Page Index Toggle Pages: 1 2 [3] 4 5 6 Send Topic Send Topic Print Print
Very Hot Topic (More than 25 Replies) Il "Buon" Maestro (Read 12206 times)
Pegasofly
Full Member
***
Offline


W Pianoforum!

Posts: 204
Joined: 19. Apr 2013
Gender: Male
Re: Il "Buon" Maestro
Reply #40 - 16. Jan 2016 at 13:28
Print Post Print Post  
Gabri_BT wrote on 14. Jan 2016 at 23:02:
Alla fine le ho chiesto se fosse davvero sicura di voler "lavorare" con me. Lei è troppo per me Embarrassed Ho paura di non essere all’altezza, di deluderla. Penso che, per un adulto con così poca esperienza come la mia, ci voglia molto coraggio per riuscire a stare con un’insegnante così.

Il problema ora si è invertito. L’insegnante BRAVA c’è. Ma sarò io un’allieva in grado di recepire tutte quelle raffinatezze? Vi confesso che sono entusiasta, ma anche molto spaventata. Per carità, lei è dolcissima e per tranquillizzarmi mi disse che ha altri allievi adulti; e che vuole che studi con lei perché sono musicale e motivata...  ma certamente mi è ben chiaro, sin dalla prima lezione, che con lei non si mettono solo le notine sotto le dita, lei insegna (e pretende) Musica. Mi ha dato il brano da leggere per la prossima settimana, ma certamente ancora lei non sa con che velocità io sono in grado di metterlo su. Spero che, conoscendomi, riesca a “tarare” il modo di procedere. 

Io voglio avere il coraggio di star con lei. Lei è brava ed è sicuramente in grado di darmi molto, moltissimo. Ma ce la farò?  Embarrassed Embarrassed Embarrassed


Sembra davvero che sia stato un incontro a dir poco entusiasmante. Dal tuo racconto si poteva quasi "sentire" il tuo entusiasmo e percepire i tuoi timori nel rischiare di "deludere" le aspettative della tua Maestra. Ma non preoccuparti. Vai avanti così, sii te stessa e e soprattutto dai tutto quello che puoi e vedrai che andrai benissimo!!! Smiley
  
Back to top
 
IP Logged
 
Gabri_BT
Global Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 1120
Joined: 10. Nov 2013
Gender: Female
Re: Il "Buon" Maestro
Reply #41 - 16. Jan 2016 at 21:41
Print Post Print Post  

pianozero wrote on 15. Jan 2016 at 10:02:
A proposito avete parlato di esercizi ? scale , Hannon ecc. hai capito come è orientata ?


PS un giorno ci spiegherai questo tuo originale e caratteristico uso del passato remoto anche per eventi accaduti ieri  ? E' da tanto che volevo chiederlo ma non ce la faccio più a trattenermi, da dove ti deriva ?


Le uniche scale che mi ha nominato sono quelle del suo palazzo nel momento in cui mi disse di salire fino al quarto piano Grin  Di Hanon neanche un cenno.
Accennò a dei brani a 4 mani che mi vorrebbe far fare, e poi verso la fine disse che vuol fare anche della tecnica. Non so cosa intendesse di preciso... visto che, in fondo, anche giovedì abbiamo fatto tecnica nel momento in cui mi ha insegnato i respiri, il movimento del polso e l'approccio agli accordi  Huh

A proposito dell'uso del passato remoto: soddisfo subito la tua curiosità  Smiley
Nella lingua parlata non lo uso, ma trovo che in un racconto scritto renda la lettura molto più fluida e scorrevole. Io uso spesso frasi piuttosto corte e trovo che dei participi passati molto ravvicinati (ho detto... ho fatto... ho suonato...) abbiano un effetto monotono e ridondante a causa dell'ausiliare che si ripete ed a causa del ripetersi della lettera "T" in ogni verbo. Col passato remoto (Dissi... feci... suonai) c'è più compatezza, più variazione di suono, e quindi, secondo me, più scorrevolezza e musicalità.

