Page Index Toggle Pages: [1] 2  Send Topic Send Topic Print Print
Very Hot Topic (More than 25 Replies) Aumentare distanza tra le dita (Read 4400 times)
pancio
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 7
Joined: 17. Mar 2016
Aumentare distanza tra le dita
17. Apr 2016 at 14:03
Print Post Print Post  
Ciao a tutti Smiley forse a causa del fatto di aver iniziato  tardi a suonare, 17 anni, la mia mano ha un po di problemi di elasticità.
Mi capita di trovare accordi in cui è presente un ottava con delle note al suo interno che mi vengono difficili da suonare . Per spiegarmi meglio non ho problemi di apertura tra pollice e mignolo, la difficoltà sta nelle altre dita.
Qualcuno può consigliarmi qualosa che possa aiutarmi?
Grazie in anticipo
  
Back to top
 
IP Logged
 
pianozero
God Member
*****
Offline


Roma

Posts: 1035
Joined: 11. Oct 2011
Gender: Male
Re: Aumentare distanza tra le dita
Reply #1 - 17. Apr 2016 at 16:18
Print Post Print Post  
Quando ho letto che hai iniziato tardi a 17 anni volevo chiudere il forum Cheesy

Io ho iniziato assai più tardi.... anche se avevo pregressi con altro strumento, comunque inizialmente ho avuto il tuo stesso problema ,i primi pezzi che facevo, le 3 Gymnopedie di Satie hanno molti di questi accordi tra loro somiglianti ma non identici tutti all'interno dell'ottava (mignolo pollice della mano sinistra e in mezzo devi giostrare le dita). Il pianoforte è tutto così, quello che all'inizio mi sembrava folle ora lo è molto meno è solo questione di allenamento, vedrai che la tua tarda età Wink non sarà d'impedimento.
Prova a prendere un paio di accordi che ti danno problemi e farli alternativamente sempre gli stessi due, quando ci riesci ne prendi tre consecutivi e così via. Puoi provare a concentrarti su quali dita appoggiare per prime (questo aiuta molto perché di porta ad avere sicurezza nell'attaccare la tastiera)  per trovare comodamente la posizione (non pretendere di farli subito perfettamente all'unisono) Presto o tardi sarà più facile. Poi verranno automatici
  
Back to top
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2553
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: Aumentare distanza tra le dita
Reply #2 - 17. Apr 2016 at 19:00
Print Post Print Post  
pancio wrote on 17. Apr 2016 at 14:03:

Qualcuno può consigliarmi qualosa che possa aiutarmi?
Grazie in anticipo



Gent.mo, ma con codesto chiedi:

-esercizi appositi per lo allargamento digitale
-esercizi per migliorare la elasticità
-particolari accorgimenti per risolver lo problema
- Questioning

Perdona se rispondo a domanda con domanda, ma in campo tecnico i fraintendimenti son lì in agguato Wink

Cordiali saluti
  
Back to top
 
IP Logged
 
pancio
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 7
Joined: 17. Mar 2016
Re: Aumentare distanza tra le dita
Reply #3 - 18. Apr 2016 at 21:29
Print Post Print Post  
Grazie per la risposta pianozero! Smiley

10 dita per essere chiaro ti farò alcuni esempi.
Sto studiando il preludio 23 n 5 di rackmaninoff alla misura 16 è presente un accordo da prendere con la destra composto da sol sib mib sol, lo prendo con fatica, irrigidendo la mano, rendendo più difficile il passaggio. Mi piacerebbe prenderlo con più facilità. Altro volte invece non riesco a suonare neanche tutte le note, esempio accordo della sinistra alla misura 18 dell opera 10.6 di chopin, lab do sol lab. Questo nonostante io abbia una mano non piccolissima, prendo una decima. Sto cercando esercizi di stretching o qualunque altra cosa che possa risolvere il problema. Finora ho trovato solo un esercizio sul libro di chang per lo stiramento del palmo(che da quanto dice lui dovrebbe permettere di aprire di più le dite) volevo sapere se qualcuno conosceva qualcos'altro da pote fare. Grazie Smiley
  
