Normal Topic tecnica (Read 889 times)
fabio
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 6
Location: Italy
Joined: 10. Jan 2011
Gender: Male
tecnica
26. Jan 2017 at 09:52
Print Post Print Post  
Salve a tutti,
da molti anni suono il pianoforte a livello classico, e vorrei avvicinarmi al ragtime.
qualcuno mi potrebbe indicare qualche libro di tecnica apposita per questo genere?
o darmi delle indicazioni per lo studio, i passi da fare...
Grazie ina nticipo
  
Back to top
 
IP Logged
 
giulio62
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 53
Joined: 24. Dec 2011
Gender: Male
Re: tecnica
Reply #1 - 26. Jan 2017 at 22:36
Print Post Print Post  
Per quanto riguarda il ragtime vorrei consigliarti questo libro che a me piace molto:
Il ragtime, metodo per pianoforte di Fabio Albertosi, Berben 1993 (pag 104)
Non so però, se è di facile reperibilità.
Altrimenti puoi sicuramente trovarne tanti altri molto più facilmente, ma in lingua inglese, ad esempio questo:

http://www.ebay.it/itm/A-First-Book-Of-Ragtime-For-The-Beginning-Pianist-Piano-S...

A First Book Of Ragtime For The Beginning Pianist di David Dutkanitz, Con 24 arrangiamenti semplifificati di compositori ragtime - Scott Joplin, James Scott, and Joseph Lamb, Eubie Blake, Tom Turpin, e altri.
Pezzi come Maple Leaf Rag, The Entertainer, and Tiger Rag, Magnetic Rag, Blue Goose Rag, Fig Leaf Rag, Grace And Beauty, Easy Winners, Felicity Rag, The Weeping Willow, Charleston Rag, Sleepy Hollow, ecc

Ma questi libri (con arrangiamenti semplificati)  sono soprattutto indicati per chi (come me) ancora non sa suonare Undecided
Se tu, invece, sai già suonare ad un certo livello, puoi direttamente affrontare i pezzi originali.

Ti consiglio di iniziare con lo studiare questo metodo
Christensen's Rag-Time Instruction Book For Piano
di Axel Christensen
che puoi trovare facilmente in rete  e scaricare gratuitamente, ad esempio qui:

http://www.free-scores.com/download-sheet-music.php?pdf=17043

Poi puoi trovare facilmente in rete, tanti spartiti ragtime, ad esempio sempre in free-score.com
http://www.free-scores.com/Download-PDF-Sheet-Music-tom-turpin.htm#play

oppure qui:
http://www.corsodipiano.altervista.org/Spartiti.htm

tra  i pezzi più facili di Scott Joplin, ottimi per iniziare, ci sono 
Swipesy


e Weeping Willow




  
Back to top
IP Logged
 
fabio
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 6
Location: Italy
Joined: 10. Jan 2011
Gender: Male
Re: tecnica
Reply #2 - 27. Jan 2017 at 08:39
Print Post Print Post  
GRAZIE INFINITE Smiley Cheesy giulio62
molto preciso....
Anche se suono da circa 30 anni devo dire che nel ragtime ho incontrato varie difficolta' e quindi un libro di base e' molto utile.
grazie ancora.
  
Back to top
 
IP Logged
 
sinophilia
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 28
Joined: 09. Nov 2015
Re: tecnica
Reply #3 - 27. Jan 2017 at 09:02
Print Post Print Post  
Utilissimo, grazie Giulio!

Vorrei ricordare anche School of Ragtime di Scott Joplin (su IMSLP.org), 6 esercizi preparatori sui ritmi/pattern di questo stile.
  

Diana & Wally - Yamaha W110BW
Martha Argerich... è un'incarnazione della metafora artistica dell'eterno femminino che trae verso l'alto. (Sergio Sablich)
http://soundcloud.com/sinophilia
Back to top
 
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2617
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: tecnica
Reply #4 - 27. Jan 2017 at 14:16
Print Post Print Post  
fabio wrote on 27. Jan 2017 at 08:39:
Anche se suono da circa 30 anni devo dire che nel ragtime ho incontrato varie difficolta' e quindi un libro di base e' molto utile.
grazie ancora.


Gent.mo, quali sarebbero codeste "varie difficoltà"?
Di ordine tecnico, musicale...?

A mia memoria quando studiavo il programma con i magnifici rag di Joplin non ricordo particolari e peculiari difficoltà Huh

Ovver: non più di altri brani.
Il buon Savelli (in "Il pianoforte moderno") nel cap. dedicato al ragtime, verga:

"Le principali difficoltà che si riscontrano nella esecuzione di un ragtime [...] accompagnamento [...] preciso ed organizzato della mano sinistra, e una oggettiva difficoltà di inserimento della mano destra, in costante controtempo."

Mah, non so se sia "oggettiva" la difficoltà della povera destra, è certo che il "preciso" e costante accompagnamento fatto, prevalentemente, di "lanci" laterali tra basso e accordi distanti può metter un poco in crisi la esecuzione se non eseguito con la dovuta souplesse.
Ergo: occorre raggiungere un preciso e "flessibile automatismo".

Ma ciò detto non val mica sol per il rag, parlandone da un punto meramente di: movimento tecnico.

Poi sul "resto", come diceva un mio amico, "è tutto da discutere" Smiley

Cordiali saluti
  
Back to top
 
IP Logged
 
fabio
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 6
Location: Italy
Joined: 10. Jan 2011
Gender: Male
Re: tecnica
Reply #5 - 28. Jan 2017 at 07:11
Print Post Print Post  
il "buon Savelli" ha detto bene...
  
Back to top
 
IP Logged