Hot Topic (More than 10 Replies) Dobbiamo fare ginnastica delle dita ??? (Read 524 times)
tgdigit
Global Moderator
*****
Offline


Argh !

Posts: 847
Joined: 30. Jul 2008
Gender: Male
Dobbiamo fare ginnastica delle dita ???
02. Jun 2019 at 15:49
Print Post Print Post  
Colgo l’occasione di quanto esposto nel topic: “come studiare alcuni libri” per aprire il seguente; il quale vorrebbe rispondere alla questione riportata, in particolare questa:
“qualcuno conosce il libro di tecnica "FINGER GYMNASTICS" op 60  di I. Philipp?.

Da qui però ho pensato di estendere il contenuto alle mille considerazioni, argomenti e problematiche che girano in molti altri topic simili a questo, così da argomentare in modo quanto più possibile articolato e, spero, arricchito, completato e corretto da altri contributi.

Partiamo da una considerazione: suonare uno strumento è una questione che implica equilibrio, coordinazione, controllo, sensibilità tattile e muscolare (attenzione, lo sviluppo di masse muscolari generalmente porta a rendere meno sensibili le zone interessate), sensibilità uditiva, attenzione, concentrazione, memoria (attenzione, fare esercizi ripetitivi e sostanzialmente, esercizi che non implicano l’utilizzo fine del cervello e della sensibilità uditiva, tende a “spegnere” il cervello, quella sorta di “imbambolamento” che sposta l’attività musicale, nel puro movimento passivo, quel fare senza pensare, non musicale, cioè contrario all’attività stessa, controproducente, se non deleterio), e molto altro ancora.

L’imbambolamento, di cui sopra è quella dissociazione tra ciò che si fa e ciò che si ascolta, tra esecutore ed ascoltatore (non dimentichiamo che chi esegue è anche il primo responsabile di ciò che si ascolta), quel distacco che è perfettamente contrario a ciò che si dovrebbe piuttosto fare. Quando si richiederebbe controllo fine sul suono, concentrazione, si ottiene invece abitudine alla distrazione.

Stiamo perciò parlando di attività che richiedono moltissima attività cerebrale e pochissima muscolare.

Non per nulla, per abbassare un tasto del pianoforte sono sufficienti massimo 50 grammi di peso, perciò è evidente che abbiamo già tutti i muscoli necessari, anzi, forse è vero il contrario, ne abbiamo troppi per quella funzione.
Le nostre braccia sono in grado di sollevare pesi notevoli di molti chilogrammi, le nostre mani sono in grado di stringere con molta forza un oggetto (il bambino sa già stringere fortemente un dito della madre con la sua mano piccolissima fin dalla nascita!), le nostre dita sono capaci di premere un pulsante fino a schiacciarlo.

Saremmo in grado di dare un pugno violento contro i tasti del pianoforte fino a romperli  Smiley.
  

"Se pensi di usare le dita per suonare il pianoforte stai commettendo un grande errore, devi usare le mani."

Piano Masterclass Gyorgy Sebok
Back to top
 
IP Logged
 
tgdigit
Global Moderator
*****
Offline


Argh !

Posts: 847
Joined: 30. Jul 2008
Gender: Male
Re: Dobbiamo fare ginnastica delle dita ???
Reply #1 - 02. Jun 2019 at 15:54
Print Post Print Post  
Quel che dobbiamo chiederci è piuttosto, quando svolgiamo una qualsiasi attività quotidiana che implica l'utilizzo dei nostri muscoli, la quantità di forza che usiamo è proprio quella necessaria e sufficiente a svolgere quel compito?  Smiley

La risposta è no, infatti in genere utilizziamo troppa forza.
Faccio un esempio: Proviamo a tenere con due dita, pollice e indice una penna; ora che la teniamo, proviamo progressivamente e lentamente a rilasciare la forza che stiamo applicando sulla penna fino a percepire il momento in cui la penna cade. Ecco, il momento prima della caduta di quella penna era la forza necessaria e sufficiente a tenerla tra le due dita; tutto il resto della forza applicata è superfluo, sovrabbondante, troppo.

