Page Index Toggle Pages: 1 [2] 3  Send Topic Send Topic Print Print
Very Hot Topic (More than 25 Replies) Vincenzo Vitale - Seminario di Tecnica pianistica (Read 1141 times)
vecchiobambino
God Member
*****
Offline


I Love Pianoforum!

Posts: 634
Joined: 10. Jun 2007
Re: Vincenzo Vitale - Seminario di Tecnica pianistica
Reply #20 - 08. Sep 2018 at 00:07
Print Post Print Post  
caraciaccabumbum wrote on 06. Sep 2018 at 21:48:
Perfetto ! Le dita si devono pur muovere in qualche modo ... ovvero deve essere presente in qualche modo il gioco digitale  Smiley

Sottolineo questo però :  "IN QUALCHE MODO "  Cheesy Cheesy
PErchè ????   E perchè VEDI APPROCCIO TAUBMAN  Cheesy Cheesy Cheesy LA rotazione dell'avambraccio permettere perfettamente di eliminare l'articolazione  !!!!!!!!!!!  o no?


Smiley

OK. Sono alle prese col pargolo (subprincipiante), quando lo vedo  Cheesy, e l'approccio è quello, che viene naturalmente, di rotazione  Grin.
  
Back to top
 
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2702
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: Vincenzo Vitale - Seminario di Tecnica pianistica
Reply #21 - 08. Sep 2018 at 04:22
Print Post Print Post  
tgdigit wrote on 07. Sep 2018 at 17:19:
Aggiungiamo anche lo stesso Liszt che poneva il focus del gioco pianistico sulla mano, non sulle dita, dicendo che in velocità bisogna “gittare mollemente la mano“.

Gent.mo, perfetto:

E la partitura "canta"  Cheesy  Cheesy (abbondiamo Cheesy Grin, va di "moda"  Cheesy Grin):

"marquez les 6 temps de la mesure en jetant la main avec souplesse. (pag. 5)"

Grande fantaisie de bravoure sur La clochette de Paganini


Cordiali saluti

  
Back to top
 
IP Logged
 
tgdigit
Global Moderator
*****
Offline


Argh !

Posts: 609
Joined: 30. Jul 2008
Gender: Male
Re: Vincenzo Vitale - Seminario di Tecnica pianistica
Reply #22 - 08. Sep 2018 at 11:07
Print Post Print Post  
10dita wrote on 08. Sep 2018 at 04:22:
E la partitura "canta"  Cheesy  Cheesy (abbondiamo Cheesy Grin, va di "moda"  Cheesy Grin):

"marquez les 6 temps de la mesure en jetant la main avec souplesse. (pag. 5 e pag. 13)"

Grande fantaisie de bravoure sur La clochette de Paganini



Esatto Wink
Ma non è una questione legata solo alla velocità: prima la mano, che deve trovarsi al posto giusto al momento giusto, poi le dita, che devono "solo"  Wink abbassare il tasto (50 grammi di peso circa), insieme all'udito, al tatto, al cervello, allo scopo di ottenere il giusto suono:
KEMAL GEKIĆ plays Ständchen S.560 by Schubert-Liszt
  

Rafal Blechacz Chopin competition 2005 Pianoconcerto No. 1 !
Back to top
 
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2702
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: Vincenzo Vitale - Seminario di Tecnica pianistica
Reply #23 - 08. Sep 2018 at 13:13
Print Post Print Post  
tgdigit wrote on 08. Sep 2018 at 11:07:
 prima la mano, che deve trovarsi al posto giusto al momento giusto, poi le dita, che devono "solo"  Wink abbassare il tasto (50 grammi di peso circa), insieme all'udito, al tatto, al cervello

Gent.mo, quotando con ardor Smiley sottolineo che:

molto ben tu hai fatto a metter tra virgolette ciò!

Perché in quel "solo" è racchiuso un mondo Roll Eyes

Ma udiam codesta mitica Grande Fantaisie de Bravoure sur la Clochette de Paganini

Cordiali saluti
  
Back to top
 
IP Logged
 
tgdigit
Global Moderator
*****
Offline


Argh !

