Page Index Toggle Pages: [1] 2  Send Topic Send Topic Print Print
Hot Topic (More than 10 Replies) Suonare con altri studenti adulti (Read 1724 times)
sinophilia
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 28
Joined: 09. Nov 2015
Suonare con altri studenti adulti
29. Nov 2016 at 07:58
Print Post Print Post  
Ciao a tutti, innanzitutto mi presento... ho 41 anni (che impressione scriverlo!) e studio pianoforte da quasi cinque anni, purtroppo senza aver mai fatto studi musicali prima. Ho iniziato su un piano digitale seguendo un metodo per adulti e un anno dopo ho comprato il mio adorato Yamaha U1. Sono autodidatta - non bastonatemi ma sono già abbastanza stressata dal lavoro e proprio non me la sento di prendere lezioni regolari - e con grande fatica sono arrivata a un livello intermedio basso, per intenderci ho iniziato da un po’ di tempo le invenzioni a due voci di Bach, qualche preludio di Chopin, le più facili scene d’infanzia di Schumann, qualche sonatina, le solite cose. Da circa un anno studio anche qualche pezzo a quattro mani con un’amica molto più avanzata di me, esperienza impegnativa ma utilissima.

Nonostante il livello limitato e il fatto che suonare di fronte a qualcuno mi annebbia ancora di più il cervello, mi piacerebbe molto avere la possibilità di incontrare altri studenti adulti e amatori, suonare insieme e confrontarsi. Mi pare di capire però che qui in Italia quasi tutti sono giovincelli studenti di conservatorio o pianisti seri che chiaramente hanno altro da fare… Per riuscire a partecipare a un “piano party” ho dovuto andare a Milano (io sono di Verona) a incontrare persone conosciute su un forum americano, tra cui soltanto un’altra italiana. Uno dei miei sogni in un lontano futuro sarebbe addirittura quello di accompagnare altri musicisti amatoriali, ma non vedo grandi possibilità. Qual è la vostra esperienza? Devo per forza iscrivermi a una scuola di musica? Qui tutto sembra molto rigido, con programmi vecchi di un secolo e nessuna proposta per chi inizia da adulto.

Grazie!
Diana
  

Diana & Wally - Yamaha W110BW
Martha Argerich... è un'incarnazione della metafora artistica dell'eterno femminino che trae verso l'alto. (Sergio Sablich)
http://soundcloud.com/sinophilia
Back to top
 
IP Logged
 
Phonic
Junior Member
**
Offline


W Pianoforum!

Posts: 64
Joined: 26. Jan 2016
Re: Suonare con altri studenti adulti
Reply #1 - 29. Nov 2016 at 08:52
Print Post Print Post  
Ciao Diana, da quello che leggo nel forum credo proprio che la tua esperiernza sia comune a molti, davvero a tanti. Simile anche alla mia, anche se in realtà io ho studiato il pianofore anche da giovane, poi dopo i 20 anni (circa , più o meno) ho continuato in maniera saltuaria solo a strimpellare ogni tanto, per poi riprendere seriamente lo studio circa 5 anni fa (anche io adesso ne ho 41), per vari motivi, tra cui ovviamente la passione per lo strumento, con un livello amatoriale e dilettantistico. Per certi versi studio meglio adesso che quando ero ragazzo...   Huh

E quello che descrivi tu credo che sia una cosa che succede, ancora , a molti, cioè si studia ecc., si fanno dei progressi,  si prende coraggio e voglia, ma ad un certo punto lo studio diventa sempre più difficile, faticoso e impegnativo e si sente la necessità di avere una "gratificazione" , ci si vorrebbe divertire condividendo la musica con qualcuno che ha gli stessi interessi, suonare insieme ad altri. Purtroppo credo che sia parecchio difficile, soprattutto per un pianista classico dilettante, che fa fatica molto più di altri secondo me a trovare un modo. Perchè? perchè la musica che si suona è difficile, lo strumento è difficile e per la natura dello strumento che è fortemente solista (ad esempio, i fiati o gli archi possono inserirsi molto più facilmente in gruppi per suonare o orchestre, anche di dilettanti, secondo me).

Questo è quello che a me è successo e succede, nella ricerca di trovare qualcuno con cui suonare. Ci sono anche riuscito un pò di volte, ma in maniera saltuaria, ed è stato molto utile e divertente.

Vabbè il discorso si potrebbe fare davvero lungo, però voglia dire alcune cose.
1) sul maestro, io credo che sia importante, quando ho ripreso anche io (che ne avevo avuti in precedenza) ho iniziato a studiare da solo, poi dopo un anno ho scelto un maestro, e devo dire che è molto importante. Da soli tante cose non si possono vedere, con un maestro si può migliorare più rapidamente (almeno fino ad un certo punto, credo). Insomma, se metti le cose in chiaro e magari riesci a capire quale frequenza può essere per te congeniale, te lo consiglio, senza però che sia causa di ulteriore stress nella vita, altrimenti si ha effetto contrario. Se dovesse essere un problema , meglio di no.

