Page Index Toggle Pages: [1] 2  Send Topic Send Topic Print Print
Very Hot Topic (More than 25 Replies) esami: segreti, consigli, trucchetti (Read 7619 times)
puma
God Member
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 851
Joined: 12. Sep 2010
Gender: Male
esami: segreti, consigli, trucchetti
11. Jun 2013 at 06:39
Print Post Print Post  
Apro questo argomento per raccogliere tutte le esperienze e tutti i consigli per chi si accinge a sostenere gli esami di pianoforte (ammissione, diploma etc)

Come gestire l'emotività ?
Come organizzarsi per girare le pagine di un brano lungo ?
Cosa fare il giorno prima ?
Conviene provare il pianoforte fornito per la prova?

  
Back to top
 
IP Logged
 
ivanricciardi
God Member
*****
Offline



Posts: 685
Location: Siracusa
Joined: 11. Feb 2011
Gender: Male
Re: esami: segreti, consigli, trucchetti
Reply #1 - 11. Jun 2013 at 07:21
Print Post Print Post  
Ciao puma,
io ho il diploma tra poco ed effettivamente, a parte il problema di girare le pagine, mi ritrovo un pò in tutti i quesiti che hai elencato.

Per quanto riguarda l'emotività, cerco di suonare il più possibile davanti agli altri (amici, parenti, maestri, ecc. ecc.) e molto spesso, soprattutto a ridosso dell'esame, faccio anche registrazioni con la videocamera; tutto questo è molto utile perchè ti abitua a suonare sotto stress. Certo davanti alla commissione è diverso; io, bene o male, dopo il disagio iniziale, riesco a concentrarmi al massimo, entro in "modalità sopravvivenza"  Grin e pian piano allento la tensione.

Il problema di girare le pagine non ce l'ho perchè ho memorizzato tutto. Comunque in passato mi è capitato che qualche commissario si prestasse a girare le pagine. Non dovrebbe essere un problema.

Il giorno prima, e forse anche più di un giorno, c'è chi sostiene che ci si dovrebbe riposare. Io però non ce la faccio e lo considero un giorno di studio come gli altri, anche se evito di spremermi troppo. Per me l'importante è, soprattutto se suono a memoria, stare attentissimo a non sbagliare note, non cambiare nulla (quel che è fatto è fatto!!!) e magari suonare tutto lentamente in modo da fissare bene in mente tutti i passaggi. In verità, la pratica ogni tanto (non sempre eh!!! Anche se a ridosso dell'esame lo faccio più spesso) di suonare lentamente ce l'ho fin dall'inizio della preparazione; questo perchè ho il terrore degli automatismi e cerco, nei limiti del possibile, di essere sempre consapevole e cosciente di ciò che sto suonando; purtroppo ho notato, per esperienza personale, che sotto stress sono proprio quei passaggi che non sbaglieresti mai perchè vengono da soli che poi finisci per sbagliare (problema che si verifica soprattutto con Bach).

Per quanto riguarda il pianoforte, se ti danno la possibilità di provarlo non ci pensare due volte e provalo.  Wink
  

"Non studiare soltanto "meccanicamente". Sovente la difficoltà non risiede nelle note, ma nel colore del suono o nel dinamismo ... Tutto è possibile sul pianoforte, persino ciò che a prima vista pare impossibile. Basta lavorare con intelligenza." (Ferruccio Busoni)
Back to top
 
IP Logged
 
Kvitrafn
God Member
*****
Offline


Pianoforum user!

Posts: 1202
Joined: 27. Jul 2011
Gender: Male
Re: esami: segreti, consigli, trucchetti
Reply #2 - 11. Jun 2013 at 08:27
Print Post Print Post  
Per ciò che riguarda l'emotività ti dico ciò che dico sempre:
La musica non dev'essere motivo di stress, timore o paura. La musica ha tutt'altro scopo.. cerchiamo di ricordarlo. Wink
  

#define true 0;&&#define false 1;&&//Happy debugging, losers.
Back to top
 
IP Logged
 
ivanricciardi
God Member
*****
Offline



Posts: 685
Location: Siracusa
Joined: 11. Feb 2011
Gender: Male
Re: esami: segreti, consigli, trucchetti
Reply #3 - 11. Jun 2013 at 11:51
Print Post Print Post  
Kvitrafn wrote on 11. Jun 2013 at 08:27:
Per ciò che riguarda l'emotività ti dico ciò che dico sempre:
La musica non dev'essere motivo di stress, timore o paura. La musica ha tutt'altro scopo.. cerchiamo di ricordarlo. Wink