Posts: 609
Joined: 30. Jul 2008
Gender: Male
Re: Vincenzo Vitale - Seminario di Tecnica pianistica
Reply #24 - 08. Sep 2018 at 14:54
Print Post Print Post  
10dita wrote on 08. Sep 2018 at 13:13:
tgdigit wrote on 08. Sep 2018 at 11:07:
 prima la mano, che deve trovarsi al posto giusto al momento giusto, poi le dita, che devono "solo"  Wink abbassare il tasto (50 grammi di peso circa), insieme all'udito, al tatto, al cervello

Gent.mo, quotando con ardor Smiley sottolineo che:

molto ben tu hai fatto a metter tra virgolette ciò!

Perché in quel "solo" è racchiuso un mondo Roll Eyes

Ma udiam codesta mitica Grande Fantaisie de Bravoure sur la Clochette de Paganini

Cordiali saluti

E visto che ci siamo leggiamo anche cosa dice Piero Rattalino nella sua "Storia dl pianoforte" a tal proposito:

"marcare i sei tempi della misura gittando mollemente la mano"
  

Rafal Blechacz Chopin competition 2005 Pianoconcerto No. 1 !
Back to top
 
IP Logged
 
Angelos58
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 5
Joined: 28. Aug 2018
Re: Vincenzo Vitale - Seminario di Tecnica pianistica
Reply #25 - 10. Sep 2018 at 15:03
Print Post Print Post  
10dita wrote on 05. Sep 2018 at 16:09:
Gent.mo, mi par più rapido usando codesto link lo "scaricamiento" Cheesy:

QUI

Cordiali saluti



Grazie, grazie, grazie. Davvero molto gentil, premuroso ed efficiente. Spero di potere ricambiare.
  
Back to top
 
IP Logged
 
Angelos58
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 5
Joined: 28. Aug 2018
Re: Vincenzo Vitale - Seminario di Tecnica pianistica
Reply #26 - 10. Sep 2018 at 15:14
Print Post Print Post  
caraciaccabumbum wrote on 06. Sep 2018 at 14:05:
Riassumendo :
PResupposto del concetto dell'articolazione :
è questo il famoso gesto così come viene spiegato chiaramente in questo video ?  https://www.youtube.com/watch?v=k6ig9oexG4c
Ma queste cose non sono state viste in malo modo  già dal Deppe ?  Cheesy Cheesy

- Vitale : da Wikipedia  : La tecnica pianistica nell'insegnamento di Vincenzo Vitale
Le novità introdotte da Vitale nella didattica pianistica sono di tipo sia concettuale che puramente tecnico. L'idea fondamentale è quella che ogni caratteristica del suono percepito debba corrispondere univocamente (per l'orecchio allenato e sensibile) a un determinato gesto tecnico; ciò rende possibile il controllo di aspetti tecnici dell'esecuzione attraverso l'ascolto del suono. Fin dalle prime fasi dello studio del pianoforte, dunque, l'attenzione dell'allievo non era concentrata sulla messa in pratica di atteggiamenti tecnici prescritti a priori, ma sull'ascolto connesso col rilassamento muscolare.

Dal punto di vista puramente tecnico l'approccio di Vitale era appunto caratterizzato da una ricerca del rilassamento totale dei muscoli della spalla, del braccio e dell'avambraccio, sull'elasticità del polso, e sull'utilizzazione del peso che, muovendo appunto dalla "catena" spalla-braccio-avambraccio-mano andava a scaricarsi sulle dita, evitando qualsiasi irrigidimento della mano, dovuto al tentativo di "articolare" artificiosamente le dita a mo' di "martelletti" (secondo l'impostazione tradizionale allora diffusa se non prevalente). La tecnica pianistica insegnata da Vitale costituiva quindi una rielaborazione della "tecnica del peso", che era stata teorizzata tra la fine dell'Ottocento e gli inizi del Novecento da diversi studiosi e didatti, come Friedrich Adolf Steinhausen, Rudolf Breithaupt e altri. Al fine di sviluppare le caratteristiche menzionate Vitale raccomandava esercizi tecnici quotidiani, tratti sia dalla "Dinamica pianistica" di Attilio Brugnoli e dai lavori di Carl Tausig (che si sono imposti nella tradizione didattica italiana in gran parte grazie a lui), sia di propria invenzione.