Smiley
  
Back to top
 
IP Logged
 
Gabri_BT
Global Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 1120
Joined: 10. Nov 2013
Gender: Female
Re: Il "Buon" Maestro
Reply #42 - 16. Jan 2016 at 22:03
Print Post Print Post  

Pegasofly wrote on 16. Jan 2016 at 13:28:
Dal tuo racconto si poteva quasi "sentire" il tuo entusiasmo e percepire i tuoi timori nel rischiare di "deludere" le aspettative della tua Maestra. Ma non preoccuparti. Vai avanti così, sii te stessa e e soprattutto dai tutto quello che puoi e vedrai che andrai benissimo!!! Smiley


Grazie per l'incoraggiamento!
Ora aspettiamo di sapere del tuo prossimo insegnante. Dai su, non ti arrendere, datti da fare con le ricerche  Smiley
  
Back to top
 
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2551
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: Il "Buon" Maestro
Reply #43 - 17. Jan 2016 at 03:06
Print Post Print Post  
Gabri_BT wrote on 16. Jan 2016 at 21:41:
Le uniche scale che mi ha nominato sono quelle del suo palazzo nel momento in cui mi disse di salire fino al quarto piano Grin  Di Hanon neanche un cenno.
Accennò a dei brani a 4 mani che mi vorrebbe far fare, e poi verso la fine disse che vuol fare anche della tecnica. 

Gentilissima und Soavissima, acci! Ti sei fatta 4 piani di scale Shocked

Niente ascensore Undecided Huh

Vabbe', sarà perché io son pigro che me stupisco Grin

Però fa bene far le "scale" Wink

Così "dicono" Smiley

Gabri_BT wrote on 16. Jan 2016 at 21:41:
visto che, in fondo, anche giovedì abbiamo fatto tecnica nel momento in cui mi ha insegnato i respiri, il movimento del polso e l'approccio agli accordi  Huh

Ecco! Appunto! Dico!

Ma cosa è codesta "tecnica"  Sad Undecided Questioning

Far "ginnastica" tutti i dì!?

Od un bel "fraseggio" al giovedì!?

Cordiali saluti
  
Back to top
 
IP Logged
 
Pegasofly
Full Member
***
Offline


W Pianoforum!

Posts: 204
Joined: 19. Apr 2013
Gender: Male
Re: Il "Buon" Maestro
Reply #44 - 17. Jan 2016 at 09:38
Print Post Print Post  
Gabri_BT wrote on 16. Jan 2016 at 22:03:
Grazie per l'incoraggiamento!
Ora aspettiamo di sapere del tuo prossimo insegnante. Dai su, non ti arrendere, datti da fare con le ricerche  Smiley


Si si, hai perfettamente ragione  Smiley Smiley Smiley Smiley Smiley

Fino ad aprile sarò in tutt'altre faccende affaccendato  Cool Cool Cool Cool Cool Cool e non ho molto tempo per dedicarmi al pianoforte.
Poichè considero il pianoforte non un passatempo e non uno strumento a cui dedicare 30 minuti al dì ho bisogno di tempo e soprattutto concentrazione!
Ed entrambe le cose fino ad aprile mi mancheranno per cause di forza maggiore.
  
Back to top
 
IP Logged
 
Pegasofly
Full Member
***
Offline


W Pianoforum!

Posts: 204
Joined: 19. Apr 2013
Gender: Male
Re: Il "Buon" Maestro
Reply #45 - 17. Jan 2016 at 09:44
Print Post Print Post  
Gabri_BT wrote on 16. Jan 2016 at 21:41:
visto che, in fondo, anche giovedì abbiamo fatto tecnica nel momento in cui mi ha insegnato i respiri, il movimento del polso e l'approccio agli accordi  Huh


Anche io sarei curioso di sapere questa "tecnica" in cosa consiste  Roll Eyes Roll Eyes Roll Eyes Roll Eyes Roll Eyes
  
Back to top
 
IP Logged
 
Gabri_BT
Global Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 1120
Joined: 10. Nov 2013
Gender: Female
Re: Il "Buon" Maestro
Reply #46 - 17. Jan 2016 at 10:14
Print Post Print Post  

10dita wrote on 17. Jan 2016 at 03:06:
Ecco! Appunto! Dico!