Questo passaggio è importante, perché suonare il pianoforte implica (anche) usare la “giusta” pressione sui tasti (sottolineo il fatto che ho utilizzato appositamente il termine pressione e non forza), si potrebbe dire giusta, in quanto necessaria e sufficiente ad esprimere un certo suono. E’, anche qui, una questione di sviluppo fine della sensibilità tattile e muscolare, una questione di CONTROLLO muscolare, non di sviluppo muscolare.

Aggiungo che quando parliamo di braccia, mani, dita, dal punto di vista fisico stiamo parlando di leve.

Tutto l’apparato locomotore del corpo umano usa un sistema di leve. Le leve si definiscono di primo, di secondo o di terzo tipo.
Per una spiegazione vedi ad esempio:
https://www.my-personaltrainer.it/anatomia/leve-fisica.htm
  

"Se pensi di usare le dita per suonare il pianoforte stai commettendo un grande errore, devi usare le mani."

Piano Masterclass Gyorgy Sebok
Back to top
 
IP Logged
 
tgdigit
Global Moderator
*****
Offline


Argh !

Posts: 847
Joined: 30. Jul 2008
Gender: Male
Re: Dobbiamo fare ginnastica delle dita ???
Reply #2 - 02. Jun 2019 at 15:56
Print Post Print Post  
I tendini poi hanno un ruolo fondamentale nel movimento dei muscoli. Tutti i muscoli delle dita, della mano, del polso, dell' avambraccio, del braccio della spalla, del busto, ecc. ecc. usano tendini.
I tendini sono di 2 tipi corrispondenti a 2 funzioni diverse, il movimento di estensione e di flessione dell’arto coinvolto.

Anche qui dobbiamo porci una domanda, quando svolgiamo una qualsiasi attività quotidiana che implica l'utilizzo dei nostri muscoli e perciò dei nostri tendini, utilizziamo in modo esclusivo il tendine flessore e l’estensore secondo il movimento che intendiamo compiere?

La risposta è no, i nostri movimenti anche qui eccedono nell’utilizzo, spesso, inconsapevolmente usiamo insieme flessori ed estensori, in una sorta di grossolana “ignoranza” corporea. Problema che non implica conseguenze nel caso in cui si tratti di un movimento che non si ripete con regolarità, ma invece se parliamo dell’attività quotidiana al pianoforte?

Bè, no, in quel caso bisogna porre particolare attenzione al corretto uso, che deve essere esclusivo, alternato dei tendini, altrimenti si incorre in pericolose, dannose e a lungo andare irreversibili e irrecuperabili (se non parzialmente tramite delicati, invasivi interventi chirurgici) tendiniti.

Sono frequenti le tendiniti all' avambraccio, si può dire, il tallone d’Achille del pianista, la sindrome del tunnel carpale è il grave rischio a cui si incorre.

Sono tutti argomenti molto interessanti e complessi, teniamo conto che lo scienziato, fisico e ingegnere israeliano Moshé Feldenkrais creò un metodo, una scuola intorno a questi argomenti.
Vedi ad esempio questo interessante video da significativo titolo, “alzarsi con leggerezza”:

  

"Se pensi di usare le dita per suonare il pianoforte stai commettendo un grande errore, devi usare le mani."

Piano Masterclass Gyorgy Sebok
Back to top
 
IP Logged
 
tgdigit
Global Moderator
*****
Offline


Argh !

Posts: 847
Joined: 30. Jul 2008
Gender: Male
Re: Dobbiamo fare ginnastica delle dita ???
Reply #3 - 02. Jun 2019 at 16:07
Print Post Print Post  
Non dimentichiamoci inoltre che tutta la meccanica del pianoforte è fondata sul principio delle leve, un complesso insieme di leve:
https://it.wikipedia.org/wiki/Pianoforte#/media/File:Fortepian_-_mechanizm_angie...

http://www.sectioaurea.com/scuola/pianoforte.htm

Perciò, come dice giustemente Roberto Prosseda in questo articolo:
http://www.cremonamusica.com/2017/06/30/tecnica-pianistica-2-le-leve-e-il-contro...