2)Scuola di musica. Tasto delicato. Certo dipende da scuola a scuola, ma non pensare che se vai in una scuola di musica improvvisamente trovi tanti con cui suonare, per i motivi che ho anche detto sopra. Per un pianista dilettante classico secondo me  trovare modo di fare musica d'insieme è un pò difficile. Uno scuola può essere meglio di un insegnante privato, può dare più possibiltà, ipotizzo anche per buon senso che possa dare più opportunità, ma non è affatto scontato. Però si, magari conosci altri, magari dei violini o dei fiati (se ce ne sono) o altro , e inizia a capire cosa puoi fare e che ambiente c'è, chiedi se ci sono altri interessati a suonare. Ma non posso certo io darti una soluzione o una ricetta  Undecided , bisogna provare e cercare. Se qualcuno mi smentisce, sa come fare o ha dei consigli sarebbero utili anche a me  Grin

ciao  Smiley
  
Back to top
 
IP Logged
 
sinophilia
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 28
Joined: 09. Nov 2015
Re: Suonare con altri studenti adulti
Reply #2 - 29. Nov 2016 at 11:28
Print Post Print Post  
Ciao Phonic, grazie della risposta.

In quest'anno ho avuto modo di suonare diverse volte fuori dal mio ambiente, su pianoforti di altri e di fronte a persone anche esperte, e se da una parte è stato fonte di agitazione mi sono resa conto che non mi dispiace e che anche in pochi minuti si riescono a capire tante cose in più. L'amica con cui suono prende tuttora lezioni anche se suona da una vita, e sarei tentata di provare con la sua stessa maestra, però d'altra parte mi ha anche riferito esperienze non del tutto positive - nel senso che questa persona (con cui studia da 15 anni!!) non la incoraggia particolarmente e le ha detto chiaro e tondo che alla sua età non può progredire oltre e che certi difetti non se li toglierà mai. Inoltre ha provato a suonare con altri strumentisti ma ha trovato grande arroganza - si credono grandi musicisti e pretendono che il pianista impari immediatamente qualsiasi cosa su due piedi, cose così. Insomma non mi viene molta voglia di provare questa scuola! C'è anche l'opzione delle lezioni via Skype che permetterebbe di uscire da quest'ambiente, però più di tutto ora come ora vorrei condividere lo studio e la passione in maniera molto informale e senza eccessivo impegno - già ci penso da sola a fustigarmi!  Roll Eyes
  

Diana & Wally - Yamaha W110BW
Martha Argerich... è un'incarnazione della metafora artistica dell'eterno femminino che trae verso l'alto. (Sergio Sablich)
http://soundcloud.com/sinophilia
Back to top
 
IP Logged
 
pianozero
God Member
*****
Offline


Roma

Posts: 1051
Joined: 11. Oct 2011
Gender: Male
Re: Suonare con altri studenti adulti
Reply #3 - 01. Dec 2016 at 13:51
Print Post Print Post  
Ciao Sinophilia, benvenuta! Sicura di non essere già stata iscritta al forum ? ricordo una utente che corrisponde per autodescrizione e poi scomparve giusto nel 2011 quando era agli inizi. Ma non è importante.

In ogni caso sono anche io un autodidatta (over 50 nel mio caso, dieci più di te),   cosa che ha i suoi pro e molti contro. Anche io ho iniziato 5 anni fa. Salvo qualche lezione di "avvio" in cui ho appreso i primi rudimenti della tecnica, poi ho fatto sempre per conto mio. Per cui da questo punto di vista ci assomigliamo. Quindi sarà interessante dialogare.

Ci distingue forse la passione per il suonare "insieme" nel senso che probabilmente abbiamo scelto il più "solitario" degli strumenti, sia perché basta a se stesso, sia perché è praticamente intrasportabile, per cui o si va tutti a casa del pianista o niente... Smiley E poi vedi a quali inconvenienti "relazionali" si va incontro, li hai descritti tu stessa....

Insomma non mi sono mai posto tanto il problema di suonare insieme (questo gusto me lo sono tolto da giovane quando suonavo chitarra classica). Il pianoforte è una orchestra in sé della quale siamo anche direttori ! .  Ho scelto però una forma diversa di social che è molto più virtuale, che è quello di registrare (sul digitale anche tu ne hai uno) e pubblicare su una pagina personale di Soundcloud. In questo modo ho avuto diversi feedback costruttivi sul mio modo di suonare. Sarà interessante confrontarci su queste pagine! Ho sempre creduto nel forum come mezzo di apprendimento, anche se devo dire che negli ultimi anni soprattutto questa sezione dedicata a noi va un po' deserta. E' un peccato !

