Normal Topic Monografie: 2) Alberto Colla (Read 735 times)
andreavezzoli
Global Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2378
Joined: 04. Mar 2010
Monografie: 2) Alberto Colla
26. Mar 2019 at 18:30
Print Post Print Post  
Questo importante compositore italiano Alberto Colla, l'ho imparato ad apprezzare leggendo il suo "trattato di armonia e moderna e contemporanea" in cui spiega, in modo meticoloso ed esaustivo, molto delle tecniche armoniche contemporanee (per esempio i tintinnabuli di Arvo Paert o il metodo armonico di Hindemith).


la caratteristica fondamentale della musica di Colla è secondo me il suo muoversi tra un certo sperimentalismo strumentale e echi molto evidenti della tradizione del primo novecento (Bartok per esempio).  In questo quartetto con pianoforte troviamo un certo percussivismo Stravinskiano alternato a momenti quasi romantici.
  
Back to top
 
IP Logged
 
Duriel
God Member
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 515
Joined: 06. Dec 2008
Gender: Male
Re: Monografie: 2) Alberto Colla
Reply #1 - 26. Mar 2019 at 21:45
Print Post Print Post  
Grandissimo compositore. HO comprato anche io i suoi manuali e devo dire che mi hanno aiutato parecchio con alcuni autori quali Donatoni ( per esempio). Ho ascoltato praticamente tutti i suoi brani su youtube e non vedo l'ora di arrivare alla fine del suo manuale per capire cos'è questa benedetta tecnica della  concinnitas con la quale scrive le sue opere XD. Un autore, insieme al suo allievo Cascioli, che consiglio a tutti.
  
Back to top
 
IP Logged
 
Duriel
God Member
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 515
Joined: 06. Dec 2008
Gender: Male
Re: Monografie: 2) Alberto Colla
Reply #2 - 26. Mar 2019 at 21:47
Print Post Print Post  
Una cosa che ho notato in Colla è che non fa mai dell"effetto" il protagonista del brano ma lo trasforma in un semplice ingrediente con cui colorare un qualcosa che ha un appiglio nel linguaggio tradizionale. Una "spezia" ( termine che ho usato nell'altro topic molto spesso) utilizzata semplicemente per insaporire la pietanza senza esagerare.
  
Back to top
 
IP Logged
 
pianozero
God Member
*****
Offline


Roma

Posts: 1278
Joined: 11. Oct 2011
Gender: Male
Re: Monografie: 2) Alberto Colla
Reply #3 - 27. Mar 2019 at 15:53
Print Post Print Post  
andreavezzoli wrote on 26. Mar 2019 at 18:30:
Questo importante compositore italiano Alberto Colla, l'ho imparato ad apprezzare leggendo il suo "trattato di armonia e moderna e contemporanea" in cui spiega, in modo meticoloso ed esaustivo, molto delle tecniche armoniche contemporanee (per esempio i tintinnabuli di Arvo Paert o il metodo armonico di Hindemith).


la caratteristica fondamentale della musica di Colla è secondo me il suo muoversi tra un certo sperimentalismo strumentale e echi molto evidenti della tradizione del primo novecento (Bartok per esempio).  In questo quartetto con pianoforte troviamo un certo percussivismo Stravinskiano alternato a momenti quasi romantici.



Ci sento molto Prokofiev, in particolare nell'uso degli archi ma anche abbastanza nelle linee melodiche.  Altro autore di ascolto abbastanza "facile" mi sembra e molto interessante.

PS Su Spotify si trova questo CD
https://www.prestomusic.com/classical/products/7969562--concours-molinari-2001-2...

che contiene un Quartetto in memoria di Prokofiev... non mi sbagliavo del tutto quindi.

  
Back to top
IP Logged
 
Duriel
God Member
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 515
Joined: 06. Dec 2008
Gender: Male
Re: Monografie: 2) Alberto Colla
Reply #4 - 27. Mar 2019 at 16:17
Print Post Print Post  
Io suggerisco l'ascolto di questo brano invece. Dovrebbe essere scritto sulla base della Concinnitas ( come suggerisce il titolo)
https://www.youtube.com/watch?v=w6SRquwLXhc
  
Back to top
 
IP Logged
 
pianozero
God Member
*****
Offline


Roma

Posts: 1278
Joined: 11. Oct 2011
Gender: Male
Re: Monografie: 2) Alberto Colla
Reply #5 - 27. Mar 2019 at 23:56
Print Post Print Post  
Duriel wrote on 27. Mar 2019 at 16:17:
Io suggerisco l'ascolto di questo brano invece. Dovrebbe essere scritto sulla base della Concinnitas ( come suggerisce il titolo)
https://www.youtube.com/watch?v=w6SRquwLXhc


meraviglioso!
  
Back to top
IP Logged
 
Duriel
God Member
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 515
Joined: 06. Dec 2008
Gender: Male
Re: Monografie: 2) Alberto Colla
Reply #6 - 28. Mar 2019 at 14:04
Print Post Print Post  
In una sua intervista dichiarò di aver impiegato circa 30 anni per perfezionare questa tecnica compositiva  Shocked
  
Back to top
 
IP Logged
 
andreavezzoli
Global Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2378
Joined: 04. Mar 2010
Re: Monografie: 2) Alberto Colla
Reply #7 - 28. Mar 2019 at 22:12
Print Post Print Post  
Il lavoro del compositore è fatto di lunghi percorsi, solo così si può raggiungere una sorta di "stile personale" si devono assimilare molti linguaggi per poi, senza forzatura, raggiungere un qualcosa di personale: a mio avviso Colla c'è riuscito senza ricorrere a troppi artifici, cioè creando una musica apparentemente spontanea e naturale.
  
Back to top
 
IP Logged
 
Duriel
God Member
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 515
Joined: 06. Dec 2008
Gender: Male
Re: Monografie: 2) Alberto Colla
Reply #8 - 29. Mar 2019 at 09:43
Print Post Print Post  
Sicuramente. MI trovi pienamente d'accordo. Ha trovato il giusto metodo per unire un linguaggio unito alla tradizione ( alla fine è musica tonale se andiamo a vedere. ) con un colore tipico delle avanguardie più sperimentali. Il tutto farcito da un'ottima scrittura e da una logica dietro davvero minuziosa e meticolosa nella creazione del lavoro. A volte dei semplici passaggi in realtà nascondono delle tecniche compositive del passato che neanche immaginiamo. Un grande!
  
Back to top
 
IP Logged
 
andreavezzoli
Global Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2378
Joined: 04. Mar 2010
Re: Monografie: 2) Alberto Colla
Reply #9 - 09. Apr 2019 at 16:05
Print Post Print Post  
Si, ed è secondo me questo che dovremmo cercare noi compositori una sorta di equilibrio tra tradizione e innovazione, non è facile da trovare ma compositori come Colla dimostrano che si può fare ovviamente bisogna avere la costanza e la voglia di fare sacrifici e di non smettere mai di ricercare.
  
Back to top
 
IP Logged