Back to top
 
IP Logged
 
Gabri_BT
Global Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 1120
Joined: 10. Nov 2013
Gender: Female
Re: Aumentare distanza tra le dita
Reply #4 - 19. Apr 2016 at 22:28
Print Post Print Post  

pancio wrote on 18. Apr 2016 at 21:29:
Altro volte invece non riesco a suonare neanche tutte le note, esempio accordo della sinistra alla misura 18 dell opera 10.6 di chopin, lab do sol lab. Questo nonostante io abbia una mano non piccolissima, prendo una decima. Sto cercando esercizi di stretching o qualunque altra cosa che possa risolvere il problema. Finora ho trovato solo un esercizio sul libro di chang per lo stiramento del palmo(che da quanto dice lui dovrebbe permettere di aprire di più le dite) volevo sapere se qualcuno conosceva qualcos'altro da pote fare.


Ciao Pancio  Smiley
mi sa che non posso esserti di grande aiuto, visto che affronti un repertorio molto più difficile del mio. E poi, per tutto quel che riguarda la tecnica, sono fra quelli che preferibilmente i consigli li chiede... e se li prende anche molto ben volentieri  Smiley

Riflettevo però sulla questione. Non credo che esercizi di stretching ti possano aiutare. I tendini ed i muscoli della mano sono così piccoli, c'è ben poco da allungare... e poi se già prendi una decima, ...che stretching vuoi fare ?!! Lips Sealed  Sicuramente non è un problema dovuto ai limiti di grandezza della mano, né alla poca elasticità Smiley

Rileggo ora la tua presentazione e vedo che stai studiando solo da un anno e mezzo, o sbaglio?
Ma è pochissimo  Shocked   e fai un repertorio difficilotto. Forse il problema è tutto lì  Cool
  
Back to top
 
IP Logged
 
pianozero
God Member
*****
Offline


Roma

Posts: 1035
Joined: 11. Oct 2011
Gender: Male
Re: Aumentare distanza tra le dita
Reply #5 - 20. Apr 2016 at 05:56
Print Post Print Post  
Gabri_BT wrote on 19. Apr 2016 at 22:28:
pancio wrote on 18. Apr 2016 at 21:29:
Altro volte invece non riesco a suonare neanche tutte le note, esempio accordo della sinistra alla misura 18 dell opera 10.6 di chopin, lab do sol lab. Questo nonostante io abbia una mano non piccolissima, prendo una decima. Sto cercando esercizi di stretching o qualunque altra cosa che possa risolvere il problema. Finora ho trovato solo un esercizio sul libro di chang per lo stiramento del palmo(che da quanto dice lui dovrebbe permettere di aprire di più le dite) volevo sapere se qualcuno conosceva qualcos'altro da pote fare.


Ciao Pancio  Smiley
mi sa che non posso esserti di grande aiuto, visto che affronti un repertorio molto più difficile del mio. E poi, per tutto quel che riguarda la tecnica, sono fra quelli che preferibilmente i consigli li chiede... e se li prende anche molto ben volentieri  Smiley



Rileggo ora la tua presentazione e vedo che stai studiando solo da un anno e mezzo, o sbaglio?


Assolutamente vale anche per me ! Avevo letto che studi da meno di due anni, non avevo capito che eri alle prese con quei pezzi che io vedo forse con il binocolo !!! e ti ho tirato fuori le Gymnopedie  come se fossi alle prime armi  Grin  Santi Numi !  Smiley Scusa come non detto!!  senti solo 10dita e Maestri qualificati come lui!!

ciao!!
  
Back to top
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2553
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: Aumentare distanza tra le dita
Reply #6 - 23. Apr 2016 at 19:05
Print Post Print Post  

Gent.mo, ho la “sgradevole” sensazione, ma poi dirai tu Gentil pancio in precisazion, che vi sian problemi, come dir, “a monte” Undecided Huh

Alcun esercizio o “artifizio” potrà esser d’aiuto se prima non si interviene, come dicono usualmente gli eruditi, sulla: “impostazione”.
Et per “impostazione” non si intende sol il mero movimento manual-digital-etc…ma tutte le sensazioni muscolari, et gli impulsi cerebrali che vi stanno dietro.