Ciao
  
Back to top
IP Logged
 
Phonic
Junior Member
**
Offline


W Pianoforum!

Posts: 64
Joined: 26. Jan 2016
Re: Suonare con altri studenti adulti
Reply #4 - 02. Dec 2016 at 13:19
Print Post Print Post  
sinophilia wrote on 29. Nov 2016 at 11:28:
Ciao Phonic, grazie della risposta.

In quest'anno ho avuto modo di suonare diverse volte fuori dal mio ambiente, su pianoforti di altri e di fronte a persone anche esperte, e se da una parte è stato fonte di agitazione mi sono resa conto che non mi dispiace e che anche in pochi minuti si riescono a capire tante cose in più. L'amica con cui suono prende tuttora lezioni anche se suona da una vita, e sarei tentata di provare con la sua stessa maestra, però d'altra parte mi ha anche riferito esperienze non del tutto positive - nel senso che questa persona (con cui studia da 15 anni!!) non la incoraggia particolarmente e le ha detto chiaro e tondo che alla sua età non può progredire oltre e che certi difetti non se li toglierà mai. Inoltre ha provato a suonare con altri strumentisti ma ha trovato grande arroganza - si credono grandi musicisti e pretendono che il pianista impari immediatamente qualsiasi cosa su due piedi, cose così. Insomma non mi viene molta voglia di provare questa scuola! C'è anche l'opzione delle lezioni via Skype che permetterebbe di uscire da quest'ambiente, però più di tutto ora come ora vorrei condividere lo studio e la passione in maniera molto informale e senza eccessivo impegno - già ci penso da sola a fustigarmi!  Roll Eyes



Vero, suonare davanti ad altri può insegnare parecchio, e  aiuta a migliorarsi, comporta stress e forse anche maggiore autocritica.
Riguardo alla maestra della tua amica, beh, credo che dopo tanto tempo forse maestro e allievo rischiano di adattarsi troppo reciprocamnte, e motivazioni e stimoli tendono col tempo a venire meno (a entrambi). E purtroppo non so, vorrei che non fosse vero ma ho paura che ad una certa età alcuni limiti sia difficili da superare (ma bisogna vadere di che limiti si parla, attenzione eh)

Riguardo il suonare con altri strumentisti, confermo anche io quello che dici, è una cosa abbastanza frequente (anhce da racconti di altri persone), soprattutto la pretesa da parte di cantanti o altri strumentisti che il pianista che accompagna debba imparare e sapere tutto subito senza neanche dover studiare o vedere prima la parte.  Forse perchè loro hanno una sola linea (e una sola nota, tranne rarissime eccezioni, penso al violino)) da seguire sullo spartito, e non hanno da fare andare insieme due mani contemporaneamente?   Tongue

lezioni via skype? sarei curioso di vedere come vengono condotte, ma confesso il mio profondo scetticismo.  Huh
  
Back to top
 
IP Logged
 
sinophilia
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 28
Joined: 09. Nov 2015
Re: Suonare con altri studenti adulti
Reply #5 - 02. Dec 2016 at 15:58
Print Post Print Post  
Ciao pianozero,
non avevo mai scritto su questo forum prima e ho iniziato con il pianoforte solo a marzo 2012, per cui non ero io Smiley

Anche per me il confronto con altri è quasi esclusivamente virtuale, nella sezione "Adult Beginners Forum" di PianoWorld, che organizza un recital ogni tre mesi e altri recital a tema - ho appena partecipato al recital di compositori russi con una versione pietosa di Promenade I di Mussorgsky  Roll Eyes
E' un bell'ambiente dove tutti si incoraggiano a vicenda e i più esperti si profondono in consigli di tutti i tipi, se mai manca un po' l'elemento della critica perché non c'è verso che qualcuno ti dica qualcosa di negativo nemmeno se mandi una registrazione atroce! Questo è uno dei motivi per cui ultimamente partecipo meno, e anche perché alla fine per me registrare è anche più difficile che suonare di fronte a qualcuno. Impiego troppo tempo a rifinire un pezzo abbastanza da poter fare un video decente senza ricominciare venti volte e senza inorridire quando riascolto, e credo che sia più produttivo a questo punto andare avanti e leggere quanta più musica possibile. Magari su certi pezzi ritorno dopo un po' di tempo per vedere se riesco a fare un salto di qualità. Ad ogni modo indubbiamente registrare mi è servito e mi serve molto, perché per quanto io cerchi di ascoltarmi tantissimo quando studio, mille cose sfuggono!

