Hot Topic (More than 10 Replies) Sviatoslav Richter, il pianista totale. (Read 308 times)
Orfeo
God Member
*****
Offline



Posts: 710
Joined: 12. Jun 2012
Gender: Male
Sviatoslav Richter, il pianista totale.
27. Nov 2017 at 17:45
Print Post Print Post  
Noto che è da un po' di tempo, almeno qui sul forum, che non si parla dell'immenso Sviatoslav Richter, definito dai critici "il pianista totale", "il Liszt del XX secolo", "il terzo uomo" (i primi due sono Liszt e Busoni), "il messaggero degli Dei", ecc.

Al di là dei soprannomi è certo che Richter sia stato, forse, il più grande pianista del secolo scorso: dotato di una tecnica incommensurabile (al livello di Horowitz o Gilels), aveva in più rispetto alla quasi totalità degli altri pianisti una capacità interpretativa incommensurabile, tale da permettergli di raggiungere le profondità più segrete di ogni testo musicale affrontato. Senza dimenticare il suo repertorio sconfinato.

Proprio ascoltando Richter mi viene spesso da riflettere circa la povertà degli interpreti di oggi. Mi spiego meglio. Seguo con interesse tantissimi pianisti contemporanei (Kissin, Volodos, Zimerman, Levit, Lugansky, Hamelin, Hough, Lortie, Trifonov, Wang) e molto di loro sono bravissimi, sotto tutti i punti di vista. Ma si tratta di eccezioni. La moltitudine dei pianisti contemporanei si concentra molto sulla tecnica digitale, dimenticando la musica. Con la conseguenza di avere tanti bravi acrobati e pochi poeti che sappiano emozionare suonando il pianoforte.

Queste poche righe, scritte di getto e malamente, non hanno la pretesa di volere rappresentare la situazione in chiaro scuro del pianismo di oggi. Piuttosto vorrebbero costituire un piccolo omaggio al pianista totale, al pianista dei pianisti (ammirato dai vari Horowitz, Rubinstein, Sofronitsky, Gilels, Benedetti Michelangeli, Gould, Ashkenazy). A Sviatoslav Richter che, a venti anni dalla sua scomparsa, ha lasciato un vuoto enorme nel mondo musicale. 
  
Back to top
 
IP Logged
 
Orfeo
God Member
*****
Offline



Posts: 710
Joined: 12. Jun 2012
Gender: Male
Re: Sviatoslav Richter, il pianista totale.
Reply #1 - 27. Nov 2017 at 17:48
Print Post Print Post  
Ai pochi che non conoscessero a fondo Sviatoslav Richter consiglio la visione del bellissimo documentario di Bruno Monsaingeon (che i più conosceranno già):

https://youtu.be/HHwbp8DxOnk
  
Back to top
 
IP Logged
 
andreavezzoli
Global Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2039
Joined: 04. Mar 2010
Re: Sviatoslav Richter, il pianista totale.
Reply #2 - 28. Nov 2017 at 10:46
Print Post Print Post  
Richter visse in un epoca in cui gli echi del romanticismo erano presenti, ebbe la fortuna di vivere negli stessi anni in cui ancora vissero grandi compositori: Stravinsky, Prokopiev (di cui suonò in prima mondiale la sonata N°6...), erano altri tempi in cui la musica veniva vista sotto un'ottica diversa rispetto ad oggi, anni in cui per prima cosa vi era la necessità di espressione attraverso la musica, anni in cui vivere non era facile, anni in cui non c'era youtube (per fortuna), anni in cui l'incidere un disco aveva ancora un certo valore...
Oggi tutto deve portare a produrre, a stupire tecnicamente, certi errori, che erano presenti in certe esecuzioni dei grandi, oggi non sono più tollerati, se oggi un grande pianista sbaglia una nota, il giorno dopo subito su youtube milioni di commenti negativi...
mentre in passato contava di più il modo in cui il pianista riusciva a delineare formalmente il pezzo, il capire dov'era il punto culminante dell'armonia, capire il vero fraseggio da utilizzare.
Ecco quando morì Richter nel 1997, è come se morì anche tutto quel mondo musicale insieme a lui.
In questo video, secondo me vi è l'essenza del pianismo di Richter messo al servizio della voce di un altro grande!
  
