Page Index Toggle Pages: 1 [2]  Send Topic Send Topic Print Print
Very Hot Topic (More than 25 Replies) Sviatoslav Richter, il pianista totale. (Read 4635 times)
pianozero
God Member
*****
Offline


Roma

Posts: 1159
Joined: 11. Oct 2011
Gender: Male
Re: Sviatoslav Richter, il pianista totale.
Reply #20 - 19. Dec 2017 at 14:41
Print Post Print Post  
Orfeo wrote on 19. Dec 2017 at 14:19:
"Clair de lune" dalla "Suite bergamasque" di Debussy. Registrazione dal vivo durante il festival di Salisburgo del 1977.

https://youtu.be/aAcYjH_mV1o


caso di telepatia? letto il post precedente con l'elenco degli autori interpretati sono andato ascoltare i Preludi e la Suite Bergamasca di Debussy.

Sì, in effetti stupisce che sia lo stesso pianista che suona Bach in quel modo!

Tra i preludi il N°1 che trovo davvero una delle cose più notevoli mai scritte,  è incantevole.
Una cosa da notare :manca il preludio (l'unico che ho studiato) de la Fille aux cheveux de lin. Ora ho notato che non è il primo caso in cui noto questa assenza in una incisione dei Preludi, laddove sono presenti tutti gli altri se non sbaglio. Mi chiedo a cosa sia dovuta questa scelta. Curioso comunque.



  
Back to top
IP Logged
 
Orfeo
God Member
*****
Offline



Posts: 730
Joined: 12. Jun 2012
Gender: Male
Re: Sviatoslav Richter, il pianista totale.
Reply #21 - 19. Dec 2017 at 14:59
Print Post Print Post  
pianozero wrote on 19. Dec 2017 at 14:41:
Orfeo wrote on 19. Dec 2017 at 14:19:
"Clair de lune" dalla "Suite bergamasque" di Debussy. Registrazione dal vivo durante il festival di Salisburgo del 1977.

https://youtu.be/aAcYjH_mV1o


caso di telepatia? letto il post precedente con l'elenco degli autori interpretati sono andato ascoltare i Preludi e la Suite Bergamasca di Debussy.

Sì, in effetti stupisce che sia lo stesso pianista che suona Bach in quel modo!

Tra i preludi il N°1 che trovo davvero una delle cose più notevoli mai scritte,  è incantevole.
Una cosa da notare :manca il preludio (l'unico che ho studiato) de la Fille aux cheveux de lin. Ora ho notato che non è il primo caso in cui noto questa assenza in una incisione dei Preludi, laddove sono presenti tutti gli altri se non sbaglio. Mi chiedo a cosa sia dovuta questa scelta. Curioso comunque.





Hai notato molto bene. Lo stesso Richter disse una volta che suonava solo quello che gli piaceva: questo valeva per il I° Libro dei Preludi (il II° Libro, invece, lo suonava nella sua interezza), per le sonate di Beethoven (ne aveva in repertorio 24, mi pare), per i preludi e gli studi di Rachmaninov, per i preludi e fughe Op. 87 di Shostakovic, ecc.

A proposito di Shostakovic, vi è questo curioso aneddoto: il compositore russo stimava molto Richter e avrebbe voluto che quest'ultimo incidesse tutti i suoi preludi e fughe Op. 87. La risposta di Richter fu tranchant, nella sua sincerità: "suono solo quello che mi va" o qualcosa del genere. Al che, com'è naturale che sia, Shostakovic non ci rimase molto bene...

L'allergia di Richter ai "cicli completi" di alcune opere è sicuramente curiosa, seppure non isolata come caratteristica: nel '900 vi furono vari pianisti (ad esempio Emil Gilels) che suonavano solo quello che piaceva loro e che sentivano nelle proprie corde.

Oggigiorno, nei pianisti contemporanei (con alcune eccezioni, come Evgeny Kissin e alcuni altri), si nota una tendenza opposta: sembra quasi esserci una "corsa" a completare vari cicli di opere.

Confesso che preferisco l'artista del primo tipo, che suona solo quello che gli piace veramente: ritengo questo un atteggiamento più "igienico" e sincero. In definitiva, perché suonare qualcosa che non ci piace?
  
Back to top
 
IP Logged
 
Orfeo
God Member
*****
Offline



Posts: 730
Joined: 12. Jun 2012
Gender: Male
Re: Sviatoslav Richter, il pianista totale.
Reply #22 - 19. Dec 2017 at 15:05
Print Post Print Post  
Già che ho fatto riferimento alle sonate di Beethoven, condivido con voi la sonata n. 7, registrata dal vivo (sala Grande del conservatorio di Mosca) nel 1976:

https://youtu.be/SP12bEnzHbg
  
Back to top
 
IP Logged
 
andreavezzoli
Global Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2160
Joined: 04. Mar 2010
Re: Sviatoslav Richter, il pianista totale.
Reply #23 - 19. Dec 2017 at 16:32
Print Post Print Post  
Sul fatto che Richter suonasse solo ciò che gli piaceva, suonando talvolta solo alcuni pezzi invece che suonare interamente un ciclo di preludi per esempio:
è tipico di molti pianisti geniali che dall'alto della loro esperienza credono di poter "setacciare" la musica per suonare ciò che ritengono all'altezza, come in una sorta di selezione, su questo io preferisco quei pianisti come per esempio Andras Schiff che eseguono le opere nella loro interezza, in quanto l'interprete, se pur geniale, non dovrebbe scegliere al posto del compositore, se il compositore ha scritto 24 preludi e fughe da eseguirsi tutti di fila il pianista dovrebbe avere il rispetto di rispettare la volontà del compositore.
E' vero che questo fa parte del carattere di Richter, ed in qualche modo è perdonabile perchè ci ha lasciato talmente tante straordinarie interpretazioni che questo aspetto passa quasi in secondo piano.
  