  

Diana & Wally - Yamaha W110BW
Martha Argerich... è un'incarnazione della metafora artistica dell'eterno femminino che trae verso l'alto. (Sergio Sablich)
http://soundcloud.com/sinophilia
Back to top
 
IP Logged
 
sinophilia
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 28
Joined: 09. Nov 2015
Re: Suonare con altri studenti adulti
Reply #6 - 02. Dec 2016 at 16:05
Print Post Print Post  
Phonic wrote on 02. Dec 2016 at 13:19:
lezioni via skype? sarei curioso di vedere come vengono condotte, ma confesso il mio profondo scetticismo.  Huh


Se vuoi prova a dare un'occhiata al canale Youtube di questa insegnante, Shirley Kirsten: https://www.youtube.com/user/arioso7

Non avendo un maestro sono sempre alla ricerca di blog e video a tema pianistico da cui carpire quello che ho bisogno di sapere... non i classici corsi del tipo "impara a suonare con questi quattro accordi", ma maestri veri, come per esempio Graham Fitch, che insegna anche e soprattutto come studiare.
  

Diana & Wally - Yamaha W110BW
Martha Argerich... è un'incarnazione della metafora artistica dell'eterno femminino che trae verso l'alto. (Sergio Sablich)
http://soundcloud.com/sinophilia
Back to top
 
IP Logged
 
Gabri_BT
Global Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 1159
Joined: 10. Nov 2013
Gender: Female
Re: Suonare con altri studenti adulti
Reply #7 - 02. Dec 2016 at 21:37
Print Post Print Post  

Benvenuta sinophilia  Smiley

Io sono dichiaratamente maestro-dipendente quindi in fatto di lezioni via skype, blog e video non posso aiutarti.

Confesso che ho una punta di ammirazione per chi riesce ad autogestirsi. A me sfugge sempre qualcosa quando comincio la lettura di un brano nuovo. Certo, ciò non dovrebbe succedere. Come dice una mia amica pianista (ed insegnante) "nello spartito c'è scritto tutto, basta leggerlo". Tongue

E comunque, anche dopo aver letto tutto (e in maniera corretta), ci son sempre tante altre cosine che mi vengono corrette e che io non troverei mai da sola. Se non ricevo un input dal maestro su cosa devo studiare e migliorare comincio a "girare a vuoto". Ovvero studio senza che avvengano dei miglioramenti ed il fatto di studiare a vuoto mi annoia da morire.

Ammetto che a lungo andare questo può essere anche un limite. Però per il momento è così  Huh ho bisogno del feed back costante dell'insegnante.

Che poi, a ben pensarci, è quello che ricerchi anche tu. Tu stessa hai detto che partecipi meno al forum di Pianoworld perché non fanno mai critiche costruttive  Huh

Comunque... Dai, raccontaci cosa stai studiando in questo momento? Smiley
  
Back to top
 
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2617
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: Suonare con altri studenti adulti
Reply #8 - 03. Dec 2016 at 00:34
Print Post Print Post  
sinophilia wrote on 02. Dec 2016 at 15:58:
se mai manca un po' l'elemento della critica perché non c'è verso che qualcuno ti dica qualcosa di negativo nemmeno se mandi una registrazione atroce!   


Gent.ma, se vuoi postar qualche tua esecuzione sarà mio sommo piacer esser:
severo und inflessibile Wink


Benvenuta Smiley
  
Back to top
 
IP Logged
 
pianozero
God Member
*****
Offline


Roma

Posts: 1051
Joined: 11. Oct 2011
Gender: Male
Re: Suonare con altri studenti adulti
Reply #9 - 03. Dec 2016 at 13:37
Print Post Print Post  
sinophilia wrote on 02. Dec 2016 at 15:58:
Ciao pianozero,
non avevo mai scritto su questo forum prima e ho iniziato con il pianoforte solo a marzo 2012, per cui non ero io Smiley

Anche per me il confronto con altri è quasi esclusivamente virtuale, nella sezione "Adult Beginners Forum" di PianoWorld, che organizza un recital ogni tre mesi e altri recital a tema - ho appena partecipato al recital di compositori russi con una versione pietosa di Promenade I di Mussorgsky  Roll Eyes
E' un bell'ambiente dove tutti si incoraggiano a vicenda e i più esperti si profondono in consigli di tutti i tipi, se mai manca un po' l'elemento della critica perché non c'è verso che qualcuno ti dica qualcosa di negativo nemmeno se mandi una registrazione atroce! Questo è uno dei motivi per cui ultimamente partecipo meno, e anche perché alla fine per me registrare è anche più difficile che suonare di fronte a qualcuno. Impiego troppo tempo a rifinire un pezzo abbastanza da poter fare un video decente senza ricominciare venti volte e senza inorridire quando riascolto, e credo che sia più produttivo a questo punto andare avanti e leggere quanta più musica possibile. Magari su certi pezzi ritorno dopo un po' di tempo per vedere se riesco a fare un salto di qualità. Ad ogni modo indubbiamente registrare mi è servito e mi serve molto, perché per quanto io cerchi di ascoltarmi tantissimo quando studio, mille cose sfuggono!





wowowowow la Promenade di apertura dei Quadri  l'ho  fatta la scorsa primavera, ero arrivato a memorizzarla ... e avevo anche iniziato Lo Gnomo... poi sono passato ad altro... ma ora vado subito a riprendere il tutto! 