Back to top
 
IP Logged
 
Orfeo
God Member
*****
Offline



Posts: 710
Joined: 12. Jun 2012
Gender: Male
Re: Sviatoslav Richter, il pianista totale.
Reply #3 - 28. Nov 2017 at 11:02
Print Post Print Post  
Andrea, condivido le tue parole. Di sicuro l'avvento di youtube e dei vari social media non ha giovato alla musica. E ai musicisti, spesso più attenti alla propria immagine che alle composizioni che dovrebbero suonare.

Sugli "errori" dici di nuovo la sacrosanta verità. Lo sbaglio di una nota in un'esecuzione viene nei nostri tempi vista come una cosa negativa. Al contrario non bisognerebbe focalizzarsi su questi aspetti, bensì sull'aspetto interpretativo. Oltretutto si dimentica che anche i pianisti d'oggi - compresi gli osannati Lang Lang & C. - sbagliano durante i loro concerti, lasciando numerose note "monche". Le incisioni in studio (ma anche quelle live), invece, sono oggi in parte viziate da un totale controllo della tecnologia, che viene fatta intervenire per "correggere" le inevitabili piccole sbavature. Ma in tale modo si perde completamente lo spirito di un'interpretazione e la musica ne esce svilita.

Molto bello il video di Richter e di Dietrich Fischer-Dieskau.
  
Back to top
 
IP Logged
 
Orfeo
God Member
*****
Offline



Posts: 710
Joined: 12. Jun 2012
Gender: Male
Re: Sviatoslav Richter, il pianista totale.
Reply #4 - 28. Nov 2017 at 11:07
Print Post Print Post  
L'essenza del pianismo di Richter è caleidoscopica. E' questa una delle ragioni dell'unicità del suo pianismo, che lo rende davvero inimitabile e, forse, il più grande.

Un altro esempio dell'essenza richteriana:

https://youtu.be/fIKkUjzfJqs
  
Back to top
 
IP Logged
 
pirolo
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 5
Joined: 21. Jan 2009
Re: Sviatoslav Richter, il pianista totale.
Reply #5 - 28. Nov 2017 at 16:38
Print Post Print Post  
Orfeo wrote on 28. Nov 2017 at 11:07:
L'essenza del pianismo di Richter è caleidoscopica. E' questa una delle ragioni dell'unicità del suo pianismo, che lo rende davvero inimitabile e, forse, il più grande.

Un altro esempio dell'essenza richteriana:

https://youtu.be/fIKkUjzfJqs

Sarà anche vero, ma per me il top è questo
https://www.youtube.com/watch?v=DqxGg2zeoGs
  
Back to top
 
IP Logged
 
Orfeo
God Member
*****
Offline



Posts: 710
Joined: 12. Jun 2012
Gender: Male
Re: Sviatoslav Richter, il pianista totale.
Reply #6 - 28. Nov 2017 at 16:56
Print Post Print Post  
György Cziffra è stato sicuramente un grandissimo pianista. Dirlo è quasi superfluo. E' altrettanto evidente che nella preferenza di un'interpretazione rispetto ad un'altra entrano in gioco moltitudini di fattori, tra cui anche il gusto personale. Tra le due interpretazioni in questione, personalmente preferisco quella di Richter, che trovo più coinvolgente e più convincente (anche sotto il profilo puramente tecnico).

Premesso questo, e al netto di singole interpretazioni, la figura di Sviatoslav Richter non può essere paragonata a quella di György Cziffra. Richter è stata la "figura" pianistica più influente del XX secolo: per tecnica, per vastità del repertorio, per le inaudite capacità interpretative.

A Cziffra, come a Richter, riconosco una grande bravura tecnica. Diversamente da Richter, però, Cziffra era specializzato su un (relativamente) ridotto repertorio e, soprattutto, mancava della profondità di lettura del testo musicale del russo.

Ancora qualche esempio di interpretazioni richteriane della musica di Chopin.

https://youtu.be/8hOKcdZJJFU

https://youtu.be/GQ-NAgDpRVs
  
Back to top
 
IP Logged
 
pirolo
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 5
Joined: 21. Jan 2009
Re: Sviatoslav Richter, il pianista totale.
Reply #7 - 28. Nov 2017 at 17:51
Print Post Print Post  
Orfeo wrote on 28. Nov 2017 at 16:56:
György Cziffra è stato sicuramente un grandissimo pianista. Dirlo è quasi superfluo. E' altrettanto evidente che nella preferenza di un'interpretazione rispetto ad un'altra entrano in gioco moltitudini di fattori, tra cui anche il gusto personale. Tra le due interpretazioni in questione, personalmente preferisco quella di Richter, che trovo più coinvolgente e più convincente (anche sotto il profilo puramente tecnico).