Ma cosa è codesta "tecnica"  Sad Undecided Questioning

Far "ginnastica" tutti i dì!?

Od un bel "fraseggio" al giovedì!?



Esigenza di rima?  Huh
E un bel "fraseggio" tutti i dì... Non si può far ? Huh
  
Back to top
 
IP Logged
 
Gabri_BT
Global Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 1120
Joined: 10. Nov 2013
Gender: Female
Re: Il "Buon" Maestro
Reply #47 - 17. Jan 2016 at 10:22
Print Post Print Post  

Pegasofly wrote on 17. Jan 2016 at 09:44:
Anche io sarei curioso di sapere questa "tecnica" in cosa consiste  Roll Eyes Roll Eyes Roll Eyes Roll Eyes Roll Eyes


Grande Pega... vedo che nel rispondere hai ridotto le citazioni all'interno delle citazioni...
Bravooooooooooooo !!!  Cheesy

Proporrei un banalissimo Topic ad hoc dove potremmo divertirci a "lanciare" le nostre definizioni di "tecnica" (niente definizioni di altri autori)... chissà che salterebbe fuori  Huh

  
Back to top
 
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2551
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: Il "Buon" Maestro
Reply #48 - 17. Jan 2016 at 13:37
Print Post Print Post  
Gabri_BT wrote on 17. Jan 2016 at 10:14:
Esigenza di rima?  Huh
E un bel "fraseggio" tutti i ... Non si può far ? Huh


Gentilissima, la rima ha certamente le “sue” esigenze!
“Dittatora” essa è!

Ed hai ragione, un bel “fraseggio” anche:

lune, marte, mercole, giove, vener!

Sabato et domenica, ovvio, ci si riposa Cheesy  Smiley

Gabri_BT wrote on 17. Jan 2016 at 10:22:
Proporrei un banalissimo Topic ad hoc dove potremmo divertirci a "lanciare" le nostre definizioni di "tecnica" (niente definizioni di altri autori)... chissà che salterebbe fuori  Huh


Mica tanto “banalissimo”!!!

Senza “altri autori”!!!

Urca!!

Sai che ce devo ponsar parecchio! Ma parecchio assai

Ed alla fine potrebbe saltar fuori che non ne ho la più pallida idea!!! Undecided Huh Shocked  Tongue

Cordialissimi saluti Smiley




  
Back to top
 
IP Logged
 
Pegasofly
Full Member
***
Offline


W Pianoforum!

Posts: 204
Joined: 19. Apr 2013
Gender: Male
Re: Il "Buon" Maestro
Reply #49 - 17. Jan 2016 at 16:46
Print Post Print Post  
Pegasofly wrote on 17. Jan 2016 at 09:44:
Grande Pega... vedo che nel rispondere hai ridotto le citazioni all'interno delle citazioni...
Bravooooooooooooo !!!  Cheesy



Mi sto ancora allenando......

Cheesy Cheesy Cheesy Cheesy Grin Grin Grin Grin Grin Grin Cool Cool Cool Cool Cool
  
Back to top
 
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2551
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: Il "Buon" Maestro
Reply #50 - 17. Jan 2016 at 18:48
Print Post Print Post  
Gentilissimi, il "Buon" Maestro, tra le varie qualità, dovrebbe forse esser attento alle "innovazioni":

"...nuovo sistema per affinare la tecnica pianistica degli studenti di pianoforte"

Cordiali saluti
  
Back to top
 
IP Logged
 
Pegasofly
Full Member
***
Offline


W Pianoforum!

Posts: 204
Joined: 19. Apr 2013
Gender: Male
Re: Il "Buon" Maestro
Reply #51 - 17. Jan 2016 at 19:33
Print Post Print Post  
10dita wrote on 17. Jan 2016 at 18:48:
Gentilissimi, il "Buon" Maestro, tra le varie qualità, dovrebbe forse esser attento alle "innovazioni":

"...nuovo sistema per affinare la tecnica pianistica degli studenti di pianoforte"

Cordiali saluti


Le "nuove tecnologie" mi lasciano sempre un pò perplesso.
Resta il fatto che la bontà di questo nuovo approccio verrà giudicato nei prossimi anni se non addirittura decenni.
Per ora restiamo con i piedi per terra.