-  Insegnanti vitaliana che insegnano l'articolazione (?)

- Mia esperienza  Cheesy Cheesy Cheesy

Ma ragazzi , siamo sicuro che , in questa benedetta scuola vitaliana, sia stato capito tutto per bene ? Cheesy Cheesy Cheesy  Bruno Canino che dice ? Cheesy Cheesy ad una sua master mi faceva vedere esercizi scritti chiaramente nel libro di Leonardo Fantone - Tecnica pianistica essenziale che si propone come un sunto degli insegnamenti vitaliani ...e in ciò si fanno le cosiddette flessioni delle dita , ovvero tenere la mano aggrappata alla tastiera e i polpastrelli attaccati alla superficie dei tasti e da questi flettere il dito  Smiley Smiley   li ho provati e mi hanno dato pure male  Cheesy



A proposito del libro di Fantone, che ho trovato davvero ben realizzato, il problema è che alcune descrizioni verbali si prestano ad equivoci e quindi rischiano di non essere eseguiti come sono stati pensati dall'autore, generando più problemi che soluzioni.

Ho preso allora l'iniziativa di mettermi in contatto con la fonte. Il Maestro Fantone è stato molto gentile è disponibile. Vi riporto quello che mi ha detto:

1) E' orgoglioso di appartenere alla Scuola Vitaliana e di aver realizzato un testo che a quella scuola si ispira;
2) L'esercizio "flessione muta delle dita" da lui descritto a pagina 10 del libro va effettuato senza abbassare i tasti e quindi aderendo completamente alla tastiera ma senza "appendervisi".

Mi scrive il Maestro Fantone:
"Egregio Angelo,

ho apprezzato molto il suo interessamento alla mia pubblicazione pertanto tenterò con questo contributo di apportare maggiore chiarezza alle perplessità da lei esposte e da lei rilevate nella discussione nel Forum Il Pianoforte Classico.

   In riferimento allo svolgimento dell’esercizio della flessione muta di ogni singolo dito, bisogna appoggiare le cinque dita su cinque tasti bianchi in posizione naturale e distesa, lasciando che il palmo  resti anch’ esso appoggiato però sulla parte esterna della tastiera. Da questa posizione  di appoggio totale delle dita e del palmo, ogni dito deve esercitare singolarmente una flessione che porti ad avvertire il peso dell’avambraccio sotto la punta della falangetta,senza toccare il tasto con l’unghia.   Ad iniziare la flessione è infatti la falangetta, coinvolgendo  falangina e falange.

Durante la flessione di ogni singolo dito, le restanti dita devono rimanere decontratte. Successivamente decontrarre il dito impegnato riportando la mano nella posizione iniziale per passare poi alla flessione muta del dito successivo.

   Per quanto riguarda la caduta senza spostamento o con spostamento dell’avambraccio, si comincia l’esercizio mantenendo l’avambraccio sospeso con la mano pendente dal polso in modo tale che le dita distese avvertano il contatto dei tasti sottostanti quindi, lasciar cadere di peso l’avambraccio, liberando il tendine che lo trattiene al braccio e bloccando la sua caduta con la flessione del dito.

Nel caso della caduta senza spostamento dell’avambraccio, la caduta si effettua su cinque tasti ascendenti e discendenti, con ciascun dito della mano.

Nel caso della caduta con spostamento dell’avambraccio, la caduta si effettua su tutti i tasti della scala di Do maggiore ascendente e discendente con ciascun dito per volta." ... continua

  
Back to top
 
IP Logged
 
Angelos58
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 5
Joined: 28. Aug 2018
Re: Vincenzo Vitale - Seminario di Tecnica pianistica
Reply #27 - 10. Sep 2018 at 15:18
Print Post Print Post  
... continua

"Egregio Angelo,

...

