Page Index Toggle Pages: 1 2 [3]  Send Topic Send Topic Print Print
Very Hot Topic (More than 25 Replies) La nota che non si può suonare e altre bizzarìe. (Read 3330 times)
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2580
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: La nota che non si può suonare e altre bizzarìe.
Reply #40 - 07. Jan 2017 at 00:41
Print Post Print Post  
Gentil pianozero, ti risponderò con calma e probabilmente con altra "trascrizione" Wink

Cordiali saluti
  
Back to top
 
IP Logged
 
pianozero
God Member
*****
Offline


Roma

Posts: 1044
Joined: 11. Oct 2011
Gender: Male
Re: La nota che non si può suonare e altre bizzarìe.
Reply #41 - 07. Jan 2017 at 14:21
Print Post Print Post  
10dita wrote on 07. Jan 2017 at 00:41:
Gentil pianozero, ti risponderò con calma e probabilmente con altra "trascrizione" Wink

Cordiali saluti



Ahhhh ! il mistero s'infittisce!!   Cheesy

Attendo con trepidazione, grazie Smiley
  
Back to top
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2580
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: La nota che non si può suonare e altre bizzarìe.
Reply #42 - 07. Jan 2017 at 23:27
Print Post Print Post  
Gentil pianozero, ora ti propongo codesta versione (sotto versione originale):



          


Come la "vedi" Questioning

Cordiali saluti
  
Back to top
 
IP Logged
 
pianozero
God Member
*****
Offline


Roma

Posts: 1044
Joined: 11. Oct 2011
Gender: Male
Re: La nota che non si può suonare e altre bizzarìe.
Reply #43 - 08. Jan 2017 at 09:12
Print Post Print Post  
10dita wrote on 07. Jan 2017 at 23:27:
Gentil pianozero, ora ti propongo codesta versione (sotto versione originale):




Come la "vedi" Questioning

Cordiali saluti



Questa da un punto di vista funzionale la trovo identica alla precedente da te, pregiatissimo, proposta. E quindi a me lettore gradita.

Tuttavia  non posso non notare la sua innaturalezza poiché dall'inizio del pezzo sono sempre state proposte notazioni in bemolle e mai in #, il che mi fa pensare che queste battute romperebbero completamente con il resto, o se anche pensassimo di riscriverlo tutto da capo allora forse ci sarebbe un qualche problema di coerenza tra notazione e tonalità ?

Fin qui purtroppo giungo con le mie conoscenze ...  Embarrassed

  
Back to top
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2580
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: La nota che non si può suonare e altre bizzarìe.
Reply #44 - 08. Jan 2017 at 19:58
Print Post Print Post  
pianozero wrote on 08. Jan 2017 at 09:12:
Questa da un punto di vista funzionale la trovo identica alla precedente da te, pregiatissimo, proposta. E quindi a me lettore gradita.

Tuttavia  non posso non notare la sua innaturalezza poiché dall'inizio del pezzo sono sempre state proposte notazioni in bemolle e mai in #, il che mi fa pensare che queste battute romperebbero completamente con il resto, o se anche pensassimo di riscriverlo tutto da capo allora forse ci sarebbe un qualche problema di coerenza tra notazione e tonalità ?

Fin qui purtroppo giungo con le mie conoscenze ...  Embarrassed


Gent.mo, mi pare che codeste mie "monello-trascrizioncelle" stanno sortendo un certo "risultato" Smiley

Ci stanno facendo ragionare e pensare al tutto.

Se dici ciò con acutezza, allor anche le ormai mitiche battute "incriminate" potrebbero considerarsi "innaturali, stante la scrittura originale Undecided Huh

Proviam a trascrivere da prima!?