“[…]Quando abbassiamo un tasto noi diventiamo parte della meccanica pianistica. Il punto di arrivo del nostro gesto, tuttavia, non è il fondo corsa del tasto, ma la corda. Idealmente, quindi, il nostro dito sta imprimendo il “nostro” suono non al tasto, ma alla corda stessa, per il tramite del sistema di leve che ad esse trasmette il movimento tramite il tasto e il martello.[…] Bisogna considerare che più le leve sono vantaggiose, più è per noi agevole controllare il movimento e, di conseguenza, dosare la dinamica e acquisire un adeguato volume di suono.
Il primo principio della dinamica delle leve afferma: una leva è vantaggiosa se la forza applicata richiesta è minore della forza resistente, ovvero se il braccio-resistenza è più corto del braccio-potenza.
La leva con cui le nostre dita interagiscono è, ovviamente, il tasto, che costituisce la prima leva (e la più lunga) della meccanica pianistica. La lunghezza dell’intero tasto è maggiore della sola parte visibile sulla tastiera. Anche la lunghezza del braccio-potenza (la parte del tasto dall’estremità esterna fino al fulcro) è maggiore della parte visibile.
Dunque, per far sì che il nostro approccio con il tasto sia vantaggioso, è utile usare una leva lunga, possibilmente più lunga del braccio-potenza. Se ci limitiamo ad abbassare il tasto con il solo movimento del dito, useremo una leva molto più corta.”

Ecco un altro motivo per il quale parlare solamente di dita (mi riferisco sempre al libro di tecnica "FINGER GYMNASTICS" citato sopra) è errato e fuorviante.

“Per un controllo più agevole e per la produzione di un suono pieno e ben risonante, è quindi importante l’uso di leve lunghe, con un rapporto velocità-peso tale da usare una bassa velocità di abbassamento del tasto e un peso consistente.

Ciò vale non solo per le sonorità in forte, bensì anche per il pianissimo. Infatti anche gli spostamenti infinitesimali si controllano con maggiore precisione se si usano leve lunghe e con poca escursione. Per rendersi conto di questo, basta provare a spostare una matita di un millimetro a sinistra, usando prima il movimento del solo dito, e poi quello dell’intero braccio, come un’unica leva. Noteremo che spostando la matita con il braccio guadagniamo in controllo e precisione del movimento.”.

Tra parentesi, da quanto detto sopra, si deduce uno dei motivi per i quali quanto più è lunga la leva formata dal tasto (tutto il tasto, compresa la parte nascosta), maggiore è il controllo e la facilità nel dosare il movimento del tasto, come nei pianoforti gran coda.
  

"Se pensi di usare le dita per suonare il pianoforte stai commettendo un grande errore, devi usare le mani."

Piano Masterclass Gyorgy Sebok
Back to top
 
IP Logged
 
tgdigit
Global Moderator
*****
Offline


Argh !

Posts: 847
Joined: 30. Jul 2008
Gender: Male
Re: Dobbiamo fare ginnastica delle dita ???
Reply #4 - 02. Jun 2019 at 16:11
Print Post Print Post  
Conclusione (provvisoria  Smiley): Fare musica e fare ginnastica sono due cose assolutamente diverse. Parlare esclusivamente di dita (come se fossero separate dal corpo) è un errore.

Quindi è proprio il principio che è sbagliato, studiare il pianoforte non significa sviluppare masse muscolari, se parliamo poi delle dita dove crediamo di andare? Smiley.

Fare musica significa piuttosto “sviluppare” il cervello.

Aggiungo, per finire, che tutto questo ancora non basta, perché l'obiettivo ideale è quello di formare un artista che abbia una propria sensibilità, una cultura musicale, un’intelligenza Musicale.

E' quel "gradino" (per non dire muro  Smiley) che va oltre il meccanismo tecnico, la precisione, la velocità, la bravura, quel gradino che valica il musicista, l'uomo che si esprime facendo e vivendo la musica.