   Ribadisco, come già detto nella premessa metodologica, che la realizzazione di tali esercizi, per non essere fraintesa, deve essere supportata da un controllo  diretto di un insegnante convinto e consapevole.

   In relazione alle prime perplessità l’insegnante   controllerà  la consistenza del tendine lombricale che collega la falange al centro del palmo e la libera pendenza del braccio dalla spalla con leggere sollecitazioni del gomito.

   In relazione alle seconde perplessità l’insegnante dovrà controllare la correttezza del gesto di caduta dell’avambraccio, l’attacco del dito al tasto e la libertà del braccio dalla spalla."

Ad una mia richiesta di ulteriore precisazione:
"Gentile Maestro Fantone,

Le sono molto grato per la disponibilità e l'attenzione che mi ha riservato.

Ho bisogno di sapere se ho ben compreso e sintetizzerò le mie perplessità così da non sottrarLe tempo. Mi basterebbe un sì o un no.

1) Nella flessione muta di ogni singolo dito, le dita appoggiate sui tasti abbassano i tasti?

2) Se sì, la flessione di ogni singolo dito lascia le altre dita appoggiate a fondo tasto?

3) Se no, la flessione di ogni singolo dito abbassa il tasto lasciando le altre dita sulla superficie dei tasti non affondati?

4) Nella caduta con spostamento si procede con il primo dito che cade sul do poi sul re e così via e si procede poi soltanto con il secondo e il terzo ecc?

Ancora grazie e spero davvero di potere approfondire la Sua pubblicazione come merita.


Cordialmente

PS
Quando fa riferimento ad una certa Scuola Napoletana intende il Maestro Vincenzo Vitale?"

Il Maestro Fantone mi risponde:

" Carissimo,
allora risponderò sinteticamente alle sue chiare domande
1) e 2)  No: mentre un singolo dito esercita la pressione su un tasto, le altre quattro dita restano appoggiate sulla tastiera, leggermente ricurve, in posizione naturale.
3) Si
4) Si,è la giusta modalità
P.S. ) Si  e ne sono orgoglioso!
   
Torno a salutarla cordialmente
        Fernando Fantone

P.S. Dopo una  corretta acquisizione, la tecnica strumentale non deve essere fine a se stessa, ma al completo servizio dell'espressività musicale.
Buon lavoro! "

  
Back to top
 
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2702
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: Vincenzo Vitale - Seminario di Tecnica pianistica
Reply #28 - 11. Sep 2018 at 00:43
Print Post Print Post  
Angelos58 wrote on 10. Sep 2018 at 15:03:
10dita wrote on 05. Sep 2018 at 16:09:
Gent.mo, mi par più rapido usando codesto link lo "scaricamiento" Cheesy:

QUI

Cordiali saluti



Grazie, grazie, grazie. Davvero molto gentil, premuroso ed efficiente. Spero di potere ricambiare.

Gent.mo, hai già ricambiato abbondantemente con i tuoi interventi Wink
Smiley

Cordiali saluti
  
Back to top
 
IP Logged
 
melampo6
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2
Joined: 24. Aug 2018
Re: Vincenzo Vitale - Seminario di Tecnica pianistica
Reply #29 - 12. Sep 2018 at 11:22
Print Post Print Post  
Grazie tantissimo per aver condiviso il file.... Obrigado Smiley Smiley Smiley Smiley
  
Back to top
 
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2702
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: Vincenzo Vitale - Seminario di Tecnica pianistica
Reply #30 - 12. Sep 2018 at 15:00
Print Post Print Post  
melampo6 wrote on 12. Sep 2018 at 11:22:
Grazie tantissimo per aver condiviso il file.... Obrigado Smiley Smiley Smiley Smiley

Gentil, de nada Smiley (è corretto!? Cheesy)

Però or non sparite Wink

Gradito sempre un vostro intervento e su codesto tema e su altri.