Propendo per questa ipotesi leggendo ciò:


pancio wrote on 18. Apr 2016 at 21:29:
alla misura 16 è presente un accordo da prendere con la destra composto da sol sib mib sol, lo prendo con fatica, irrigidendo la mano, rendendo più difficile il passaggio.


“irrigidendo la mano”

et ciò:


pancio wrote on 18. Apr 2016 at 21:29:
nonostante io abbia una mano non piccolissima, prendo una decima.


Ovvio che tal "irrigidimento della mano" sia non naturale, di impaccio, non confacente, perché: una minima ed opportuna fissazione c'è sempre.

Vien quasi spontaneo rilevar che lo problema non è:
Aumentare distanza tra le dita

Qui occorre lavorar, come detto, “a monte”! Ovver sullo eterno problema principe(ale) che assilla tutti noi toccator de tasti:
lo (mitico!) rilassamento, con tutti gli annessi e connessi!

Premessa fondamental per ogni progresso tecnico, et certo musical sicur Smiley

Pria di cercar “qualcosa”, occorre saper (prendere in considerazion) il “come” operar.

Qui occorrerebbe lo “buon Maestro” Wink
Lo “buon Maestro” che possa “lavorar” sulla “materia viva”.

Perché la question è delicata assai! Molto assai!

Dice Tiziano Poli (in “Happy Fingers. La via fisiologica e naturale per la tecnica pianistica”):

Cap. 13
Consigli.
Cosa evitare
Ovvero, capire se i movimenti sono fisiologici

Articolazioni

[…] Nell’esecuzione di accordi o passaggi con successione di note distanti tra loro, in posizioni late, le dita si muovono oltre che sul piano verticale, anche su quello orizzontale divaricandosi.
E’ bene considerare che, a causa della struttura dell’articolazione della nocca, l’abduzione della falange del metacarpo diventa molto difficile se le altre falangi sono flesse.

° Consiglio

Affrontare passaggi con posizioni late, tenendo le dita distese, in questo modo la divaricazione della prima falange risulta semplice.

La conclusione che possiamo trarre da questa considerazione è che il cercare di divaricare le dita, come ad es. in passaggi di accordi, tenendo la prima e la seconda falange molto flesse, e la nocca del metacarpo schiacciata, significa sottoporre le articolazioni delle dita ad una grande tensione muscolare.


Cordiali saluti
  
Back to top
 
IP Logged
 
pancio
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 7
Joined: 17. Mar 2016
Re: Aumentare distanza tra le dita
Reply #7 - 02. May 2016 at 21:47
Print Post Print Post  

Ringrazio tutti per l'interessamento Smiley

Riguardo al rilassamento, purtroppo penso non sia quello il problema. Infatti la mano si irrigidisce perché prendo l' accordo a fatica, la mano è al limite della sua apertura e quindi fa fatica. Se prendessi l accordo più tranquillamente non avrei problemi. Per farti un altro esempio nella parte centrale dello stesso preludio c'è un accordo sib do mib sib e non riesco a prenderlo e non penso centri il rilassamento, ma la possibilità di aprire di più le dita centrali. Come già detto la mia mano non è piccola quindi sono sicuro di poterli riuscire a prendere. Magari è solo questione di tempo. Riguardo il consiglio trovato sul libro di poli lo uso gia, avendo letto il suo libro Smiley
  
Back to top
 
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2553
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: Aumentare distanza tra le dita
Reply #8 - 13. May 2016 at 02:26
Print Post Print Post  
pancio wrote on 02. May 2016 at 21:47:
Riguardo al rilassamento, purtroppo penso non sia quello il problema. Infatti la mano si irrigidisce perché prendo l' accordo a fatica, la mano è al limite della sua apertura e quindi fa fatica. Se prendessi l accordo più tranquillamente non avrei problemi. Per farti un altro esempio nella parte centrale dello stesso preludio c'è un accordo sib do mib sib e non riesco a prenderlo e non penso centri il rilassamento, ma la possibilità di apire di più le dita centrali. Come già detto la mia mano non è piccola quindi sono sicuro di poterli riuscire a prendere.