Wink Wink Wink Wink
  
Back to top
 
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2551
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: Il "Buon" Maestro
Reply #52 - 18. Jan 2016 at 08:51
Print Post Print Post  
Pegasofly wrote on 17. Jan 2016 at 19:33:
Le "nuove tecnologie" mi lasciano sempre un pò perplesso.
Resta il fatto che la bontà di questo nuovo approccio verrà giudicato nei prossimi anni se non addirittura decenni.
Per ora restiamo con i piedi per terra.

Wink Wink Wink Wink


Gentilissimo, allor togliam tra le "doti" del "Buon" Maestro: "esser attento alle innovazioni (tecnologiche)"  Undecided Huh Questioning

Cordiali saluti
  
Back to top
 
IP Logged
 
pianozero
God Member
*****
Offline


Roma

Posts: 1035
Joined: 11. Oct 2011
Gender: Male
Re: Il "Buon" Maestro
Reply #53 - 26. Jan 2016 at 14:07
Print Post Print Post  

Gabri_BT wrote on 16. Jan 2016 at 21:41:
Le uniche scale che mi ha nominato sono quelle del suo palazzo nel momento in cui mi disse di salire fino al quarto piano Grin  Di Hanon neanche un cenno.
Accennò a dei brani a 4 mani che mi vorrebbe far fare, e poi verso la fine disse che vuol fare anche della tecnica. Non so cosa intendesse di preciso... visto che, in fondo, anche giovedì abbiamo fatto tecnica nel momento in cui mi ha insegnato i respiri, il movimento del polso e l'approccio agli accordi  Huh

A proposito dell'uso del passato remoto: soddisfo subito la tua curiosità  Smiley
Nella lingua parlata non lo uso, ma trovo che in un racconto scritto renda la lettura molto più fluida e scorrevole. Io uso spesso frasi piuttosto corte e trovo che dei participi passati molto ravvicinati (ho detto... ho fatto... ho suonato...) abbiano un effetto monotono e ridondante a causa dell'ausiliare che si ripete ed a causa del ripetersi della lettera "T" in ogni verbo. Col passato remoto (Dissi... feci... suonai) c'è più compatezza, più variazione di suono, e quindi, secondo me, più scorrevolezza e musicalità.

Smiley



Grazie ! Davvero originale l'uso del remoto , anche se la motivazione stilistica la comprendo ! Molti però risolvono usando il presente ! Smiley

E Sulla Maestra ? come va ? hai scoperto nuove mirabolanti caratteristiche ? O magari alla prima lezione vera ha detto ora facciamo mezzora di Hanon Cheesy Smiley  Aggiornaci !!
  
Back to top
IP Logged
 
Gabri_BT
Global Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 1120
Joined: 10. Nov 2013
Gender: Female
Re: Il "Buon" Maestro
Reply #54 - 16. Feb 2016 at 21:19
Print Post Print Post  

pianozero wrote on 26. Jan 2016 at 14:07:
E Sulla Maestra ? come va ? hai scoperto nuove mirabolanti caratteristiche ? O magari alla prima lezione vera ha detto ora facciamo mezzora di Hanon Cheesy Smiley  Aggiornaci !!


Ebbene... siamo a quota 5 lezioni ed ancora l'Hanon non ha sfoderato  Grin
In compenso la settimana scorsa, verso la fine della lezione, mi sfoderò un libretto che lei usa spesso coi pargoli e mi fece fare due pezzi a quattro mani a prima vista. Molto divertente!  Smiley
  
Back to top
 
IP Logged
 
pianozero
God Member
*****
Offline


Roma

Posts: 1035
Joined: 11. Oct 2011
Gender: Male
Re: Il "Buon" Maestro
Reply #55 - 17. Feb 2016 at 12:03
Print Post Print Post  
Gabri_BT wrote on 16. Feb 2016 at 21:19:
Ebbene... siamo a quota 5 lezioni ed ancora l'Hanon non ha sfoderato  Grin
In compenso la settimana scorsa, verso la fine della lezione, mi sfoderò un libretto che lei usa spesso coi pargoli e mi fece fare due pezzi a quattro mani a prima vista. Molto divertente!  Smiley



se continua così verso la 10ma lezione ti chiederò l'indirizzo, tanto qualche ora di volo a settimana si può fare no ? Smiley
  
Back to top
IP Logged
 
Phonic
Junior Member
**
Offline


W Pianoforum!