Così vediam che salta fuori Wink

Cordiali saluti
  
Back to top
 
IP Logged
 
pianozero
God Member
*****
Offline


Roma

Posts: 1044
Joined: 11. Oct 2011
Gender: Male
Re: La nota che non si può suonare e altre bizzarìe.
Reply #45 - 10. Jan 2017 at 14:43
Print Post Print Post  
10dita wrote on 08. Jan 2017 at 19:58:
pianozero wrote on 08. Jan 2017 at 09:12:
Questa da un punto di vista funzionale la trovo identica alla precedente da te, pregiatissimo, proposta. E quindi a me lettore gradita.

Tuttavia  non posso non notare la sua innaturalezza poiché dall'inizio del pezzo sono sempre state proposte notazioni in bemolle e mai in #, il che mi fa pensare che queste battute romperebbero completamente con il resto, o se anche pensassimo di riscriverlo tutto da capo allora forse ci sarebbe un qualche problema di coerenza tra notazione e tonalità ?

Fin qui purtroppo giungo con le mie conoscenze ...  Embarrassed


Gent.mo, mi pare che codeste mie "monello-trascrizioncelle" stanno sortendo un certo "risultato" Smiley

Ci stanno facendo ragionare e pensare al tutto.

Se dici ciò con acutezza, allor anche le ormai mitiche battute "incriminate" potrebbero considerarsi "innaturali, stante la scrittura originale Undecided Huh

Proviam a trascrivere da prima!?

Così vediam che salta fuori Wink

Cordiali saluti



purtroppo con la fine del periodo natalizio viene meno anche molto tempo, farei volentieri il task proposto ma ho alcune limitazioni.
il tempo che troverei pure
la mancanza di un software adatto (perso con la reinstallazione forzata di questa estate  Cry )
una perfetta comprensione del medesimo. Ovvero come andrebbe teascritto il pezzo? modificando tutte   le notazioni in #?


Dando una rapida scorsa vedo che le alterazioni presenti fino alle battute dette sono sulle note si, la e mi in b mentre solo su do in #.

Tutto ciò mi porta a pensare che sul do ci sia una certa propensione a metterlo in # e quindi non necessariamente  reb.

Ma è anche vero che il reb lo troviamo nelle prime delle batttute "incriminate".

Insomma un bel rebus, e da solo non ne esco !

10 sono nelle tue ... dita !
  
Back to top
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2580
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: La nota che non si può suonare e altre bizzarìe.
Reply #46 - 11. Jan 2017 at 02:00
Print Post Print Post  
pianozero wrote on 10. Jan 2017 at 14:43:
10 sono nelle tue ... dita !


Gent.mo, ma ti fidi delle mie...10 Huh  Smiley

Mi par non stiam procedendo poi malaccio.
Qualcun dirà: "ma qui si sta menando il can per l'aia!" Tongue Cheesy

Comunque, prima o poi si dovrà far una analisi (comparando anche i vari "passaggi") degli accordi e delle "aree tonali" coinvolte.
Non dispero ci possa esser una partecipazione dei compositori presenti (e assenti Grin) sul forum: Andrea in primis Smiley

Ora però vorrei continuare sulla strada della "monello-trascrizione" Wink
Ti propongo ulterior tassello da aggiungere:




Cordiali saluti
  
Back to top
 
IP Logged
 
andreavezzoli
Global Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 1979
Joined: 04. Mar 2010
Re: La nota che non si può suonare e altre bizzarìe.
Reply #47 - 13. Jan 2017 at 16:59
Print Post Print Post  
Io partecipo molto volentieri:
oltre a quello che ho già scritto sulle ragioni armoniche per cui le alterazioni vanno scritte cosi e non per enarmonia aggiungo che alla quarta riga il cromatismo ascendente del basso sib si naturale do insieme a quello discendente reb do della voce interna ci sta portando verso un ipotetico fa maggiore che però viene evitato dal compositore.
Le funzioni tonali potrebbe essere spiegate cosi:
partendo dal seconda  battuta della terza riga abbiamo una cadenza frigia al V di re minore (IV grado della tonica detta anche sottodominante). Poi avviene che il pezzo tende ad a modulare fa maggiore come spiegavo sopra, ed il reb non è altro che il sesto grado abbassato di fa maggiore (se è sesto grado abbassato non può essere diesis! ma bemolle).  Poi il cromatismo di cui parlavo sopra viene traslato una terza sopra come se volesse modulare a lab maggiore!! ma poi torna il do#, in un accordo di la maggiore! che alle nostre orecchie suona molta lontano dall'ipotetico la bemolle maggiore ( il fatto di raggiungere tonalità lontane su accordi in secondo rivolto ne attenua l'effetto di transizione improvvisa, qui avvenuto anche per enermonia!)

