Normal Topic IGOR COGNOLATO (intervista a cura di M. Zuccarato) (Read 2357 times)
staff
Forum Moderator
*****
Offline


Stiamo lavorando per voi

Posts: 1143
Joined: 24. Nov 2007
IGOR COGNOLATO (intervista a cura di M. Zuccarato)
06. Dec 2012 at 13:23
Print Post Print Post  
Maestro Cognolato, innanzitutto grazie per l'intervista.
Quando ha conosciuto il pianoforte e come?

Avevo 5 anni. La mia famiglia venne invitata a cena da amici: una coppia con due figli. Uno di essi strimpellava un po' di jazz e ne rimasi profondamente affascinato. Chiesi di poter imparare a "fare quella cosa lì pure io". Purtroppo con il jazz però non so da dove cominciare nonostante mi affascini e mi piaccia tutt'oggi.


Jazzisti preferiti?

Ne ammiro molti,ma i primi nomi che mi sovvengono sono quelli di Oscar Peterson, Charlie Parker, Bill Evans, Thomas Stanko e Stefano Bollani.


Che cosa l'ha portata verso la musica classica?

Alla musica classica mi han portato gli studi di conservatorio: io sono nato nel 1965 e, al tempo, si studiava solo musica classica; per il jazz c'era la "pratica". In famiglia non sarebbe stato proponibile.


Degli insegnanti che ha avuto, chi considera fondamentale per la sua maturazione artistica?

Collego ognuno dei miei insegnanti a qualcosa di specifico, ma quello che ha avuto l'influenza maggiore su di me e' stato Roberto Szidon con il quale ho studiato alla Hochschule fuer Musik un Theater di Hannover ed alla Academie de Musique di Sion.


Ci parli un po' di lui. Che tipo d'insegnante era?

Era un insegnante molto particolare: un musicista straordinario, ricchissimo di fantasia e dotato di non comune apertura mentale nei confronti di repertorio e di interpretazione. Provava e comunicava una venerazione assoluta per il testo ed insegnava a guardarlo e non a vederlo.
Parlava sette lingue ed era un uomo colto. Possedeva una eccezionale capacità di comunicazione delle proprie idee ed era dotato di molta “freschezza“ nel suo approccio alla musica.
Gli sarò sempre grato per quanto ho imparato da lui.


Cosa ne pensa dei concorsi pianistici? Allo stato attuale contano così tanto per la carriera?

I concorsi ci sono e, a volte, possono aiutare a farsi conoscere benche' mi sembri evidente che ce ne sono troppi e si contano sulle dita di una mano quelli che davvero consentono il salto di qualità. Purtroppo spesso sono organizzati e gestiti più ad uso dei giurati e/o degli organizzatori che non dei partecipanti. In sè poi trovo un po' fuorviante l'idea della competizione in ambito artistico ma mi rendo conto che in un mondo ridondante come il nostro possa essere un criterio pure questo.
Tra i grandi pianisti in circolazione c'è pure chi, come Arcadi Volodos, non ha vinto alcun concorso eppure è un artista straordinario.


Lei è anche curatore di stagioni concertistiche, penso ai Concerti della Gioiosa Musa, come è nata l'idea?

I concerti de La gioiosa Musa son nati con l'intento di presentare al pubblico artisti pur validi ma meno (o poco, o per nulla) conosciuti sebbene in possesso di una buona professionalita. A tutti viene, di norma, chiesto di presentare anche una parte di programma costituita da repertorio meno standardizzato.
Trovo che non serva a nulla, oggi, continuare a presentarsi al pubblico solo con l'Appassionata, Mephisto Waltz n.1, Secondo Scherzo o Gaspard de la nuit. La pigrizia del pubblico rispecchia la pigrizia e la mancanza di stimoli degli artisti che si adagiano sul repertorio standard per lo più eseguito senza aver nulla di significativamente nuovo da dire. A chi e a cosa serve?
Il repertorio scritto per il pianoforte è caratterizzato da una vastità sconfinata; basta guardare, cercare, e poi scegliere assumendosene la responsabilità.


Che consigli si sentirebbe di dare ad un giovane che voglia intraprendere la carriera pianistica?

Non mi sento di dare consigli ad altre persone se non quello di cercare essere sempre se stessi, anche (soprattutto) nella propria veste di artisti.


Quali compositori caduti nell'oblio sono, secondo lei, da rivalutare?