Cordiali saluti
  
Back to top
 
IP Logged
 
caraciaccabumbum
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 16
Joined: 13. Aug 2018
Re: Vincenzo Vitale - Seminario di Tecnica pianistica
Reply #31 - 14. Sep 2018 at 22:06
Print Post Print Post  
Angelos58 wrote on 10. Sep 2018 at 15:18:
... continua

"Egregio Angelo,

...

   Ribadisco, come già detto nella premessa metodologica, che la realizzazione di tali esercizi, per non essere fraintesa, deve essere supportata da un controllo  diretto di un insegnante convinto e consapevole.

   In relazione alle prime perplessità l’insegnante   controllerà  la consistenza del tendine lombricale che collega la falange al centro del palmo e la libera pendenza del braccio dalla spalla con leggere sollecitazioni del gomito.

   In relazione alle seconde perplessità l’insegnante dovrà controllare la correttezza del gesto di caduta dell’avambraccio, l’attacco del dito al tasto e la libertà del braccio dalla spalla."

Ad una mia richiesta di ulteriore precisazione:
"Gentile Maestro Fantone,

Le sono molto grato per la disponibilità e l'attenzione che mi ha riservato.

Ho bisogno di sapere se ho ben compreso e sintetizzerò le mie perplessità così da non sottrarLe tempo. Mi basterebbe un sì o un no.

1) Nella flessione muta di ogni singolo dito, le dita appoggiate sui tasti abbassano i tasti?

2) Se sì, la flessione di ogni singolo dito lascia le altre dita appoggiate a fondo tasto?

3) Se no, la flessione di ogni singolo dito abbassa il tasto lasciando le altre dita sulla superficie dei tasti non affondati?

4) Nella caduta con spostamento si procede con il primo dito che cade sul do poi sul re e così via e si procede poi soltanto con il secondo e il terzo ecc?

Ancora grazie e spero davvero di potere approfondire la Sua pubblicazione come merita.


Cordialmente

PS
Quando fa riferimento ad una certa Scuola Napoletana intende il Maestro Vincenzo Vitale?"

Il Maestro Fantone mi risponde:

" Carissimo,
allora risponderò sinteticamente alle sue chiare domande
1) e 2)  No: mentre un singolo dito esercita la pressione su un tasto, le altre quattro dita restano appoggiate sulla tastiera, leggermente ricurve, in posizione naturale.
3) Si
4) Si,è la giusta modalità
P.S. ) Si  e ne sono orgoglioso!
   
Torno a salutarla cordialmente
        Fernando Fantone

P.S. Dopo una  corretta acquisizione, la tecnica strumentale non deve essere fine a se stessa, ma al completo servizio dell'espressività musicale.
Buon lavoro! "





Si... ho provato quanto segue.. e tu? Io l'ho fatto anche con un insegnante vitaliano e mi faceva fare queste cose ... risultato : dolore .
Perchè?
1) NON trovo il motivo per cui appendersi al bordo  dei tasti
2) non vedo perchè flettere
3) non capisco perchè fare queste flessioni???? Cheesy ma il maestro fantone alla fine di tutto questo ( e nel libro se ricordo bene manco lo spiega)...alla fine..a che serve tutto questo? ad acquisire "forza" ?  o cosa? con tutto il rispetto per la scuola Vitaliana , ma questi esercizi li vedo con perplessità Smiley
  
Back to top
 
IP Logged
 
caraciaccabumbum
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 16
Joined: 13. Aug 2018
Re: Vincenzo Vitale - Seminario di Tecnica pianistica
Reply #32 - 14. Sep 2018 at 22:10
Print Post Print Post  
Personalmente trovo più efficienti i movimenti di allineamento di Sandor-Taubman che, una volta capiti, si possono applicare a tutto ...
se ricordo bene, queste flessioni le fà  anche bruno canino , ma non li condivido...se il maestro fantone, o qualcun altro , ci può dare la motivazione di queste flessioni ???
  
