post  
Ineffetti col 2° e 4° lo trovo un po' scomodo in quel punto, anche se poi risulta molto utile nella battuta 18.
Comunque grazie elenka ma già facevo come te  Cheesy il fatto è che dopo pochi trilli mi si irrigidisce la mano. Però ho appena sperimentato una soluzione che trovo doppiamente efficace: faccio il trillo con 2 e 3; ma poi alla fine del trillo, proprio poco prima della semicroma che inizia la scala discendente metto le dita 1, 3 e il 2 che va sulla semicroma.
Prendendo come esempio il primo trillo che si incontra faccio 3 volte la sib la sib; la 3° volta però invece di mettere il 2 sul la, il 3 sul sib, e il 2 sul la della 3° battuta, metto l'1 sul la, il 3 sul sib e il 2 sul la della 3° battuta così risulta anche più brillante questo la che inizia una nuova battuta.
Certo ho trovato una valida alternativa.. ma mi rimane un po' il dubbio: esistono esercizi per il trillo? probabilmente il miglior esercizio per il trillo è studiare (e ripassare ogni giorno) brani che ne contengono, come questo di scarlatti. Che dite?
  
Back to top
 
IP Logged
 
gintare
Senior Member
****
Offline



Posts: 464
Joined: 14. Sep 2011
Gender: Female
Re: Come prolungare il trillo?
Reply #5 - 08. Feb 2012 at 20:31
Print Post Print Post  
Si esistono eccome!
C'è un esercizio dell' hanon che si chiama studio del trillo, poi mi ricordo due studi di Cramer dove devi alternare le dita. Comunque è giusto che ognuno trovi la diteggiatura più comoda per le proprie mani, non tutti le abbiamo uguali Wink
  
Back to top
IP Logged
 
aetherios
New Member
*
Offline



Posts: 26
Joined: 05. Dec 2011
Re: Come prolungare il trillo?
Reply #6 - 08. Feb 2012 at 20:41
Print Post Print Post  
Grazie ora darò un'occhiata a questi studi Wink
  
Back to top
 
IP Logged
 
ivanricciardi
God Member
*****
Offline



Posts: 685
Location: Siracusa
Joined: 11. Feb 2011
Gender: Male
Re: Come prolungare il trillo?
Reply #7 - 09. Feb 2012 at 17:32
Print Post Print Post  
Di esercizi, o meglio studi, sul trillo ce ne sono un paio fra i 23 del Gradus di Clementi da portare all'ottavo  Wink
  

"Non studiare soltanto "meccanicamente". Sovente la difficoltà non risiede nelle note, ma nel colore del suono o nel dinamismo ... Tutto è possibile sul pianoforte, persino ciò che a prima vista pare impossibile. Basta lavorare con intelligenza." (Ferruccio Busoni)
Back to top
 
IP Logged
 
aetherios
New Member
*
Offline



Posts: 26
Joined: 05. Dec 2011
Re: Come prolungare il trillo?
Reply #8 - 10. Feb 2012 at 01:51
Print Post Print Post  
Wow! Grazie mille Smiley
  
Back to top
 
IP Logged
 
F. Franciszek Esperanto
Full Member
***
Offline


Esperanto sempre

Posts: 239
Joined: 10. Oct 2010
Gender: Male
Re: Come prolungare il trillo?
Reply #9 - 24. Sep 2018 at 23:37
Print Post Print Post  
Siccome non è mai troppo tardi...  Cool provo a raccogliere le idee e poi propongo il "mio" esercizio, al duplice scopo di... regalarvelo ma anche di ottenere delle critiche per migliorarlo.
È infatti una mia invenzione, e non essendo io un didatta avrà dei punti deboli. Prima di attaccarmi: sicuramente migliaia di persone hanno inventato lo stesso esercizio, lo immagino. Lo definisco mio perché "stavolta" l'ho creato io, ma anche per dirvi: «state attenti, l'ha creato un Pinco Pallino, prendetelo con le pinze»; o perché no: «aiutatemi a migliorarlo».

Per introdurlo al meglio ecco una storia dei miei errori, perché forse sono i vostri e bisogna conoscere gli errori per capire cosa vogliamo evitare.

Come molti di voi, nessun maestro mi ha detto come trillare, solo, incontrati i trilli mi dicevano di eseguirli. Studiandoli iniziavo lentamente e acceleravo pian piano. Anche riuscendo ad ottenere la velocità voluta, se il trillo era lungo la mano man mano si irrigidiva con fatica sempre maggiore.

Vedendo il mio maestro trillare, ho notato che teneva indice e medio quasi perpendicolari alla tastiera, come una persona in piedi. Non gli ho mai chiesto perché lo facesse, se era un trucco o semplicemente la mano si metteva così senza che lui ci facesse caso.