Back to top
 
IP Logged
 
pianozero
God Member
*****
Offline


Roma

Posts: 1159
Joined: 11. Oct 2011
Gender: Male
Re: Sviatoslav Richter, il pianista totale.
Reply #24 - 19. Dec 2017 at 18:33
Print Post Print Post  
Oltre al compositore ci resta male anche l'ascoltatore se manca qualcosa. Ma ci sono pianisti ancor più selettivi mi pare. Michelangeli per esempio (è più quello che NON ha suonato che quello che ha suonato Smiley )

Quel preludio comunque ("la Fille") deve essere inviso a molti visto che come dicevo non è la prima volta che lo trovo omesso dall'integrale dei preludi anche di altri pianisti, pagherei per sapere perché.
  
Back to top
IP Logged
 
Orfeo
God Member
*****
Offline



Posts: 730
Joined: 12. Jun 2012
Gender: Male
Re: Sviatoslav Richter, il pianista totale.
Reply #25 - 20. Dec 2017 at 15:29
Print Post Print Post  
"...I don't play for the audience, i play for myself, and if i derive any satisfaction from it, then the audience, too, is content".

Le suddette testuali parole pronunciate da Sviatoslav Richter spiegano bene la sua scelta di non suonare "tutto", bensì solamente quello che gli piaceva. Un musicista che sostiene che "non suono per il pubblico ma per me stesso", oltre a dimostrare una buona dose di coraggio e grande sincerità, attesta la sua dedizione assoluta all'arte della musica.
E' proprio questo, principalmente, che mi manca del leggendario Sviatoslav Richter: dal 1997, anno della sua morte, fatico a trovare un altro artista che si sia dedicato allo stesso modo, anima e corpo, e con una disciplina monacale, alla musica. Questo, al contempo, è l'insegnamento più grande del sommo Richter, uomo enigmatico (disinteressato al pubblico, ai soldi, alla pubblicità, alle interviste, alle convenzioni sociali) e profondamente immerso - in modo totalizzante - nell'Arte.
  
Back to top
 
IP Logged
 
Orfeo
God Member
*****
Offline



Posts: 730
Joined: 12. Jun 2012
Gender: Male
Re: Sviatoslav Richter, il pianista totale.
Reply #26 - 20. Dec 2017 at 18:01
Print Post Print Post  
La mia sonata preferita di Scriabin, la numero 5, in una registrazione di Richter dal vivo, in data 24 settembre 1972. Personalmente, dopo Vladimir Sofronitsky (che pianista magnifico!), considero Sviatoslav Richter il più grande interprete della musica si Scriabin.

https://youtu.be/xDTgj_69JKA
  
Back to top
 
IP Logged
 
pianozero
God Member
*****
Offline


Roma

Posts: 1159
Joined: 11. Oct 2011
Gender: Male
Re: Sviatoslav Richter, il pianista totale.
Reply #27 - 20. Dec 2017 at 22:06
Print Post Print Post  
Orfeo wrote on 20. Dec 2017 at 15:29:
Richter, uomo enigmatico (disinteressato al pubblico, ai soldi, alla pubblicità, alle interviste, alle convenzioni sociali) e profondamente immerso - in modo totalizzante - nell'Arte.



...esattamente come il Profeta del Nulla Pianistico in cui si parla in altro thread insomma.

Quello che mi colpisce sempre in queste circostanze è  come il vero Grande Artista sia quasi anonimo rispetto alle celebrazioni deliranti per i fenomeni da baraccone.
  
Back to top
IP Logged
 
Orfeo
God Member
*****
Offline



Posts: 730
Joined: 12. Jun 2012
Gender: Male
Re: Sviatoslav Richter, il pianista totale.
Reply #28 - 20. Dec 2017 at 23:05
Print Post Print Post  
pianozero wrote on 20. Dec 2017 at 22:06:
Orfeo wrote on 20. Dec 2017 at 15:29:
Richter, uomo enigmatico (disinteressato al pubblico, ai soldi, alla pubblicità, alle interviste, alle convenzioni sociali) e profondamente immerso - in modo totalizzante - nell'Arte.



...esattamente come il Profeta del Nulla Pianistico in cui si parla in altro thread insomma.

Quello che mi colpisce sempre in queste circostanze è  come il vero Grande Artista sia quasi anonimo rispetto alle celebrazioni deliranti per i fenomeni da baraccone.


Hai centrato nel segno, pianozero. Quando si discute di giganti come Richter (o come Arrau, Gilels, Sofronitsky) e' facile accorgersi che tante delle parole spese su tanti musicanti di oggi sono parole vuote. Come vuoto e'  contenuto artistico di alcuni musicanti dei nostri tempi. Ma non roviniamo questa bella discussione su Richter parlando del nulla.
  
Back to top
 
IP Logged
 
Orfeo
God Member
*****
Offline



Posts: 730
Joined: 12. Jun 2012
Gender: Male
Re: Sviatoslav Richter, il pianista totale.
Reply #29 - 21. Dec 2017 at 08:19
Print Post Print Post  
Ancora un po'di Scriabin: Etude Op42 no. 5

https://youtu.be/POU-h9A-2Oo
  
Back to top
 
IP Logged
 
Page Index Toggle Pages: 1 [2] 
Send Topic Send Topic Print Print