Premesso questo, e al netto di singole interpretazioni, la figura di Sviatoslav Richter non può essere paragonata a quella di György Cziffra. Richter è stata la "figura" pianistica più influente del XX secolo: per tecnica, per vastità del repertorio, per le inaudite capacità interpretative.

A Cziffra, come a Richter, riconosco una grande bravura tecnica. Diversamente da Richter, però, Cziffra era specializzato su un (relativamente) ridotto repertorio e, soprattutto, mancava della profondità di lettura del testo musicale del russo.

Ancora qualche esempio di interpretazioni richteriane della musica di Chopin.

https://youtu.be/8hOKcdZJJFU

https://youtu.be/GQ-NAgDpRVs

Ovviamente mi stavo riferendo alla interpretazzione del brano in oggetto, non in toto.
Conosco bene la performance relativa allo studio 4 op 10.
Incredibile e notevole. Ma forse Chopin l'avrebbe approcciato con un po' più di calma.
  
Back to top
 
IP Logged
 
Orfeo
God Member
*****
Offline



Posts: 710
Joined: 12. Jun 2012
Gender: Male
Re: Sviatoslav Richter, il pianista totale.
Reply #8 - 28. Nov 2017 at 18:00
Print Post Print Post  
Dici che Chopin l'avrebbe interpretato diversamente quello studio? Forse. Ma non lo sapremo mai. Il bello delle diverse interpretazioni è proprio questo. Mi permetto soltanto di sottolineare una banalità, ossia che lo Chopin degli "Studi", non è lo Chopin dei "Notturni". Gli "Studi" sono brani tecnicamente molto complessi, in cui il virtuosismo ha la meglio su altri aspetti. Diversamente dai "Notturni", ovvio... Ma questo lo sappiamo tutti, Richter in primis:

https://youtu.be/Oe89wp_uN3o

  
Back to top
 
IP Logged
 
Orfeo
God Member
*****
Offline



Posts: 710
Joined: 12. Jun 2012
Gender: Male
Re: Sviatoslav Richter, il pianista totale.
Reply #9 - 30. Nov 2017 at 08:46
Print Post Print Post  
Sempre in merito a celebri interpretazioni richteriane, degne di nota:

https://youtu.be/41AJ5sLKgPo
  
Back to top
 
IP Logged
 
andreavezzoli
Global Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2039
Joined: 04. Mar 2010
Re: Sviatoslav Richter, il pianista totale.
Reply #10 - 02. Dec 2017 at 09:36
Print Post Print Post  
Altra grande interpretazione:
un romanticismo tipicamente russo, con le linee ben delineate, il ritmo preciso ma allo stesso tempo oscillante,  un unico fiato per tutto il brano senza però non mettere in evidenza i punti culminanti, sembra che questa esecuzione sia generata tutta dal primo accordo che come un sasso lanciato nell'acqua genere tutte le altre onde.
  
Back to top
 
IP Logged
 
Orfeo
God Member
*****
Offline



Posts: 710
Joined: 12. Jun 2012
Gender: Male
Re: Sviatoslav Richter, il pianista totale.
Reply #11 - 02. Dec 2017 at 22:34
Print Post Print Post  
andreavezzoli wrote on 02. Dec 2017 at 09:36:
Altra grande interpretazione:
un romanticismo tipicamente russo, con le linee ben delineate, il ritmo preciso ma allo stesso tempo oscillante,  un unico fiato per tutto il brano senza però non mettere in evidenza i punti culminanti, sembra che questa esecuzione sia generata tutta dal primo accordo che come un sasso lanciato nell'acqua genere tutte le altre onde.


Sono d'accordo con te, Andrea. Forse quello che scrivi (ritmo preciso e oscillante) è ancora più evidente in questa magnifica interpretazione del "Jeax d'eau" di Ravel:

https://youtu.be/K6XI7sIz7CU
  
Back to top
 
IP Logged