Da solo ho fatto per un certo tempo l'esercizio sul trillo dell'Hanon, che mi ha insegnato solo le diverse diteggiature presentate (es. trillo di Thalberg). Non mi ha insegnato a trillare.

Ho smesso di suonare per più di un decennio ma mi è sempre rimasta la mania di trillare, per esempio su un tavolo o sulla tastiera del computer. Ciò mi ha solo affaticato le dita, visto che dopo il mio recente ritorno al pianoforte ho notato che tutto questo trillare non mi ha fatto progredire granché.

L'errore più grosso che ho fatto è forse quello di iniziare lentamente, esercitare quindi i gruppi muscolari che funzionano quando le dita vanno piano, e aspettarsi che poi andando veloci i muscoli "veloci", non allenati, sappiano cosa fare... inoltre i muscoli del "movimento lento" tenderanno ad essere chiamati quando suoniamo velocemente (glielo abbiamo insegnato noi, per ore!) causando tensione.
Pare che Busoni, nell'imparare un nuovo brano studiasse una parte lentamente per memorizzarla ma poi la portava subito a velocità elevate, quasi sapesse che i muscoli usati suonando lentamente non sono quelli usati suonando velocemente(*). Putroppo molti grandi non hanno scritto o non erano consapevoli dei motivi del successo dei loro metodi di studio. I buoni didatti invece sanno insegnare, ma spesso conservano i segreti gelosamente o con buona volontà li dicono a tutti ma non li mettono per iscritto e si disperdono (verba volant...).

Chuan C. Chang (che sarà mai quella C.?) porta un esempio molto efficace, che riporto un po' rielaborato: immaginiamo un cavallo che deve fare un esercizio al galoppo; gli facciamo fare prima l'esercizio al passo, poi al trotto, finalmente al galoppo. Ad ogni fase (passo, trotto, galoppo) il cavallo usa gruppi di muscoli diversi e deve "reimparare" i movimenti daccapo (o quasi). Magari eseguendo l'esercizio al galoppo si attiveranno i muscoli che usava al trotto, rallentandolo e creando tensione.

Se siete sopravvissuti a questa presentazione, per non appesantire presento finalmente l'esercizio per studiare il trillo, ma nel prossimo commento. Questo è troppo lungo...

(*) https://www.rodoni.ch/busoni/pianoforte/feninger.html che a sua volta cita: Paul Roes, «La technique...», p. 8
  
Back to top
 
IP Logged
 
F. Franciszek Esperanto
Full Member
***
Offline


Esperanto sempre

Posts: 239
Joined: 10. Oct 2010
Gender: Male
Re: Come prolungare il trillo?
Reply #10 - 24. Sep 2018 at 23:49
Print Post Print Post  
Eccovi la "mia" proposta per esercitare il trillo basato sulle variazioni ritmiche, e vi chiedo di attaccarlo ferocemente con critiche costruttive, per rafforzarne i punti deboli.

Per semplicità supponiamo di voler esercitare il trillo 232323... sui tasti DoRe; non potendo scrivere le note, uso questa convenzione: la nota scritta in minuscolo va eseguiremo velocissimamente, quasi fosse un'acciaccatura, al contrario sulla nota in MAIUSCOLO ci fermiamo quanto vogliamo, come se avesse un punto coronato.
La parte prima fa così:

    doRE doRE doRE doRE ... doRE

e quindi esercitiamo l'opposto:

    reDO reDO reDO reDO ... reDO

e perché no a piacimento:

    doRE reDO reDO reDO doRE doRE

Attenzione alle note in minuscolo: un'acciaccatura la eseguiremmo muovendo l'avambraccio e sfruttandone il peso. Ma queste non sono acciaccature bensì note di un trillo, quindi vanno eseguite solo con le dita: teniamo il resto del braccio fermo facendo lavorare le dita. Ad ogni nota rilassiamo tutto ciò che sentiamo sotto tensione, cerchiamo i movimenti inutili e li eliminiamo. Il dito che ha appena premuto il tasto deve immediatamente rilassarsi.
Facendo così stiamo lavorando direttamente a velocità altissime, sebbene per sole due note - come nelle varianti ritmiche.

Quando si padroneggerà la prima parte, le stesse considerazioni valgono per la parte seconda, che ricorda un mordente:

    doreDO doreDO doreDO ... doreDO


e ovviamente:

    redoRE redoRE redoRE ... redoRE

Possiamo aumentare il numero di note iniziali veloci ad oltranza, ma credo che quando si riuscirà a farne cinque o sei, probabilmente ci si potrà fermare:

    redoredoreDO ... doredoredoRE

Il tutto come al solito, stando attenti alla tensione, fermarsi se arriva il dolore... Chi ama diteggiature diverse può provarle, metterci un tasto nero... fate i vostri esperimenti.

Riassumendo, l'ideale è:
1. solo i movimenti essenziali
2. zero tensione: coivolgere meno muscoli possibile, rilassare immediatamente
3. trovare una posizione che permetta 1 e 2.