Back to top
 
IP Logged
 
Angelos58
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 5
Joined: 28. Aug 2018
Re: Vincenzo Vitale - Seminario di Tecnica pianistica
Reply #33 - 15. Sep 2018 at 10:08
Print Post Print Post  

Quote:
Si... ho provato quanto segue.. e tu? Io l'ho fatto anche con un insegnante vitaliano e mi faceva fare queste cose ... risultato : dolore .
Perchè?
1) NON trovo il motivo per cui appendersi al bordo  dei tasti
2) non vedo perchè flettere
3) non capisco perchè fare queste flessioni???? Cheesy ma il maestro fantone alla fine di tutto questo ( e nel libro se ricordo bene manco lo spiega)...alla fine..a che serve tutto questo? ad acquisire "forza" ?  o cosa? con tutto il rispetto per la scuola Vitaliana , ma questi esercizi li vedo con perplessità Smiley



1) Anche io avevo frainteso "appendersi": si tratta di poggiare i polpastrelli sui tasti senza abbassarli, rilassati.

2) Forse più che flettere si tratta di esercitare l'azione prensile stimolando i tendini flessori (lombricali) sottopalmari.

3) Non so a che servono, però il libro di Fantone contiene molto di più e questa è soltanto una paginetta all'inizio (pag.10).
  
Back to top
 
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2702
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: Vincenzo Vitale - Seminario di Tecnica pianistica
Reply #34 - 15. Sep 2018 at 14:20
Print Post Print Post  
Gent.mi, francamente ho qualche perplessità pur io su alcuni degli esercizi proposti nel libro del M° Fantone: QUI un estratto.

Particolarmente su codesto: “Flessione muta delle dita”; e soprattutto sulla modalità di “eseguirlo”:

Durante l’attacco del dito al tasto, le altre dita devono restare in una posizione di riposo, appoggiate alla tastiera secondo una curvatura naturale.

Trovo poi un poco “ambigua” codesta “descrizione”:

Gli esercizi di flessione per le cinque dita vanno effettuati senza alcuna produzione del suono e vanno ripetuti fino alla padronanza della presa del tasto, portando così il peso del braccio su di esso.”.

Va bene che siam nella fase “Propedeutica” [“Assimilazione della gestualità di base”],  che a monte ci deve esser stata la “Presa di coscienza del braccio rilassato ed inerte”, e che si presuppone ci sia il controllo del Maestro:

Dopo ogni flessione è opportuno che l’insegnante controlli la contrazione lombricale nel palmo, il rilassamento del braccio e del dorso della mano esercitando leggere sollecitazioni all’interno del gomito dello studente.

Se non ho inteso male, sembra che codesta flessione del singolo dito debba avvenire mentre le altre rimangono passive:

Durante l’attacco del dito al tasto, le altre dita devono restare in una posizione di riposo, appoggiate alla tastiera secondo una curvatura naturale.

Quindi: nessuna “partecipazione” alla flessione del dito attivo!?

Ciò parrebbe esser contro il movimento fisiologico delle dita, come da molti didatti evidenziato.

Qualcosa ancor mi sfugge?
Qualcuno che ha approfondito codesti esercizi può fornire un chiarimento?
Grazie anticipatamente.

Cordiali saluti
  
Back to top
 
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2702
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: Vincenzo Vitale - Seminario di Tecnica pianistica
Reply #35 - 16. Sep 2018 at 04:19
Print Post Print Post  
Gent.mi, ho ponderato su codesta definizione che mi diede dubbi:

Durante l’attacco del dito al tasto, le altre dita devono restare in una posizione di riposo, appoggiate alla tastiera secondo una curvatura naturale.

Credo di aver equivocato.

Ovvero (sempre se non ho frainteso ancor una volta Undecided): si parla di “flessione” non di “estensione”.

Ovvio che mancando il “ciclo completo” decade automaticamente la mia perplessità sul “movimento fisiologico delle dita”, chiaro.

Movimento che viene chiaramente evidenziato:

Esercizio di flessione del 2° dito

A mani separate si inizia con il 2° dito perché è l'unico a non avere collegamenti di tendini trasversali con altre dita, sia nella flessione che nell'estensione.


Però (chiaro che son rinco assai Tongue Forse è l’ora tarda Grin) mi sovvien immantinente un dubbio: come si può flettere se prima non si estende Huh

La flessione è il movimento opposto alla estensione.