Gent.mo, ti confesso che son perplesso Undecided

Siam proprio sicuri che lo problema non sia proprio Huh

Insisto perché leggo sempre ciò 

Lo accordo citato, considerato il "ciò" di cui sopra, non mi par di larghezza esorbitante!
Che tu non riesca a "prenderlo" mi par un poco strano Huh

E' certamente collocato in zona impervia della tastiera.

Però (sempre con il "ciò") se irrigidimento (eccessivo!) v'è... Huh

Sempreché non vi siano equivoci sul termine "rilassamento" Huh

Ma avendo tu dichiarato:

pancio wrote on 02. May 2016 at 21:47:
Riguardo il consiglio trovato sul libro di poli lo uso gia, avendo letto il suo libro Smiley


Allor hai contezza di ciò.

A codesto punto confesso altresì la mia enorme curiosità di veder come "prendi" (e non uso lo termine casualmente Smiley) codesti accordi Wink

Che dici Questioning

Lo fai un  Questioning  Smiley

Cordiali saluti
  
Back to top
 
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2553
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: Aumentare distanza tra le dita
Reply #9 - 22. May 2016 at 19:26
Print Post Print Post  
Gent.mo, riponsando un poco al tutto mi sovvien codesto passaggio, che porgo alla tua attenzion-riflession (se già non l’hai tu letto Wink Ma anche se, può esser comunque per noi tutti spunto riflessivo or più), da “Dinamica pianistica” di Attilio Brugnoli (Florestano Edizioni, Rev. storico-critica a cura di G. Buzzanca):

“Cap. VI bis
[…] occorre fare riserve sull’adozione generica di un sistema correttivo: lo stesso sistema, infatti, può non giovare ad allievi che presentano differenti tipi di deficienze motorie e, in alcuni casi, può divenire addirittura dannoso (come è stato dimostrato essere dannosa per il funzionamento muscolare, l’imposizione di una posizione della mano sul pianoforte). E’ compito dell’insegnante trovare, caso per caso, il sistema che agisca come correttivo reale di una deficienza e, perciò, è necessario che egli sappia trovare l’origine di tale deficienza, sappia individuare la causa, e adottare il sistema più idoneo per rimuoverla.”.


Il Brugnoli parla di “errata azione muscolare”, e cita interessante episodio di studio “errato” della Jaèll!

E per studio errato intende proprio (op. cit.):

“[…] nello studiare il pezzo, aveva agito ‘muscolarmente male', e ostinarsi a studiarlo senza correggere l’errata azione muscolare equivaleva a peggiorarne l’esecuzione”.

Se dopo un periodo di tempo (variabile certo per ogni soggetto) non ci son miglioramenti significativi, meglio sospendere e ripensare il tutto, rivedere le proprie azioni muscolari (et cerebrali soprattutto ), trovare la causa dello "impedimento", del mancato risultato.

Et ciò (particovviamente per i pargolprincipianti ) come ben dice il Brugnoli:

“E’ compito dell’insegnante”.

Cordiali saluti

  
Back to top
 
IP Logged
 
Phonic
Junior Member
**
Offline


W Pianoforum!

Posts: 61
Joined: 26. Jan 2016
Re: Aumentare distanza tra le dita
Reply #10 - 25. May 2016 at 12:05
Print Post Print Post  
ciao pancio, mi inserisco nella discussione per dire che se, come dici, prendi una decima  e hai problemi su quell'accordo, allora sono d'accordo che il problema probabilmente è dato da un irrigidimento e anche da poca elesticità.
Io ho studiato il preludio di cui parli e purtroppo NON prendo una decima, cosa che ovviamente mi dà un sacco di problemi, ma nel caso per fare quegli accordi serve grande morbidezza ed rilassamento di tutto, dalla punta delle dita, fino anche alla schiena  Grin

una cosa che credo di aver capito è che anche se sono le dita che premono i tasti e sembra che tutto stia lì, in realtà si coinvolge praticamente tutto il corpo, o quasi... (forse i capelli sono esclusi...) Huh
  
Back to top
 
IP Logged
 
pancio
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 7
Joined: 17. Mar 2016
Re: Aumentare distanza tra le dita
Reply #11 - 25. May 2016 at 21:21
Print Post Print Post  
Oggi ho provato a caricare un video o una foto, ma entrambi sono troppo pesanti.
Come posso fare? Smiley
  