Con quanto detto sopra, sia ben chiaro, non intendo condannare gli esercizi al pianoforte, piuttosto intendo dire, si possono benissimo fare, ma, come dicevano i latini, cum grano salis, cioè scegliendo quelli utili, facendoli con cognizione di causa, applicandoli alla musica e poi “dimenticandoli”, cioè ben sapendo che quella NON è musica, cioè non è quello che vogliamo fare.

E’ ovvio che tutto questo, cioè la scelta e la cognizione di causa di cui sopra, in mancanza di un soggetto musicalmente formato, deve essere svolto da un maestro che segua, indirizzi, corregga, cioè svolga la sua funzione importantissima di guida, in assenza del quale non c’è soluzione che tenga.
  

"Se pensi di usare le dita per suonare il pianoforte stai commettendo un grande errore, devi usare le mani."

Piano Masterclass Gyorgy Sebok
Back to top
 
IP Logged
 
lore e enzo
New Member
*
Offline


Suonare con intelligenza
e sensibilità

Posts: 31
Joined: 13. Aug 2018
Re: Dobbiamo fare ginnastica delle dita ???
Reply #5 - 02. Jun 2019 at 23:59
Print Post Print Post  
Non si può, oggi, nel 2000, non essere d'accordo con quanto hai detto : il "suonare di dita" è stato visto di cattivo viso già da Chopin , parliamo dell' 800 , ma poi si continuò nella brutta strada, fino quando la tastiera non divenne più pesante , cioè quella di oggi ... ma si iniziò a riflettere ! non ad agire ! se ancora oggi ci sono, degli insegnanti ,specialmente in Italia, che impostano gli allievi a "martelletto", è per motivi che non sto qua a spiegare...ma ho delle mie idee ...
Il suonare pianoforte è un fatto di coordinazione, vero, comunque noi agiamo su un piano costituito da leve, e noi interagiamo con esso tramite altrettante leve... esiste la strada più conveniente , ciò che conviene fare di più per una cosa, ciò che conviene di meno ... ma non è stato ancora , che io sappia, ancora tentato uno studio scientifico sulla biomeccanica pianistica... i principi di Ortmann sono rivelatori, ma risentono un pò dei limiti della scienza del tempo...Tiziano Poli dice di aver scritto la via fisiologica per suonare, ma io quel benedetto libro non lo trovo da nessuna parte! la Tecnica taubman e Sandor si sono avvicinati di molto a ciò che a mio parere è il modo scientifico di suonare... il libro di Nino Gardi analizza tutto ciò e fino ad ora è stato il più completo... Alan Fraser dice di mettere nel suo approccio il metodo Feldenkrais ma forse cade quando mi rendo conto che il suo approccio è simile alla "trazione ", insomma, ci stiamo avvicinando ad una oggettività , ma ancora non l'abbiamo colta... mi ricordo di aver visto dei video dove , mi pare il coservatorio di Parigi, facevano degli esperimenti proprio di biomeccanica, ma non li trovo più...insomma, si è finalmente scoperto che suonare si tratta di far agire leve su leve, e quindi perchè dovrei esercitarmi con esercizi di dubbia utilità? forse per un fatto di riscaldamento ? e tu mi puoi ribattere con quanto dice Sandor, cioè che l'apparato che usiamo per tutti i giorni è uguale a quello che usiamo per suonare, quindi mica tu ti riscaldi prima di scrivere? no, e quindi io posso dirti benissimo , allora perchè una volta subito dopo svegliato non vieni a suonare quel pianoforte che sta nel capannone abbandonato (stiamo in inverno e in russia)e  mi suoni suoni Feux folletts ? eeh vabbè forse in questo è meglio riscaldarsi un pò prima di iniziare,e così ci rendiamo conto che , in fin dei conti, con tutta l'oggettività che vogliamo, è il caso di far entrare in gioco anche un pò di psicologia e semplice buon senso  ..cioè che devo essere in perfette condizione psico-fisiche, non ci devono essere agenti esterni che possono turbare , la paura di sbagliare mi può portare a fare qualcosa di "non oggettivo", NON SIAMO MACCHINE  Smiley SIAMO ORGANISMI VIVENTI NON ETERNI COME LE MACCHINE , POSSIAMO FALLIRE ,dobbiamo adattarci , è tramite l'adattamento che ci siamo evoluti ed è su questa paura che,a mio parere, si sono evoluti gli esercizietti , i tanti esercizietti che TEORICAMENTE non si dovrebbero fare ,però alcune volte possono essere utili per far vedere all'allievo le formule tecniche necessarie ... poi, se ciò si cronicizza e, specialmente si inizia con le dita, così come è stato fatto fare a me, si inizia nel peggiore dei modi  Smiley 
ma rimango dell'opinione della inutilità al 98- 99% di studiare e quindi produrre ancora esercizi di ginnastica delle dita...quel poco che manca al 100 è dovuto al fatto che ho spiegato prima, cioè adattarsi (questo fatto è stato secondo me cardine sia della loro produzione, sia del loro consumo) e possono essere di comodità illustrativa ... ma non tutti ovviamente , gli esercizi di Cortot e quelli di cui si parlava sono a mio parere aberranti   Smiley AVE