Il confine con la perigliosa “pressione” è labile Shocked

Ed ecco sorgere ulteriore dubbio!

Angelos58 wrote on 10. Sep 2018 at 15:18:
Il Maestro Fantone mi risponde:


1) e 2)  No: mentre un singolo dito esercita la pressione su un tasto, le altre quattro dita restano appoggiate sulla tastiera, leggermente ricurve, in posizione naturale.

Ulla!
Forse equivoco terminologico Undecided Huh

Cordiali saluti


  
Back to top
 
IP Logged
 
caraciaccabumbum
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 16
Joined: 13. Aug 2018
Re: Vincenzo Vitale - Seminario di Tecnica pianistica
Reply #36 - 24. Sep 2018 at 00:50
Print Post Print Post  
10dita wrote on 16. Sep 2018 at 04:19:
Gent.mi, ho ponderato su codesta definizione che mi diede dubbi:

Durante l’attacco del dito al tasto, le altre dita devono restare in una posizione di riposo, appoggiate alla tastiera secondo una curvatura naturale.

Credo di aver equivocato.

Ovvero (sempre se non ho frainteso ancor una volta Undecided): si parla di “flessione” non di “estensione”.

Ovvio che mancando il “ciclo completo” decade automaticamente la mia perplessità sul “movimento fisiologico delle dita”, chiaro.

Movimento che viene chiaramente evidenziato:

Esercizio di flessione del 2° dito

A mani separate si inizia con il 2° dito perché è l'unico a non avere collegamenti di tendini trasversali con altre dita, sia nella flessione che nell'estensione.


Però (chiaro che son rinco assai Tongue Forse è l’ora tarda Grin) mi sovvien immantinente un dubbio: come si può flettere se prima non si estende Huh

La flessione è il movimento opposto alla estensione.

Il confine con la perigliosa “pressione” è labile Shocked

Ed ecco sorgere ulteriore dubbio!

Angelos58 wrote on 10. Sep 2018 at 15:18:
Il Maestro Fantone mi risponde:


1) e 2)  No: mentre un singolo dito esercita la pressione su un tasto, le altre quattro dita restano appoggiate sulla tastiera, leggermente ricurve, in posizione naturale.

Ulla!
Forse equivoco terminologico Undecided Huh

Cordiali saluti





Nessun equivoco . Puoi tranquillamente flettere senza estendere ..provaci ... tieni il dito appoggiato e semplicemente affondalo  Cheesy ma il problema di questi esercizi è, da quanto ho capito, e se ricordo bene, che non ci deve essere emissione di suono Smiley e quindi il tutto si riduce a un puro gesto meccanico che, almeno personalemnte, non mi trovo d'accordo,sia per esperienza, sia per principi fisiologici.
  
Back to top
 
IP Logged
 
Zabrina
Global Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 1071
Joined: 10. Nov 2013
Gender: Female
Re: Vincenzo Vitale - Seminario di Tecnica pianistica
Reply #37 - 06. Oct 2018 at 23:44
Print Post Print Post  

Angelos58 wrote on 10. Sep 2018 at 15:14:
A proposito del libro di Fantone...

L'esercizio "flessione muta delle dita" da lui descritto a pagina 10 del libro va effettuato senza abbassare i tasti e quindi aderendo completamente alla tastiera ma senza "appendervisi".

Mi scrive il Maestro Fantone:
"Egregio Angelo,

In riferimento allo svolgimento dell’esercizio della flessione muta di ogni singolo dito, bisogna appoggiare le cinque dita su cinque tasti bianchi in posizione naturale e distesa, lasciando che il palmo  resti anch’ esso appoggiato però sulla parte esterna della tastiera. Da questa posizione di appoggio totale delle dita e del palmo, ogni dito deve esercitare singolarmente una flessione che porti ad avvertire il peso dell’avambraccio sotto la punta della falangetta,senza toccare il tasto con l’unghia. Ad iniziare la flessione è infatti la falangetta, coinvolgendo falangina e falange.