Back to top
 
IP Logged
 
ALKAN
Senior Member
****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 416
Joined: 31. Oct 2014
Gender: Male
Re: Aumentare distanza tra le dita
Reply #12 - 26. May 2016 at 08:14
Print Post Print Post  
pancio wrote on 25. May 2016 at 21:21:
Oggi ho provato a caricare un video o una foto, ma entrambi sono troppo pesanti.
Come posso fare? Smiley


Caricali su YouTube in modalità 'non elencato' e ci mandi il link..  Smiley
  
Back to top
 
IP Logged
 
pianozero
God Member
*****
Offline


Roma

Posts: 1035
Joined: 11. Oct 2011
Gender: Male
Re: Aumentare distanza tra le dita
Reply #13 - 26. May 2016 at 11:37
Print Post Print Post  
pancio wrote on 25. May 2016 at 21:21:
Oggi ho provato a caricare un video o una foto, ma entrambi sono troppo pesanti.
Come posso fare? Smiley

http://it.tinypic.com/
  
Back to top
IP Logged
 
Musik und Leben
Full Member
***
Offline


W Pianoforum!

Posts: 147
Joined: 20. Jul 2011
Gender: Female
Re: Aumentare distanza tra le dita
Reply #14 - 05. Jun 2016 at 19:59
Print Post Print Post  
Ecco un video, non riesco a suonare l'accordo prendendo solo le note giuste. Smiley
https://youtu.be/Ub1Vk-6a5lo
  
Back to top
 
IP Logged
 
ALKAN
Senior Member
****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 416
Joined: 31. Oct 2014
Gender: Male
Re: Aumentare distanza tra le dita
Reply #15 - 06. Jun 2016 at 06:33
Print Post Print Post  
Direi che il problema non sia la distanza 1-5, ma 2-5 e 3-5.. Ad esempio, riesci a suonare un'ottava sui tasti neri con 2-5? È una sesta o settima con 3-5?
  
Back to top
 
IP Logged
 
pancio
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 7
Joined: 17. Mar 2016
Re: Aumentare distanza tra le dita
Reply #16 - 06. Jun 2016 at 07:47
Print Post Print Post  
Si è proprio quello il problema, la distanza delle dita in mezzo, infatti non riesco a fare nessuna delle due cose Smiley
  
Back to top
 
IP Logged
 
ALKAN
Senior Member
****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 416
Joined: 31. Oct 2014
Gender: Male
Re: Aumentare distanza tra le dita
Reply #17 - 06. Jun 2016 at 12:35
Print Post Print Post  
A me ha dato molto lo studio op. 10 n. 1 di Chopin, ma nel corso degli anni. Ovviamente le cose non cambiano da un giorno all'altro.
  
Back to top
 
IP Logged
 
pianozero
God Member
*****
Offline


Roma

Posts: 1035
Joined: 11. Oct 2011
Gender: Male
Re: Aumentare distanza tra le dita
Reply #18 - 07. Jun 2016 at 12:13
Print Post Print Post  
ALKAN wrote on 06. Jun 2016 at 06:33:
Direi che il problema non sia la distanza 1-5, ma 2-5 e 3-5.. Ad esempio, riesci a suonare un'ottava sui tasti neri con 2-5? È una sesta o settima con 3-5?

io no. E' molto grave ?
  
Back to top
IP Logged
 
ALKAN
Senior Member
****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 416
Joined: 31. Oct 2014
Gender: Male
Re: Aumentare distanza tra le dita
Reply #19 - 07. Jun 2016 at 15:28
Print Post Print Post  
pianozero wrote on 07. Jun 2016 at 12:13:
ALKAN wrote on 06. Jun 2016 at 06:33:
Direi che il problema non sia la distanza 1-5, ma 2-5 e 3-5.. Ad esempio, riesci a suonare un'ottava sui tasti neri con 2-5? È una sesta o settima con 3-5?

io no. E' molto grave ?


Se non ne senti la mancanza no..
  
Back to top
 
IP Logged
 
Page Index Toggle Pages: [1] 2 
Send Topic Send Topic Print Print