Sì  infatti registrare è una operazione che ti porta via tantissimo tempo tutto dedicato ad un pezzo, prima lo facevo sempre, poi anche io ho adottato una tattica meno focalizzata, sul singolo in favore di una maggiore molteplicità. Purtroppo la verità è che il tempo non basta mai, il pianoforte te ne vorrebbe portare via tantissimo e bisogna fare delle scelte.

Sentivo in una intervista Lang Lang dire che un suo amico medico che aveva iniziato a studiare da adulto (dopo la laurea) suona "bene" una decina di pezzi di media difficoltà. Forse alla fine a questo dovremmo mirare, un reportorio piccolo e di qualità.

Personalmente ho optato per memorizzare tutto. Ritengo che per quanto mi possa sforzare non sarò mai un buon lettore. Tu come ti regoli da questo punto di vista ?


Dove posso trovare la tua registrazione della Promenade  ? in cosa consiste questo Recital? . Ho dato un'occhiata sul sito ma non ci ho capito molto,  ho letto per ora in parte  solo il thread di recensione data da parte degli esperti ai partecipanti. Si in effetti sono tutti molto costruttivi. Bè questo è bello però qualcuno che dica dove devi migliorare ci deve essere ! Condivido !

---

PS sono andato ad impicciarmi un po' della questione Recital.

La trovo  un'idea infinitamente bella ! al limite del geniale!
davvero complimenti a chi l'ha inventata. Sì i commenti non sono mai delle stroncature anche per pezzi suonati tozzi e bocconi.. però devo dire nel complesso la cosa sta parecchio bene in piedi

La tua Promenade si sente che è da digerire ancora però ha senso, perde un po' di espressività come hai detto per via della dinamica appiattita nella registrazione. E  forse va fatta lievemente più veloce. Però ricordo la difficoltà:  al nostro livello  con quegli accordi ti si intrecciano un po' le dita Smiley

  
Back to top
IP Logged
 
sinophilia
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 28
Joined: 09. Nov 2015
Re: Suonare con altri studenti adulti
Reply #10 - 03. Dec 2016 at 18:11
Print Post Print Post  
Gabri_BT wrote on 02. Dec 2016 at 21:37:
Dai, raccontaci cosa stai studiando in questo momento? Smiley


Al momento sono alle prese con Bach, invenzione n. 4 in re minore (che dopo aver studiato la prima con immane fatica mi sembra non dico facile, ma decisamente meno tragica!), la seconda Kinderszene di Schumann (più o meno finita, ma ancora tanto da sistemare), un arrangiamento non troppo difficile di una cantata di Bach, alcuni pezzi facili e intermedi che trovo sulla rivista Pianist...

Perdonatemi, non ho il tempo di scrivere oltre adesso, ma domani ripasso di qui!
  

Diana & Wally - Yamaha W110BW
Martha Argerich... è un'incarnazione della metafora artistica dell'eterno femminino che trae verso l'alto. (Sergio Sablich)
http://soundcloud.com/sinophilia
Back to top
 
IP Logged
 
sinophilia
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 28
Joined: 09. Nov 2015
Re: Suonare con altri studenti adulti
Reply #11 - 04. Dec 2016 at 14:34
Print Post Print Post  
pianozero wrote on 03. Dec 2016 at 13:37:
Personalmente ho optato per memorizzare tutto. Ritengo che per quanto mi possa sforzare non sarò mai un buon lettore. Tu come ti regoli da questo punto di vista ?


Io inizialmente memorizzavo tutto, anche le cose più semplici, altrimenti non c'era verso di suonare un pezzo dall'inizio alla fine senza mille errori. Da un paio d'anni a questa parte invece mi sto sforzando di tenere sempre lo spartito sotto gli occhi e di guardare le mani il meno possibile. Faccio regolarmente un po' di esercizi di lettura a prima vista e devo dire che qualcosina sono migliorata, di sicuro mi aiuta a velocizzare la prima fase di apprendimento. Adesso ci sono diversi pezzi del mio misero "repertorio" che non so assolutamente suonare del tutto a memoria - mi serve lo spartito sotto come guida, anche se ovviamente non leggo nota per nota. Mi sembra per certi versi una cosa positiva! Anche perché i pezzi si fanno più lunghi e complessi e ricordare ogni particolare non è facile. Poi certe cose devo memorizzarle per forza - Bach per esempio! Lì mi servono tutti gli aiuti possibili, analizzare, ascoltare, visualizzare lo spartito in mente, guardare i movimenti delle mani... che tanto poi mi basta sbagliare una sola nota e mi incaglio irreparabilmente.