Posts: 61
Joined: 26. Jan 2016
Re: Il "Buon" Maestro
Reply #56 - 18. Feb 2016 at 13:42
Print Post Print Post  
Mi intrometto nel topic perchè ha messo insieme un sacco di spunti interessanti, e anche io che vado a lezione privata dal maestro mi ritrovo nei dubbi che avete raccontato.

Fra le caratteristiche di un buon maestro (già tante ne avete detto), secondo me ci potrebbe essere anche quella di dare all'allievo una visione d'insieme del programma di studi. Non si tratta solo di fissare degli obiettivi a breve termine (o a lungo termine) ma si tratta di far vedere e comprendere la logica del percorso didattico che si sta per intraprendere. Di dare un panorama di quello che aspetta l'allievo da lì a 1, 2, 3 o anche più anni. Questo ha senso soprattutto con gli allievi motivati.

Parlando della mia esperienza, io vado al lezione da un maestro da cui mi trovo bene, credo tutto sommato di essere abbastanza fortunato anche se alcune cose non mi convincono o le vorrei fatte diversamente. Non mi dilungo ora su quali sono (ma ho visto che non sono li solo su certe cose Smiley ).

Una cosa che mi dava fastidio era che quando finivamo un pezzo, non era chiaro e evidente a cosa dovevo passare, si perdeva tempo a capire "cosa facciamo adesso?". Quasi che la cosa non avesse importanza, che tutto andasse bene. Certo, era una mia sensazione forse esagerata, ma comunque c'era. Allora ho chiesto alla fine dello scorso anno di decidere cosa avremmo fatto l'anno dopo, ci siamo scambiati le idee io e lui, abbiamo confrotato le proposte e poi abbimo fatto una sintesi. A me questo avere una strada tracciata mi aiuta, da un senso diverso al percorso, è l'idea che si fanno dei passi ragionati per progredire. Non credo sia solo una questione psicologica. Adesso quando finisco uno studio di qualcosa so comunque già cosa mi aspetta, magari inizio ad ascoltarlo, e poi quando passo da uno all'altro sono già "pronto", so già cosa devo fare. Credo che questa cosa abbia anche stimolato il mio maestro, gli ha dato tempo di pensare un pò alla mia didattica.

Una delle cose che mi ha incuriosito è: quando si deve cambiare maestro? ecco questo punto mi fa pensare un pò... io tempo fa pensavo di cambiare , poi sono rimasto, non mi pento perchè mi trovo bene, ma forse è davvero necessario cambiare ad un certo punto? mah...

Scusate il post lungo Smiley

P.s. interessante l'argomento del "buon allievo".
p.p.s. secondo me l'innovazione può essere un buona cosa per un maestro... certo in termini musicali ma anche tecnici Smiley
  
Back to top
 
IP Logged
 
Gabri_BT
Global Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 1120
Joined: 10. Nov 2013
Gender: Female
Re: Il "Buon" Maestro
Reply #57 - 18. Feb 2016 at 14:13
Print Post Print Post  

Phonic wrote on 18. Feb 2016 at 13:42:
Fra le caratteristiche di un buon maestro (già tante ne avete detto), secondo me ci potrebbe essere anche quella di dare all'allievo una visione d'insieme del programma di studi. Non si tratta solo di fissare degli obiettivi a breve termine (o a lungo termine) ma si tratta di far vedere e comprendere la logica del percorso didattico che si sta per intraprendere. Di dare un panorama di quello che aspetta l'allievo da lì a 1, 2, 3 o anche più anni. Questo ha senso soprattutto con gli allievi motivati.