Hai perfettamente ragione, ma non credo sia così semplice quando è il tuo ultimo esame (e non avrai altre occasioni per sostenerlo) ed hai una commissione davanti che ti deve giudicare.
Ed, a mio parere, lo stesso discorso vale per quei concertisti che, suonando per mestiere, devono sempre mantenere alti i loro standard affinchè ci sia sempre qualcuno pronto e ben disposto ad offrirgli un palco su cui esibirsi.
E' un argomento molto delicato. Addirittura, se non ricordo male, all'Accademia Pianistica Siciliana, tra le materie di studio, c'è anche il training autogeno... pensa un pò!!!  Smiley
  

"Non studiare soltanto "meccanicamente". Sovente la difficoltà non risiede nelle note, ma nel colore del suono o nel dinamismo ... Tutto è possibile sul pianoforte, persino ciò che a prima vista pare impossibile. Basta lavorare con intelligenza." (Ferruccio Busoni)
Back to top
 
IP Logged
 
ivanricciardi
God Member
*****
Offline



Posts: 685
Location: Siracusa
Joined: 11. Feb 2011
Gender: Male
Re: esami: segreti, consigli, trucchetti
Reply #4 - 11. Jun 2013 at 11:59
Print Post Print Post  
ivanricciardi wrote on 11. Jun 2013 at 11:51:
Kvitrafn wrote on 11. Jun 2013 at 08:27:
Per ciò che riguarda l'emotività ti dico ciò che dico sempre:
La musica non dev'essere motivo di stress, timore o paura. La musica ha tutt'altro scopo.. cerchiamo di ricordarlo. Wink


Hai perfettamente ragione, ma non credo sia così semplice quando è il tuo ultimo esame (e non avrai altre occasioni per sostenerlo) ed hai una commissione davanti che ti deve giudicare.
Ed, a mio parere, lo stesso discorso vale per quei concertisti che, suonando per mestiere, devono sempre mantenere alti i loro standard affinchè ci sia sempre qualcuno pronto e ben disposto ad offrirgli un palco su cui esibirsi.
E' un argomento molto delicato. Addirittura, se non ricordo male, all'Accademia Pianistica Siciliana, tra le materie di studio, c'è anche il training autogeno... pensa un pò!!!  Smiley



Ricordavo bene:
http://www.accademiapianisticasiciliana.it/corsi1.htm
  

"Non studiare soltanto "meccanicamente". Sovente la difficoltà non risiede nelle note, ma nel colore del suono o nel dinamismo ... Tutto è possibile sul pianoforte, persino ciò che a prima vista pare impossibile. Basta lavorare con intelligenza." (Ferruccio Busoni)
Back to top
 
IP Logged
 
puma
God Member
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 851
Joined: 12. Sep 2010
Gender: Male
Re: esami: segreti, consigli, trucchetti
Reply #5 - 12. Jun 2013 at 06:56
Print Post Print Post  
Come studiate a memoria: mani separate o unite?

Come portate avanti lo studio per evitare automatismi poco affidabili?
  
Back to top
 
IP Logged
 
ivanricciardi
God Member
*****
Offline



Posts: 685
Location: Siracusa
Joined: 11. Feb 2011
Gender: Male
Re: esami: segreti, consigli, trucchetti
Reply #6 - 12. Jun 2013 at 08:53
Print Post Print Post  
Io studio a mani unite; raramente a mani separate solo per quei passaggi particolarmente ostici. La memorizzazione, almeno per quello che concerne la mia esperienza personale, avviene gradualmente, attraverso la ripetizione ossessiva (anche con varianti ritmiche e di tocco) e lo studio molto lento. Proprio quest'ultimo è quello che mi consente di ridurre il più possibile gli automatismi. Purtroppo il mio punto debole per la memorizzazione sono i tempi lenti: ho fatto una fatica boia a memorizzare il secondo tempo del Concerto Italiano di Bach e a pochi giorni dall'esame a volte ancora sbaglio la sinistra  Huh
  

"Non studiare soltanto "meccanicamente". Sovente la difficoltà non risiede nelle note, ma nel colore del suono o nel dinamismo ... Tutto è possibile sul pianoforte, persino ciò che a prima vista pare impossibile. Basta lavorare con intelligenza." (Ferruccio Busoni)
Back to top
 
IP Logged
 
puma
God Member
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 851
Joined: 12. Sep 2010
Gender: Male
Re: esami: segreti, consigli, trucchetti
Reply #7 - 12. Jun 2013 at 18:05
Print Post Print Post  
Allora per quel punto portati lo spartito.
Grazie per il discorso degli automatismi. In bocca al lupo!
Smiley
  