  
Back to top
 
IP Logged
 
tgdigit
Global Moderator
*****
Offline


Argh !

Posts: 847
Joined: 30. Jul 2008
Gender: Male
Re: Dobbiamo fare ginnastica delle dita ???
Reply #6 - 04. Jun 2019 at 09:36
Print Post Print Post  
Un chiarimento su Alan Fraser e metodo Feldenkrais:

Base del metodo di Alan Fraser è l'allineamento osseo come fondamentale struttura portante di ogni movimento sulla tastiera, così come Feldenkrais per tutti i movimenti del corpo.

Non dimentichiamo che le leve di cui parliamo solo le nostre ossa.

Ossa, muscoli e tendini sono la struttura meccanica del corpo umano.
  

"Se pensi di usare le dita per suonare il pianoforte stai commettendo un grande errore, devi usare le mani."

Piano Masterclass Gyorgy Sebok
Back to top
 
IP Logged
 
tgdigit
Global Moderator
*****
Offline


Argh !

Posts: 847
Joined: 30. Jul 2008
Gender: Male
Re: Dobbiamo fare ginnastica delle dita ???
Reply #7 - 04. Jun 2019 at 09:48
Print Post Print Post  
Come muoversi con le braccia e le mani sulla tastiera, da lentissimo a velocissimo, da pianissimo a fortissimo, con piccoli salti, con grandi salti, in modo alternato, in modo simultaneo?

Perchè non osserviamo le nostre gambe e i nostri piedi, loro lo sanno fare benissimo!  Smiley

  

"Se pensi di usare le dita per suonare il pianoforte stai commettendo un grande errore, devi usare le mani."

Piano Masterclass Gyorgy Sebok
Back to top
 
IP Logged
 
lore e enzo
New Member
*
Offline


Suonare con intelligenza
e sensibilità

Posts: 31
Joined: 13. Aug 2018
Re: Dobbiamo fare ginnastica delle dita ???
Reply #8 - 05. Jun 2019 at 00:48
Print Post Print Post  
tgdigit wrote on 04. Jun 2019 at 09:36:
Un chiarimento su Alan Fraser e metodo Feldenkrais:

Base del metodo di Alan Fraser è l'allineamento osseo come fondamentale struttura portante di ogni movimento sulla tastiera, così come Feldenkrais per tutti i movimenti del corpo.

Non dimentichiamo che le leve di cui parliamo solo le nostre ossa.

Ossa, muscoli e tendini sono la struttura meccanica del corpo umano.



Se ho capito bene, anche la Taubman si pone questo come obiettivo... ma non riesco a cogliere le differenze tra i due approcci...  :qualcosa mi sfugge  Shocked Tongue
  
Back to top
 
IP Logged
 
tgdigit
Global Moderator
*****
Offline


Argh !