Allora ho chiesto alla fine dello scorso anno di decidere cosa avremmo fatto l'anno dopo, ci siamo scambiati le idee io e lui, abbiamo confrotato le proposte e poi abbimo fatto una sintesi. A me questo avere una strada tracciata mi aiuta, da un senso diverso al percorso, è l'idea che si fanno dei passi ragionati per progredire. Non credo sia solo una questione psicologica. Adesso quando finisco uno studio di qualcosa so comunque già cosa mi aspetta, magari inizio ad ascoltarlo, e poi quando passo da uno all'altro sono già "pronto", so già cosa devo fare. Credo che questa cosa abbia anche stimolato il mio maestro, gli ha dato tempo di pensare un pò alla mia didattica.



Io non sento l'esigenza di avere un programma predefinito Undecided  Preferisco un maestro che sappia decidere cosa farmi fare in base alle necessità ed ai progressi raggiunti in quel preciso momento. Ad esempio... la settimana scorsa la mia nuova insegnante... notando che arranco parecchio coi brani nuovi... decise di lavorare sulla lettura a prima vista: ogni settimana un pochino verso la fine della lezione.

Secondo me i programmi a lungo termine lasciano il tempo che trovano. Può darsi che con un dato pezzo si fanno molti più progressi del previsto... e magari non ha più senso prendere un brano che si era messo in programma. Oppure viceversa... un brano potrebbe rivelar difficoltà inaspettate e quindi l'insegnante può voler soffermarsi su determinate cose non programmate in precedenza  Undecided

Insomma... secondo me un buon maestro adatta il programma strada facendo. Se avessi un insegnante che segue ligio ligio un programma definito mesi e mesi prima, francamente avrei molti dubbi  Angry
  
Back to top
 
IP Logged
 
Phonic
Junior Member
**
Offline


W Pianoforum!

Posts: 61
Joined: 26. Jan 2016
Re: Il "Buon" Maestro
Reply #58 - 18. Feb 2016 at 14:49
Print Post Print Post  
Gabri_BT wrote on 18. Feb 2016 at 14:13:
Io non sento l'esigenza di avere un programma predefinito Undecided  Preferisco un maestro che sappia decidere cosa farmi fare in base alle necessità ed ai progressi raggiunti in quel preciso momento. Ad esempio... la settimana scorsa la mia nuova insegnante... notando che arranco parecchio coi brani nuovi... decise di lavorare sulla lettura a prima vista: ogni settimana un pochino verso la fine della lezione.

Secondo me i programmi a lungo termine lasciano il tempo che trovano. Può darsi che con un dato pezzo si fanno molti più progressi del previsto... e magari non ha più senso prendere un brano che si era messo in programma. Oppure viceversa... un brano potrebbe rivelar difficoltà inaspettate e quindi l'insegnante può voler soffermarsi su determinate cose non programmate in precedenza  Undecided

Insomma... secondo me un buon maestro adatta il programma strada facendo. Se avessi un insegnante che segue ligio ligio un programma definito mesi e mesi prima, francamente avrei molti dubbi  Angry

mi sa che si ritorna al punto di prima allora, il buon maestro è quello che si sa adattare meglio all'allievo e capisce cosa può essere per lui più o meno utile per rendere al meglio, in questo caso se può servire o meno avere una linea di programma da seguire Smiley
  
Back to top
 
IP Logged
 
Gabri_BT
Global Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 1120
Joined: 10. Nov 2013
Gender: Female
Re: Il "Buon" Maestro
Reply #59 - 18. Feb 2016 at 15:19
Print Post Print Post  

Phonic wrote on 18. Feb 2016 at 14:49:
mi sa che si ritorna al punto di prima allora, il buon maestro è quello che si sa adattare meglio all'allievo e capisce cosa può essere per lui più o meno utile per rendere al meglio, in questo caso se può servire o meno avere una linea di programma da seguire Smiley


Secondo me  "sapersi adattare all'allievo" e "scegliere il programma" di volta in volta in base alle necessità dell'allievo...  sono due cose un po' diverse  Huh 
Il "sapersi adattare all'allievo" io lo intendo in termini di METODO di studio.

  
Back to top
 
IP Logged
 
Page Index Toggle Pages: 1 2 [3] 4 5 6
Send Topic Send Topic Print Print