Back to top
 
IP Logged
 
ivanricciardi
God Member
*****
Offline



Posts: 685
Location: Siracusa
Joined: 11. Feb 2011
Gender: Male
Re: esami: segreti, consigli, trucchetti
Reply #8 - 13. Jun 2013 at 06:34
Print Post Print Post  
Crepi il lupo!!!  Smiley
  

"Non studiare soltanto "meccanicamente". Sovente la difficoltà non risiede nelle note, ma nel colore del suono o nel dinamismo ... Tutto è possibile sul pianoforte, persino ciò che a prima vista pare impossibile. Basta lavorare con intelligenza." (Ferruccio Busoni)
Back to top
 
IP Logged
 
comefare
Full Member
***
Offline


W Pianoforum!

Posts: 118
Location: aspirante suonatore
Joined: 03. Jul 2010
Gender: Male
Re: esami: segreti, consigli, trucchetti
Reply #9 - 19. Jun 2013 at 08:43
Print Post Print Post  
io ieri ho avuto il mio primo "saggio" in pubblico a chiusura dell'anno di scuola, e di sicuro non è paragonabile ad un esame di pianista vero. E non pensavo che sarebbe andata così male. Ma una volta seduto e dopo le prime battute, l'emotività l'ha fatta da padrona, mi sono bloccato, e non riuscivo a riprendere, gli occhi non vedevano le  note sullo spartito e la testa mi stava scoppiando. Non credevo avrei potuto reagire così. E' stato tutto abbastanza patetico.
  
Back to top
 
IP Logged
 
ivanricciardi
God Member
*****
Offline



Posts: 685
Location: Siracusa
Joined: 11. Feb 2011
Gender: Male
Re: esami: segreti, consigli, trucchetti
Reply #10 - 19. Jun 2013 at 09:32
Print Post Print Post  
comefare wrote on 19. Jun 2013 at 08:43:
io ieri ho avuto il mio primo "saggio" in pubblico a chiusura dell'anno di scuola, e di sicuro non è paragonabile ad un esame di pianista vero. E non pensavo che sarebbe andata così male. Ma una volta seduto e dopo le prime battute, l'emotività l'ha fatta da padrona, mi sono bloccato, e non riuscivo a riprendere, gli occhi non vedevano le  note sullo spartito e la testa mi stava scoppiando. Non credevo avrei potuto reagire così. E' stato tutto abbastanza patetico.


Se posso darti un consiglio, cerca di esibirti più spesso davanti agli amici o i familiari e vedrai che pian piano supererai il problema. Purtroppo la prima volta è sempre un pò traumatica. Devi abituarti. Devi riuscire a crearti la tua bella campana di vetro in cui niente e nessuno può scalfirti. Vedrai che ci riuscirai Wink
  

"Non studiare soltanto "meccanicamente". Sovente la difficoltà non risiede nelle note, ma nel colore del suono o nel dinamismo ... Tutto è possibile sul pianoforte, persino ciò che a prima vista pare impossibile. Basta lavorare con intelligenza." (Ferruccio Busoni)
Back to top
 
IP Logged
 
comefare
Full Member
***
Offline


W Pianoforum!

Posts: 118
Location: aspirante suonatore
Joined: 03. Jul 2010
Gender: Male
Re: esami: segreti, consigli, trucchetti
Reply #11 - 19. Jun 2013 at 10:11
Print Post Print Post  
ivanricciardi wrote on 12. Jun 2013 at 08:53:
Io   attraverso la ripetizione ossessiva (anche con varianti ritmiche e di tocco) e lo studio molto lento. Proprio quest'ultimo è quello che mi consente di ridurre il più possibile gli automatismi.


ho letto ora questo.
Ma non sono due cose che vanno in direzione opposta? cioè, l'automatismo non è generato proprio dalla ripetizione ossessiva?
io noto che ripetendo molto molto molto, imparo il pezzo, le mani vanno da sole, pero' appena si inceppa qualcosa mi perdo, perchè gli occhi non hanno seguito lo spartito, per cui non riesco a riprendere.
Mi risulta difficile tenere alta la concentrazione in presenza del pilota automatico...
  