Forse sto scrivendo troppo da "compositore" ma fidati è cosi. Se avrai la fortuna di approfondire lo studio dell'armonia un giorno tutto questo ti sarà chiaro Smiley
  
Back to top
 
IP Logged
 
pianozero
God Member
*****
Offline


Roma

Posts: 1044
Joined: 11. Oct 2011
Gender: Male
Re: La nota che non si può suonare e altre bizzarìe.
Reply #48 - 13. Jan 2017 at 23:14
Print Post Print Post  
andreavezzoli wrote on 13. Jan 2017 at 16:59:
Io partecipo molto volentieri:
oltre a quello che ho già scritto sulle ragioni armoniche per cui le alterazioni vanno scritte cosi e non per enarmonia aggiungo che alla quarta riga il cromatismo ascendente del basso sib si naturale do insieme a quello discendente reb do della voce interna ci sta portando verso un ipotetico fa maggiore che però viene evitato dal compositore.
Le funzioni tonali potrebbe essere spiegate cosi:
partendo dal seconda  battuta della terza riga abbiamo una cadenza frigia al V di re minore (IV grado della tonica detta anche sottodominante). Poi avviene che il pezzo tende ad a modulare fa maggiore come spiegavo sopra, ed il reb non è altro che il sesto grado abbassato di fa maggiore (perdona la crassa ignoranza , mi viene da dire e quindi ? il do# ne rappresenterebbe il quinto aumentato ma esso è meno importante ne deduco Smiley )  (se è sesto grado abbassato non può essere diesis! ma bemolle).  Poi il cromatismo di cui parlavo sopra viene traslato una terza sopra come se volesse modulare a lab maggiore!! ma poi torna il do#, in un accordo di la maggiore! che alle nostre orecchie suona molta lontano dall'ipotetico la bemolle maggiore ( il fatto di raggiungere tonalità lontane su accordi in secondo rivolto ne attenua l'effetto di transizione improvvisa, qui avvenuto anche per enermonia!)

Forse sto scrivendo troppo da "compositore" ma fidati è cosi. Se avrai la fortuna di approfondire lo studio dell'armonia un giorno tutto questo ti sarà chiaro Smiley


Andrea mi fido ciecamente e ci mancherebbe. La tua spiegazione per quanto a me estremamente ostica  ha il merito di rendermi conto di quanto mi sia  impossibile darmi  una spiegazione pienamente intellegibile o almeno quanto ambirei a fare,  per cui assolutamente mi fido !
Comunque credo di aver capito grazie a voiche è tutta una questione di area tonale in cui ci veniamo a trovare via via nel pezzo, e questo effettivamente ha perfettamente senso. E quindi sarebbe un errore non tenerne conto, certo. Stabilito quindi  il contesto armonico  il resto è pura conseguenza senza tema di smentita e/o possibilità di discussione ! Resta il fatto che al lettore (magari ignorantello)  sarebbe più comodo scritto diversamente (Almeno al lettore di pianoforte).

In merito quindi  a quanto diceva Gabi ovvero il fatto che strumenti che distinguono tra note con alterazioni ascendenti e discendenti è dunque vero che la notazione DEVE essere questa perché su tali strumenti si suonerebbero esattamente quelle note ? Che poi è il discorso che ipotizzavo io sopra facendo riferimento ad una tastiere  suddivisa in modo non equabile dunque ?