Quanto ai recital di PianoWorld, sono molto utili anche solo da ascoltare, perché puoi capire le difficoltà e i percorsi degli altri. Alcuni suonano da una vita e si sente subito la differenza, altri arrancano (nonostante il maestro, che quasi tutti hanno), altri ancora dopo un anno ti suonano cose pazzesche e anche bene. Partecipando ai recital ho potuto un po' tenere il conto dei miei progressi, capire che alla fine sono nella media e che non sono proprio un caso disperato Grin




  

Diana & Wally - Yamaha W110BW
Martha Argerich... è un'incarnazione della metafora artistica dell'eterno femminino che trae verso l'alto. (Sergio Sablich)
http://soundcloud.com/sinophilia
Back to top
 
IP Logged
 
sinophilia
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 28
Joined: 09. Nov 2015
Re: Suonare con altri studenti adulti
Reply #12 - 04. Dec 2016 at 14:40
Print Post Print Post  
10dita wrote on 03. Dec 2016 at 00:34:
Gent.ma, se vuoi postar qualche tua esecuzione sarà mio sommo piacer esser:
severo und inflessibile Wink


Sono onorata, ma temo che potresti pentirtene  Grin
Ci sono vari miei orrori in giro per la rete, su Youtube e Soundcloud (sempre con il nome sinophilia). Alcuni sono teoricamente "prodotti finiti"... ma che ovviamente suono mooooolto meglio quando non sto registrando  Roll Eyes, altri sono registrati per i recital virtuali, tutti in ogni caso rispecchiano il massimo che riuscivo a fare in quel momento.
  

Diana & Wally - Yamaha W110BW
Martha Argerich... è un'incarnazione della metafora artistica dell'eterno femminino che trae verso l'alto. (Sergio Sablich)
http://soundcloud.com/sinophilia
Back to top
 
IP Logged
 
pianozero
God Member
*****
Offline


Roma

Posts: 1051
Joined: 11. Oct 2011
Gender: Male
Re: Suonare con altri studenti adulti
Reply #13 - 06. Dec 2016 at 09:08
Print Post Print Post  
sinophilia wrote on 04. Dec 2016 at 14:34:
pianozero wrote on 03. Dec 2016 at 13:37:
Personalmente ho optato per memorizzare tutto. Ritengo che per quanto mi possa sforzare non sarò mai un buon lettore. Tu come ti regoli da questo punto di vista ?


Poi certe cose devo memorizzarle per forza - Bach per esempio! Lì mi servono tutti gli aiuti possibili, analizzare, ascoltare, visualizzare lo spartito in mente, guardare i movimenti delle mani... che tanto poi mi basta sbagliare una sola nota e mi incaglio irreparabilmente.

Quanto ai recital di PianoWorld, sono molto utili anche solo da ascoltare,


Partecipando ai recital ho potuto un po' tenere il conto dei miei progressi, capire che alla fine sono nella media e che non sono proprio un caso disperato Grin



Ah... leggere Bach è impossibile a mio avviso, senza aver fatto il Conservatorio intendo. Veramente!  Devi usare un occhio per una mano e uno per l'altra. Roba da uscire completamente pazzi !

No, assolutamente non sei un caso disperato Smiley ho ascoltato su Sound Cloud e You Tube. Grazie a te mi sono invaghito del pezzo Ring Bell di Grieg (dall'op 54 dei Lyrics Pieces) ! L'ho messo subito nel mirino come futuro studio.
Fai benissimo a forzarti a leggere, è un esercizio fondamentale che anche io dovrei  fare di più.  Soprattutto tenere gli occhi sullo spartito e non sulla tastiera.

Vedo che tieni le mani e  dita distese, molto parallele alla tastiera, non ho mai capito se sia in bene o un male. Ho sentito pareri diversi in proposito. Ma qui c'è senz'altro chi potrà darti consigli, non sono certo io la persona adatta Smiley
  
Back to top
IP Logged
 
sinophilia
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 28
Joined: 09. Nov 2015
Re: Suonare con altri studenti adulti
Reply #14 - 06. Dec 2016 at 10:22
Print Post Print Post  
pianozero wrote on 06. Dec 2016 at 09:08:
Vedo che tieni le mani e  dita distese, molto parallele alla tastiera, non ho mai capito se sia in bene o un male. Ho sentito pareri diversi in proposito. Ma qui c'è senz'altro chi potrà darti consigli, non sono certo io la persona adatta Smiley


Vero, lo noto in tutti i miei video, soprattutto con la mano destra, ma credo che sia perché raggiungo a mala pena un'ottava, mentre con la sinistra ho un po' di più di agio.