Back to top
 
IP Logged
 
ivanricciardi
God Member
*****
Offline



Posts: 685
Location: Siracusa
Joined: 11. Feb 2011
Gender: Male
Re: esami: segreti, consigli, trucchetti
Reply #12 - 19. Jun 2013 at 13:04
Print Post Print Post  
Parlando per esperienza personale, la ripetizione di determinati passaggi in tempo molto lento e con l'utilizzo delle varianti mi permette di fissare bene in mente le note, soprattutto per quanto riguarda Bach, la cui scrittura non aiuta di certo la memorizzazione.
Sempre secondo la mia esperienza personale, ho notato che suonando con lo spartito, nascono quegli automatismi causati dai momenti in cui lo sguardo si concentra sulla carta e per ovvi motivi le mani devono andare da sole.
Detto questo, il mio consiglio è di memorizzare il più possibile, soprattutto quei brani che devi esibire in pubblico.
Spero di esserti stato utile  Smiley
  

"Non studiare soltanto "meccanicamente". Sovente la difficoltà non risiede nelle note, ma nel colore del suono o nel dinamismo ... Tutto è possibile sul pianoforte, persino ciò che a prima vista pare impossibile. Basta lavorare con intelligenza." (Ferruccio Busoni)
Back to top
 
IP Logged
 
comefare
Full Member
***
Offline


W Pianoforum!

Posts: 118
Location: aspirante suonatore
Joined: 03. Jul 2010
Gender: Male
Re: esami: segreti, consigli, trucchetti
Reply #13 - 19. Jun 2013 at 13:21
Print Post Print Post  
Grazie
forse allora non mi è chiaro "memorizzare" o forse cerco scuse per non capirlo a dovere.
Tu intendi conoscere a memoria le note, cioè sapere che dopo quel Sol ci sarà qul Mi o quell'altra nota? Sai cantare tutti i pezzi che memorizzi?
Perchè allora io sono ancora nella fase lontanissima, dove ho solo memoria "fisica", cioè a ricordare è solo la mano
  
Back to top
 
IP Logged
 
ivanricciardi
God Member
*****
Offline



Posts: 685
Location: Siracusa
Joined: 11. Feb 2011
Gender: Male
Re: esami: segreti, consigli, trucchetti
Reply #14 - 19. Jun 2013 at 13:52
Print Post Print Post  
comefare wrote on 19. Jun 2013 at 13:21:
Grazie
forse allora non mi è chiaro "memorizzare" o forse cerco scuse per non capirlo a dovere.
Tu intendi conoscere a memoria le note, cioè sapere che dopo quel Sol ci sarà qul Mi o quell'altra nota? Sai cantare tutti i pezzi che memorizzi?
Perchè allora io sono ancora nella fase lontanissima, dove ho solo memoria "fisica", cioè a ricordare è solo la mano


Si, intendo proprio memorizzare le note. Sul cantare i pezzi, a dirti la verità non ho mai provato.
Ti invito a fare un esperimento:
Suona il brano che hai portato al saggio (se puoi a memoria) alla velocità più lenta possibile, anche a 70 la semicroma se è il caso (o vedi tu quale può essere la suddivisione più adatta, non so quale brano hai portato), e vedi se riesci a suonarlo tutto perfettamente a tempo senza problemi. Se riesci a farlo agevolmente vuol dire che ne hai una conoscenza abbastanza approfondita.
Io uso spesso questo metodo e ti assicuro che non è per niente semplice. Tra l'altro questo è anche il metodo di studio consigliato da Leimer a pag.19 della seconda parte del metodo Leimer-Gieseking.

http://pianoforum.livingclassic.com/cgi-bin/forum/YaBB.cgi?num=1317344393
  

"Non studiare soltanto "meccanicamente". Sovente la difficoltà non risiede nelle note, ma nel colore del suono o nel dinamismo ... Tutto è possibile sul pianoforte, persino ciò che a prima vista pare impossibile. Basta lavorare con intelligenza." (Ferruccio Busoni)
Back to top
 
IP Logged
 
comefare
Full Member
***
Offline


W Pianoforum!

Posts: 118
Location: aspirante suonatore
Joined: 03. Jul 2010
Gender: Male
Re: esami: segreti, consigli, trucchetti
Reply #15 - 19. Jun 2013 at 14:26
Print Post Print Post  
grazie
io credo che sarei in grado di suonare il pezzo senza spartito, ma credo di essere ancora troppo legato ad un automatismo di tipo fisico/meccanico.
Cioè se tu mi fermassi all'improvviso, io con molta probabilità non sarei in grado di dirti la nota che viene dopo nè a riprendere.

Con memorizzare le note/cantare intendo recitare il pezzo come una poesia imparata a memoria. Cioè con il pianoforte chiuso e le mani ferme o in tasca, essere in grado di dire: RE MI RE DO SI LA FA SOL SI RE MI SOL e cosi' via fino alla fine del pezzo.
Tu riesci a memorizzare così le note di un intero brano? hai l'orecchi assoluto?
  
