Poll
Poll Question:
bars   pie





Total votes: 0
« Created by: lore e enzo on: 01. Jun 2019 at 21:35 »
Normal Topic come studiare alcuni libri (Read 116 times)
fabio
New Member
*
Offline


W Pianoforum!

Posts: 7
Location: Italy
Joined: 10. Jan 2011
Gender: Male
come studiare alcuni libri
01. Jun 2019 at 15:51
Print Post Print Post  
Buongiorno a tutti!!
qualcuno conosce il libro di tecnica "FINGER GYMNASTICS" op 60  di I. Philipp?
oppure i "51 esercizi" di Mendelssohn?

Se qualcuno li conosce...avrei una curiosità banale
Come vanno studiati certi libri? per quanto tempo al giorno più o meno? Molti di questi esercizi come alcuni di
Godowsky, richiedono l'allargamento delle dita..
Qualche informazione? Grazie..
  
Back to top
 
IP Logged
 
andreavezzoli
Global Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2353
Joined: 04. Mar 2010
Re: come studiare alcuni libri
Reply #1 - 01. Jun 2019 at 16:29
Print Post Print Post  
Dipende da quale è il tuo obbiettivo e livello, personalmente ti consiglierei di rivolgerti ad un insegnante e a non fidarti di certi libri, piuttosto studia Bach.
  
Back to top
 
IP Logged
 
lore e enzo
New Member
*
Offline


Suonare con intelligenza
e sensibilità

Posts: 26
Joined: 13. Aug 2018
Re: come studiare alcuni libri
Reply #2 - 01. Jun 2019 at 21:35
Print Post Print Post  
Mai studiato su questi libri... ho letto di sfuggita in cosa consistono e ovviamente ho trovato solo masse di esercizi su esercizi su esercizi su esercizi ... non dico che sono inutili perchè qualsiasi cosa fatta sistematicamente e fatta bene (anche l'hanon) porta un qualche anche minimo di beneficio a corto e a lungo termine...però buoni risultati li puoi raggiungere anche senza tartassare il pianoforte con gli eserciziari...comunque se proprio vuoi studiarli , consiglierei un metodo tipo quello dei principi di Cortot, cioè  potresti prendere un tot esercizi ogni giorno e farli nella tonalità principale , il giorno dopo nella tonalità successiva e così via ... l'importante è non sostituire lo studio serio e consapevole sul repertorio con gli eserciziari di tecnica pura che hanno esaurito il loro tempo..-la questione dell'allargamento delle dita è più complesso e anche pericoloso perchè coinvolge il legato e l'azione di flesso estensione e allargamento  delle giunture meta carpale delle dita e tante altre componenti che ,purtroppo ,specialmente il legato, variano a seconda dei principi sui quali si è basato il tuo approccio, quindi non è possibile dare norme assolute sul come fare ste cose ...un consiglio abbastanza neutro sarebbe quello di cercare in ogni caso di far rimanere in linea le dita con l'avambraccio come un bastone che parte dal cingolo scapolare e termina con il dito... ciò potrebbe richiede una abduzione del gomito quando si deve suonare il quinto o il quarto dito specialmente nel registro medio... se ci sono note tenute mentre devi fare questi allargamenti di dita, trova il perno nel dito, senti che una volta fissato il dito  puoi muovere liberamente il gomito e fai ciò che ho scritto sopra...non devi avvertire nessun fastidio mentre fai questi allargamenti, se li senti e perchè credi inerzia con le dita e quindi non stanno in linea con il braccio...
  
Back to top
 
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2803
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: come studiare alcuni libri
Reply #3 - 11. Jun 2019 at 17:08
Print Post Print Post  
Gent.mo, premetto che le opere citate non ho mai praticato, e quindi non posso certo darti ragguagli sul: come, quanto, etc.

Probabilmente ci vorrebbe un autentico didatta che conosca i meandri (e le insidie!) di codesti esercizi.

Quel che mi sovvien è segnalarti, se ancor non conosci, codeste riflessioni che il M°  Tiziano Poli fa analizzando gli esercizi di Liszt:

Biomeccanica applicata agli Esercizi di Liszt (Presentazione)

Spero possano esserTi(ci) utili per riflettere sulla questione.


Cordiali saluti
  
Back to top
 
IP Logged