Il pezzo di Grieg è semplice ma di grande effetto, io ho fatto fatica al tempo perché non sapevo più se guardare una mano o l'altra, e poi un pezzo così lungo non l'avevo mai studiato. Per parte mia devo assolutamente andare avanti con Chopin, il preludio in si minore è nella mia lista, e poi chissà... ma di certo non mi viene facile! Ci sono delle cose che imparo prima, e altre teoricamente abbordabili che mi sono impossibili. Per esempio Schumann lo capisco meglio. Dammi invece una cosa anche semplice di Beethoven o Czerny e ci metto mesi! Mozart non l'ho ancora mai toccato a parte qualche minuetto di mezza pagina  Cry

  

Diana & Wally - Yamaha W110BW
Martha Argerich... è un'incarnazione della metafora artistica dell'eterno femminino che trae verso l'alto. (Sergio Sablich)
http://soundcloud.com/sinophilia
Back to top
 
IP Logged
 
Phonic
Junior Member
**
Offline


W Pianoforum!

Posts: 64
Joined: 26. Jan 2016
Re: Suonare con altri studenti adulti
Reply #15 - 06. Dec 2016 at 10:43
Print Post Print Post  
Ho visto il link che hai mandato sull'insegnante, devo dire che ho trovato molto bella la versione del valzer di Chopin ( e infatti l'ho immediatamente ripreso in mano), e anche le lezioni, per quello che ho visto sono interessanti (fa capire anche quanto è importante il canto!!  Smiley ), e possono aiutare, (ce ne sono molte in rete, io ad esempio, anche se hanno chiaramente una impostazione diversa, ho visto da poco qualcosa di Schiff sulle sonate di Beethoven).
Però queste sono lezioni su youtube, non lezioni interattive, e visto che parlavi di skype, credevo ti riferissi al lezioni appunto interattive, e da qui la mia perplessità e la voglia di capire come "funzionano".

Aggiungo una cosa. Gli esercizi di lettura credo siano davvero utili, io non ho grandi capacità in merito (anzi, tutt'altro  Sad ), e in questo senso non mi esercito con continuità, in genere prendo un pezzo e lavoro su quello, ho fatto quasi sempre così. Quest'estate invece ho provato per un pò di tempo (circa un mese mi pare) a decarmi molto alla lettura, leggendo sempre a prima vista (pezzi ovviamente relativamente semplici) e devo dire che è stato nuovo , difficile, frustrante anche, ma credo utile, per miglioare l'approccio ad uno studio nuovo.
Prendevo ad esempio tutti i 19 o 23 pezzi facili di Bach, e provavo a leggerli senza mai interrompermi, e massimo 1/2 volte, poi passavo ad altro, ho provato anche con le invenzioni a 2 voci di Bach, sonate di Mozart, pezzi di Schumann, piccoli canoni, e vari altre cose che avevo a mia disposizione , di tutti tipi (ma ovviamente relativamente accessibili a questo approccio). Devo dire che stanca tantissimo Shocked Shocked, richiede un grande sforzo, soprattutto all'inizio.

Poi ahimè ho smesso, riprendendo a studiare solo singoli brani nel dettaglio, ufff.  Sad
Credo sia una pratica molto importante ma sottovalutata, all'inizio poco soddisfacente magari, ma che dà davvero qualcosa in più.

p.s. nel video di Shirley Kirsten a https://www.youtube.com/user/arioso7 è fantastico il gatto seduto sullo sgabello, lei per non disturbarlo sembra stare proprio sul limite !! Grin Grin
  
Back to top
 
IP Logged
 
sinophilia
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 28
Joined: 09. Nov 2015
Re: Suonare con altri studenti adulti
Reply #16 - 06. Dec 2016 at 12:53
Print Post Print Post  
Sul canale di Shirley trovi anche qualche video di lezioni via Skype che fa con studenti che vivono all'altro capo del mondo; richiedono indubbiamente una certa attrezzatura audio e video da entrambe le parti per cogliere tutto! Ha diversi studenti adulti e ha anche organizzato una specie di recital tutto via Skype con diverse finestre aperte e i vari studenti che suonavano ciascuno un pezzo live da casa Smiley

Lei è una personalità un po' eccentrica ma mi piace tantissimo, i movimenti fluidi, il canto, il fraseggio... si impara tanto anche solo guardandola, anche se certo poi applicare è un altro paio di maniche.
  