Resta ora da capire come finisce il thriller di 10 dita !   curiosissimo !
  
Back to top
IP Logged
 
andreavezzoli
Global Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 1979
Joined: 04. Mar 2010
Re: La nota che non si può suonare e altre bizzarìe.
Reply #49 - 14. Jan 2017 at 16:56
Print Post Print Post  
gli strumenti ad arco suonano il re bemolle non uguale al do# questo perchè possono farlo tecnicamente visto che la tastiera del violino per esempio, non ha le note segnate come invece avviene sulla chitarra, cosi come la voce può distinguere tra diesis bemolli.
Il do# è la sensibile di re minore, non il sesto aumentato di fa maggiore.

Sul fatto che per il lettore possa essere più facile non  ne sono cosi convinto, nel senso che la lettura non dovrebbe essere puramente un gesto meccanico ma un momento in cui uno tenta anche di capire cosa avviene nel pezzo, è capendo cosa avviene nel pezzo che la lettura viene facilitata non cambiando le alterazioni per enarmonia.
Capisco che all'inizio possa sembrare più facile un tipo di notazione diversa delle alterazioni, ma è solo illusione.
Ti consiglio di prendere in mano spartiti con le alterazioni e provare a capire perchè sia scritto con i diesis o con i bemolli.
  
Back to top
 
IP Logged
 
pianozero
God Member
*****
Offline


Roma

Posts: 1044
Joined: 11. Oct 2011
Gender: Male
Re: La nota che non si può suonare e altre bizzarìe.
Reply #50 - 12. Apr 2017 at 18:42
Print Post Print Post  
mi chiedo se questo anticipo del basso alla fine della battuta precedente non sia una scelta del tutto arbitraria; cioè  se fosse stato voluto così dall'autore non lo avrebbe scritto esplicitamente? o rientriamo come nel caso precedente nell'ambito di regole di armonia da osservare sempre e comunque?

e se io invece volessi suonarlo tentando il bicordo come è scritto con gran  salto della mano sinistra ovviamente (che non mi basta...) .... sbagliassiGrinSmiley

https://youtu.be/n9Aqr06paSE?t=4m18s

grazie a chiunque volesse degnarmi di risposta Smiley
  
Back to top
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2580
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: La nota che non si può suonare e altre bizzarìe.
Reply #51 - 13. Apr 2017 at 20:49
Print Post Print Post  
Gent.mo, ti confesso che mi sento assai rinco Undecided: non compresi il tuo quesito su cotal passaggio:




In particolare non comprendo cosa intendi con ciò:

pianozero wrote on 12. Apr 2017 at 18:42:
e se io invece volessi suonarlo tentando il bicordo come è scritto con gran  salto della mano sinistra ovviamente (che non mi basta...) .... sbagliassiGrinSmiley

Huh Undecided

Perdona la scarsa perspicacia Embarrassed


Cordiali saluti

PS
Non ho dimenticato il vecchio "thriller" Smiley
Scarso tempo (pigrizia Grin) etc. mi fecero abbandonar, ma pria o poi... Wink
  
Back to top
 
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2580
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: La nota che non si può suonare e altre bizzarìe.
Reply #52 - 14. Apr 2017 at 20:36
Print Post Print Post  
Gent.mo, tentai (per chiarirmi l'arcano) alcuni experimenti sul passo da te proposto:





Credo d'aver capito l'arcano dubbioso (nella esecuzione da te postata)
in questione Wink
Perdona: non avevo ben 'scoltato (ed era pur "evidenziato" Tongue Grin)

Allor me sbilancio: non me piace come interpretato nel video da te postato. Poi question di gusti, anche.

Cordiali saluti
  
Back to top
 
IP Logged
 
Page Index Toggle Pages: 1 2 [3] 
Send Topic Send Topic Print Print