Back to top
 
IP Logged
 
Cassiopea
Senior Member
****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 320
Joined: 24. Oct 2011
Gender: Female
Re: esami: segreti, consigli, trucchetti
Reply #16 - 19. Jun 2013 at 15:12
Print Post Print Post  
Confermo che il metodo di Ivan funziona eccome per testare la memoria Smiley

Comefare: guarda, io sono in grado di "recitare" i brani che suono, ma comunque se vengo interrotta improvvisamente non so riprendere: è come se nella mia testa le mani destra e sinistra avessero "file" diversi, con solo alcui punti di contatto (che sono i posti da cui riesco a riprendere con tutte e due le mani).
Se vengo bloccata, nella migliore delle ipotesi riprendo con una sola mano, ma solo se mi ricordo la frase in cui è inserita l'ultima nota che ho suonato, e non capita sempre.

Per quel che riguarda la memorizzazione, la verità è che si tratta solo di un trasferimento della funzione "coperta di Linus" (cioè riferimento che dà sicurezza mentre suoni Wink) dello spartito a qualcos'altro. Dato che ognuno di noi ha un canale preferito per la memorizzazione tra udito e vista, in alternativa a imparare a cantare il brano, prova a guardare la tastiera e imparare la posizione che le mani assumono: magari ti riesce più semplice.

In ogni caso, ben vengano gli automatismi meccanici, purchè accompagnati da una memorizzazione consapevole, e purchè il cervello sorvegli sempre il discorso musicale e non si "spenga": una buona esecuzione non è mai uguale a un'altra perchè i dettagli del tocco, della dinamica e dell'agogica si decidono al momento (per mantenere la coerenza musicale tra una nota e la successiva).
  
Back to top
 
IP Logged
 
comefare
Full Member
***
Offline


W Pianoforum!

Posts: 118
Location: aspirante suonatore
Joined: 03. Jul 2010
Gender: Male
Re: esami: segreti, consigli, trucchetti
Reply #17 - 19. Jun 2013 at 15:37
Print Post Print Post  
Cassiopea, ma hai l'orecchio assoluto? o quando studi ti impegni a "recitare" e ricordare le note?
io di sicuro sbaglio metodo allora. Cioè quando studio un brano e leggo le note, premo il tasto corrispondente, ma non mi "impegno" a memorizzare di che nota si tratti.
  
Back to top
 
IP Logged
 
Cassiopea
Senior Member
****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 320
Joined: 24. Oct 2011
Gender: Female
Re: esami: segreti, consigli, trucchetti
Reply #18 - 19. Jun 2013 at 18:58
Print Post Print Post  
La prima Smiley
Sono molto legata però al guardarmi la mano e memorizzare le posizioni, anche perchè non sono per niente brava a leggere e suonare allo stesso tempo, quindi faccio di tutto per imparare subito "dove schiacciare" anche prima di sviluppare gli automatismi meccanici, per poter lavorare sull'interpretazione.
Per me la memoria non è un qualcosa in più, mi è assolutamente indispensabile...

In realtà però siamo tutti diversi, non è detto che ciò che è comodo per me lo sia altrettanto per te. Io ti consiglio di provare, con il prossimo brano, a impararlo da subito a memoria. Più che altro visto che, in esecuzione, lo spartito non ti ha "aiutato" come forse ti aspettavi.

Comunque, non ti arrendere Cheesy
  
Back to top
 
IP Logged
 
comefare
Full Member
***
Offline


W Pianoforum!

Posts: 118
Location: aspirante suonatore
Joined: 03. Jul 2010
Gender: Male
Re: esami: segreti, consigli, trucchetti
Reply #19 - 20. Jun 2013 at 06:55
Print Post Print Post  
vabbè, con l orecchio assoluto però non vale!!!

io ieri sono riuscito a suonare (a fine giornata, quindi non ero neanche fresco e concetratissimo) il pezzo che ho portato al saggio (due paginette, la prima delle bagatelle op 119 di lvb in si minore), e a parte un passaggio, sono riuscito ad arrivare alla fine senza spartito, quindi credo di poter dire di conoscere il pezzo.
Il mio discorso è questo: io conosco la melodia del pezzo, lo so canticchiare, se ne ascolto una registrazione so a quale "pezzo" del mio spartito corrisponde. Ma se mi chiedi che note sono, io non te lo so dire!
dovrei memorizzare le note quindi, a questo punto?
  
Back to top
 
IP Logged
 
Page Index Toggle Pages: [1] 2 
Send Topic Send Topic Print Print