Due domande da 'gnurante quale sono.

La prima è per i bravi trillatori e riguarda il punto 3: esiste una posizione ideale per trillare, o una che sconsigliate?

Meno importante: molti imparano sul pianoforte a muro, ma col doppio scappamento, cambia tanto il modo di suonare? Non è che con quest'ultimo si può "barare"? Perché alla fine è il pianoforte a coda che c'è nelle sale da concerto.
  
Back to top
 
IP Logged
 
vecchiobambino
God Member
*****
Offline


I Love Pianoforum!

Posts: 634
Joined: 10. Jun 2007
Re: Come prolungare il trillo?
Reply #11 - 25. Sep 2018 at 03:30
Print Post Print Post  
F. Franciszek Esperanto wrote on 24. Sep 2018 at 23:37:
Vedendo il mio maestro trillare, ho notato che teneva indice e medio quasi perpendicolari alla tastiera, come una persona in piedi. Non gli ho mai chiesto perché lo facesse, se era un trucco o semplicemente la mano si metteva così senza che lui ci facesse caso.

Te lo spiego rapidamente prima che arrivi 10dita con Kaemperer ecc. Undecided.
Perché con le dita flesse riduci il momento di inerzia sull'asse delle nocche, e con ciò, a parità di forza, aumenti la velocità del moto del trillo rispetto a quello a dita estese.
Inoltre nella parte prossimale del tasto (quella più vicina a chi suona) basta una forza minore per ottenere un certo momento agente (quello che causa il suono), perché il braccio della leva tasto è maggiore.
Si dimentica che la meccanica pianistica è in buona parte rotatoria, quindi bisognerebbe parlare di momenti, mentre si parla, informalmente, di forze.
Sono moti rotatori Cheesy.

  
Back to top
 
IP Logged
 
caraciaccabumbum
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 16
Joined: 13. Aug 2018
Re: Come prolungare il trillo?
Reply #12 - 25. Sep 2018 at 15:18
Print Post Print Post  

La prima è per i bravi trillatori e riguarda il punto 3: esiste una posizione ideale per trillare, o una che sconsigliate?

Meno importante: molti imparano sul pianoforte a muro, ma col doppio scappamento, cambia tanto il modo di suonare? Non è che con quest'ultimo si può "barare"? Perché alla fine è il pianoforte a coda che c'è nelle sale da concerto.
[/quote]


Le posizioni ideali per trillare sono tante quanto sono le scuole pianistiche purtroppo ... poi c'è Chang che,a mio parere, mette pace e nel suo libro scrive quasi tutto ciò che c'è da sapere sul suonare il pianoforte , ma a prescindere dalle varie scuole, un trillo , eseguito da un grande pianista, non può risultare tanto utile da analizzare perchè i movimenti che fa sono talmente veloci che noi non riusciremmo a coglierne i "segreti" .
Tuttavia, una rotazione dell'avambraccio può già aiutare a ridurre la tensione ...tieni presente ilvibrato dei violoncellisti ? IO quando trilllo , per esempio nella Campanella, uso esattamente quel movimento : essenziale e funzionale .
Un altro movimento che può essere utile è far slittare la mano in dentro la tastiera e fuori contemporaneamente alla rotazione. Le dita devono essere molto forti e di punta , nessun polpastrello , a meno che non sei stato abituato fin dal principio a suonare con esso .
Una posizione che sconsiglio è quella col polso basso e che fa lavorare solo le dita.

Nei pianoforti a coda in generale l'inerzia da vincere è minore dei verticali , quindi teoricamente dovrebbe essere più semplice e più "leggero" suonare sui coda , ma praticamente non è così per il fatto che la maggior parte dei pianisti non hanno dimestichezza coi fondamentali di abbassamento del tasto esattamente come dice Chang.
  
Back to top
 
IP Logged
 
F. Franciszek Esperanto
Full Member
***
Offline


Esperanto sempre

Posts: 239
Joined: 10. Oct 2010
Gender: Male
Re: Come prolungare il trillo?
Reply #13 - 03. Oct 2018 at 08:05
Print Post Print Post  
Con le dita perpendicolari sento molto la differenza di lunghezza tra indice e medio, quindi cercherò di tenere le dita flesse e diminuire i momenti angolari ("accorciando" le dita, se ho capito bene).
Ho provato ad aggiungere un mini-movimento rotatorio sfruttando l'esercizio sopra, per ora con scarso successo, ma in futuro magari aiuterà.

Tra parentesi, trillo meglio con la sinistra, anche se più lento, il trillo è costante e sicuro, sia diteggiando 1313 che 2323. Forse siccome ho trillato più tadi e di meno con la sinistra, ho appreso movimenti più semplici e corretti. Resta il fatto che è più lenta
  
Back to top
 
IP Logged