Beh ce ne sono molti; alcuni già "ripescati" come Alkan o Medtner ma anche molti altri come Erwin Schulhoff, Ernesto Nazareth, Charles Tomlinson Griffes, Goldmark, Miklos Rozsa....
Ci sono inoltre composizioni tratte dal repertorio di compositori famosi che non vengono mai eseguite: la prima Ballata di Liszt, l'Allegro da Concerto di Chopin, la Seconda e la terza Sonata di Alberto Ginastera...
Queste sono solamente le prime cose che mi vengono in mente ma basta avere un po' di curiosità per trovare cose interessantissime da studiare, da suonare e da proporre al pubblico.


E di compositori italiani?

Mi interessano molto Petrassi, Casella, Fuga, Busoni. Per questioni fin troppo evidenti mi interesso e mi occupo di Amendola come di un autore Italiano prediletto. Anche a lui devo non poco nella mia formazione artistica: mi ha consentito di imparare a guardare ai brani con l'occhio del compositore. Come asserivo poco sopra ad ognuno tra i miei insegnanti devo qualcosa di particolare: a Michele Marvulli devo soprattutto l'aver imparato a suonare il cantabile. Ad Aldo Ciccolini l'aver imparato a suonare legato. A Dario De Rosa a pensare alle arcate di un violino o di un violoncello nella gestione delle frasi.
Ad ognuno di essi devo l'entusiasmo che li ha sempre animati nel farmi lezione e nel comunicarmi l'amore che anch'essi provavano nei confronti della Bellezza nell'arte musicale.

[continua]
  
Back to top
 
IP Logged
 
staff
Forum Moderator
*****
Offline


Stiamo lavorando per voi

Posts: 1143
Joined: 24. Nov 2007
Re: IGOR COGNOLATO (intervista a cura di M. Zuccarato)
Reply #1 - 06. Dec 2012 at 13:26
Print Post Print Post  
Ha composto anche lei qualcosa?

Qualche piccola insignificante composizione negli anni in cui ero studente di composizione. non ne esiste più traccia.


Quindi non la trovo su imslp? Cheesy

Penso (spero proprio) di no...
Penso di non aver alcuna capacità in quella direzione. in ogni caso studiare composizione mi ha certamente aiutato ad approcciarmi alla musica in maniera più completa.


Cosa sta studiando ultimamente?

Una trascrizione della Sinfonia in do maggiore di Richard Wagner, alcuni brani di Casella dell'op.17, alcuni brani di musica da camera di Carl Maria von Weber, Jean Francaix, Leonard Bernstein, due Sonate di Beethoven con il violino, un brano di Amaral Vieira scritto per ricordare il mio Maestro Roberto Szidon.


Solitamente quanto le ci vuole per assimilare un nuovo pezzo? E' un tipo à la Gieseking o à la Zimerman?

Io ho tempi lenti per assimilare sebbene riesca ad imparare abbastanza in fretta perché sono stato sempre spronato ad esercitare la prima vista. Ma tra il processo di apprendimento e quello dell'assimilazione è necessario il tempo poiché c'è bisogno della riflessione.
In ogni caso il paragone con due artisti come quelli - che considero mostri sacri - mi sembra persino... blasfemo.


Mi ricordo di un critico che la paragonava ad Horowitz, ad onor di cronaca...

Avvenne a Koblenz; gli piacque molto un'esecuzione di una Ballata di Chopin.
Ma l'opinione di un critico è e rimane quella di una persona sola.
  
Back to top
 
IP Logged
 
ivanricciardi
God Member
*****
Offline



Posts: 685
Location: Siracusa
Joined: 11. Feb 2011
Gender: Male
Re: IGOR COGNOLATO (intervista a cura di M. Zuccarato)
Reply #2 - 06. Dec 2012 at 15:15
Print Post Print Post  
E' bello leggere le parole umili di un artista di grande spessore!!! Bella intervista  Wink
  

"Non studiare soltanto "meccanicamente". Sovente la difficoltà non risiede nelle note, ma nel colore del suono o nel dinamismo ... Tutto è possibile sul pianoforte, persino ciò che a prima vista pare impossibile. Basta lavorare con intelligenza." (Ferruccio Busoni)
Back to top
 
IP Logged
 
Aisa klavier
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 9
Joined: 26. Apr 2013
Re: IGOR COGNOLATO (intervista a cura di M. Zuccarato)
Reply #3 - 09. May 2013 at 14:04
Print Post Print Post  
è proprio fantastico!!  Wink
  
Back to top
 
IP Logged