Durante la flessione di ogni singolo dito, le restanti dita devono rimanere decontratte. Successivamente decontrarre il dito impegnato riportando la mano nella posizione iniziale per passare poi alla flessione muta del dito successivo.



caraciaccabumbum wrote on 14. Sep 2018 at 22:10:
Personalmente trovo più efficienti i movimenti di allineamento di Sandor-Taubman che, una volta capiti, si possono applicare a tutto ...
se ricordo bene, queste flessioni le fà  anche bruno canino, ma non li condivido...se il maestro fantone, o qualcun altro , ci può dare la motivazione di queste flessioni ???



Curioso...

Anche Taubman tuttavia nel suo  DVD  parla di  esercizio senza abbassare i tasti   Huh  Lei motiva, se ho capito bene, così :

"Occorre trovare la sensazione di appoggio, ma senza che i tasti vadano giù. Si deve creare un contatto tra la punta delle dita e la tastiera cercando di afferrare i tasti in molto leggero, tanto leggero da non abbassarli, ed evitare allo stesso tempo di avere l’intero braccio sospeso. È questione di controllo del peso. È importante che ci sia questa sensazione di contatto, perché questo è quello che garantisce la connessione e l'unità fra le parti dell’arto superiore.

Se non c’è questa sensazione di appoggio con la tastiera, il braccio (ovvero la parte tra spalla e gomito) effettua un lavoro in più e ciò fa sì che si percepisca fatica. Sintomo del fatto che probabilmente si ha il braccio in sospensione. Quando alcune parti del corpo non funzionano correttamente, altre si attivano per fare del lavoro che non dovrebbero fare, generando fatica e dolore.

Quando le dita sono appoggiate sulla tastiera e il peso è distribuito in modo bilanciato tra dita, mano e avambraccio, i tasti ci sostengono creando la sensazione di appoggio. Importante: quando la mano è appoggiata sulla tastiera non c’è un rilassamento assoluto, il polso non deve andare verso il basso.

Uno degli obiettivi principali dell’esercitarsi ad avere la sensazione di appoggio senza che i tasti vengano abbassati è imparare a distribuire il peso tra tutte le parti dell’arto superiore di modo che la somma totale sia uguale al peso dei tasti. Nessuna parte deve pesare troppo, l’arto è bilanciato rispetto alla tastiera. Ciò serve ad evitare di avere il braccio sospeso, ma anche il dare troppo peso ai tasti. Ma questo esercizio va fatto giusto il necessario per poter trasferire al corpo il messaggio giusto. È particolarmente importante per coloro che hanno i difetti di cui sopra. Lo stesso equilibrio bisognerebbe avvertirlo quando si suona legato. Detto questo, non bisogna pensare che tutte le dita devono restare sui tasti durante un’esecuzione. Infatti, mentre si suona, la maggior parte del tempo solo le dita che suonano toccano i tasti. Le altre dita generalmente non li toccano, se non in maniera molto leggera."

  
Back to top
 
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2702
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: Vincenzo Vitale - Seminario di Tecnica pianistica
Reply #38 - 07. Oct 2018 at 00:41
Print Post Print Post  
Gent.ma, interessante codesto che hai postato dal DVD della Taubman.

Non ho capito però Undecided

Lei dice di non "abbassare i tasti" ?

Nella "flessione muta" descritta dal M° Fantone, sempre se ho inteso, il tasto si abbassa, ma senza emetter alcun suono.

Il M° Fantone dice che tal "procedura":

"[...] ha la funzione di agganciare il peso del braccio al tasto.".

Cordiali saluti
  
Back to top
 
IP Logged
 
caraciaccabumbum
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 16
Joined: 13. Aug 2018
Re: Vincenzo Vitale - Seminario di Tecnica pianistica
Reply #39 - 07. Oct 2018 at 13:07
Print Post Print Post  
https://youtu.be/Voy13_0hut4

Ecco ragazzi,ho fatto un video 😉questo è quanto ho capito
  
Back to top
 
IP Logged
 
Page Index Toggle Pages: 1 [2] 3 
Send Topic Send Topic Print Print