Diana & Wally - Yamaha W110BW
Martha Argerich... è un'incarnazione della metafora artistica dell'eterno femminino che trae verso l'alto. (Sergio Sablich)
http://soundcloud.com/sinophilia
Back to top
 
IP Logged
 
sinophilia
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 28
Joined: 09. Nov 2015
Re: Suonare con altri studenti adulti
Reply #17 - 06. Dec 2016 at 12:58
Print Post Print Post  
Phonic wrote on 06. Dec 2016 at 10:43:
Prendevo ad esempio tutti i 19 o 23 pezzi facili di Bach, e provavo a leggerli senza mai interrompermi, e massimo 1/2 volte, poi passavo ad altro, ho provato anche con le invenzioni a 2 voci di Bach, sonate di Mozart, pezzi di Schumann, piccoli canoni, e vari altre cose che avevo a mia disposizione , di tutti tipi (ma ovviamente relativamente accessibili a questo approccio).


Se mai arriverò a usare dei pezzi simili come esercizi di lettura sarò al settimo cielo Shocked

La frustrazione massima è stata nei primi 2 anni, quando mi dicevano di leggere cose al di sotto del mio livello... ma non ne esistevano! Potevo giusto leggere cose semplicissime una mano alla volta... Incredibilmente da allora qualche progresso l'ho fatto, e adesso finalmente qualcosa sotto al mio livello c'è - anche se non certo Bach  Grin

  

Diana & Wally - Yamaha W110BW
Martha Argerich... è un'incarnazione della metafora artistica dell'eterno femminino che trae verso l'alto. (Sergio Sablich)
http://soundcloud.com/sinophilia
Back to top
 
IP Logged
 
Phonic
Junior Member
**
Offline


W Pianoforum!

Posts: 64
Joined: 26. Jan 2016
Re: Suonare con altri studenti adulti
Reply #18 - 06. Dec 2016 at 14:51
Print Post Print Post  
sinophilia wrote on 06. Dec 2016 at 12:58:
Phonic wrote on 06. Dec 2016 at 10:43:
Prendevo ad esempio tutti i 19 o 23 pezzi facili di Bach, e provavo a leggerli senza mai interrompermi, e massimo 1/2 volte, poi passavo ad altro, ho provato anche con le invenzioni a 2 voci di Bach, sonate di Mozart, pezzi di Schumann, piccoli canoni, e vari altre cose che avevo a mia disposizione , di tutti tipi (ma ovviamente relativamente accessibili a questo approccio).


Se mai arriverò a usare dei pezzi simili come esercizi di lettura sarò al settimo cielo Shocked

La frustrazione massima è stata nei primi 2 anni, quando mi dicevano di leggere cose al di sotto del mio livello... ma non ne esistevano! Potevo giusto leggere cose semplicissime una mano alla volta... Incredibilmente da allora qualche progresso l'ho fatto, e adesso finalmente qualcosa sotto al mio livello c'è - anche se non certo Bach  Grin


beh, forse è il caso che mi spieghi meglio Smiley
I pezzi che ho citato sono per esercizio, e quindi faccio una grande fatica a darne una lettura decente a prina vista. In tanti casi i risultati erano pessimi, terribili, alte volte a mala pena ascoltabili,  ovviamente poi insistendo le cose migliorano e anche i risultati in lettura a prima vista migliorano, le letture sono più fluide (diciamo così). La fatica mentale è tanta, e i risultati da pezzo a pezzo possono cambiare anche molto.

Son ben lungi di fare letture perfette o di avere padronanza di questa pratica. La difficoltà è che i pezzi non si studiano, non  si devono studiare (altrimenti ovvio perde di senso). Però anche se all'inizio è terribile, perchè sembra di spostare di macigni, penso siano utili (e forse ho potuto notare anche dei progressi col tempo) ci vuole pazienza. (Purtroppo adesso non riesco a fare tali esercizi, avrò anche perso quel poco che stavo acquisendo ? Undecided)
  
Back to top
 
IP Logged
 
pianozero
God Member
*****
Offline


Roma

Posts: 1051
Joined: 11. Oct 2011
Gender: Male
Re: Suonare con altri studenti adulti
Reply #19 - 06. Dec 2016 at 15:11
Print Post Print Post  
tempo fa passò di qui un mastro che distribuì un metodo in due libri  (non ho capito se da lui sviluppato) per imaparare a leggere per esercizio successivi, io ne chiesi un copia ma devo essere sincero non l'ho mai seguito. Eppure sembra ben fatto molto progressivo. Serve però tempo e metodo. quando mi metto al piano ho voglia di suonare qualche pezzo e allora piuttosto mi metto a studiarne uno.

Ora anzi vado a vedere se lo ritrovo.
  
Back to top
IP Logged
 
Page Index Toggle Pages: [1] 2 
Send Topic Send Topic Print Print