Posts: 847
Joined: 30. Jul 2008
Gender: Male
Re: Dobbiamo fare ginnastica delle dita ???
Reply #9 - 05. Jun 2019 at 01:24
Print Post Print Post  
lore e enzo wrote on 05. Jun 2019 at 00:48:
tgdigit wrote on 04. Jun 2019 at 09:36:
Un chiarimento su Alan Fraser e metodo Feldenkrais:

Base del metodo di Alan Fraser è l'allineamento osseo come fondamentale struttura portante di ogni movimento sulla tastiera, così come Feldenkrais per tutti i movimenti del corpo.

Non dimentichiamo che le leve di cui parliamo solo le nostre ossa.

Ossa, muscoli e tendini sono la struttura meccanica del corpo umano.



Se ho capito bene, anche la Taubman si pone questo come obiettivo... ma non riesco a cogliere le differenze tra i due approcci...  :qualcosa mi sfugge  Shocked Tongue

Guarda questi due video sullo stesso argomento: suonare le scale.




  

"Se pensi di usare le dita per suonare il pianoforte stai commettendo un grande errore, devi usare le mani."

Piano Masterclass Gyorgy Sebok
Back to top
 
IP Logged
 
tgdigit
Global Moderator
*****
Offline


Argh !

Posts: 847
Joined: 30. Jul 2008
Gender: Male
Re: Dobbiamo fare ginnastica delle dita ???
Reply #10 - 05. Jun 2019 at 09:52
Print Post Print Post  
  

"Se pensi di usare le dita per suonare il pianoforte stai commettendo un grande errore, devi usare le mani."

Piano Masterclass Gyorgy Sebok
Back to top
 
IP Logged
 
lore e enzo
New Member
*
Offline


Suonare con intelligenza
e sensibilità

Posts: 31
Joined: 13. Aug 2018
Re: Dobbiamo fare ginnastica delle dita ???
Reply #11 - 05. Jun 2019 at 13:19
Print Post Print Post  
tgdigit wrote on 05. Jun 2019 at 09:52:



Seppur io sia abbastanza informato su questi argomenti, questi 2 personaggi mi mandano abbastanza in crisi Undecided Cheesy in ogni caso, entrambi sono contrari alla ginnastica delle dita .
  
Back to top
 
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2829
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: Dobbiamo fare ginnastica delle dita ???
Reply #12 - 06. Jun 2019 at 23:59
Print Post Print Post  
lore e enzo wrote on 02. Jun 2019 at 23:59:
 
Tiziano Poli dice di aver scritto la via fisiologica per suonare, ma io quel benedetto libro non lo trovo da nessuna parte!             

Gent.mo, io lo tengo il libro del Poli.

Se proprio non lo trovi...come dir...potrei (dietro lauto compenso Grin)

Celia a parte, e chiedere all'autore?  Undecided

Cordiali saluti



  
Back to top
 
IP Logged
 
tgdigit
Global Moderator
*****
Offline


Argh !

Posts: 847
Joined: 30. Jul 2008
Gender: Male
Re: Dobbiamo fare ginnastica delle dita ???
Reply #13 - 07. Jun 2019 at 10:23
Print Post Print Post  
10dita wrote on 06. Jun 2019 at 23:59:
lore e enzo wrote on 02. Jun 2019 at 23:59:
 
Tiziano Poli dice di aver scritto la via fisiologica per suonare, ma io quel benedetto libro non lo trovo da nessuna parte!             

Gent.mo, io lo tengo il libro del Poli.

Se proprio non lo trovi...come dir...potrei (dietro lauto compenso Grin)

Celia a parte, e chiedere all'autore?  Undecided

Cordiali saluti




State parlando di questo?

http://www.mvmusica.com/schedaprodotto.asp?cod=*9PLI02776&codmadre=0&tit=POLI+Ti...
  

"Se pensi di usare le dita per suonare il pianoforte stai commettendo un grande errore, devi usare le mani."

Piano Masterclass Gyorgy Sebok
Back to top
 
IP Logged
 
10dita
Forum Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 2829
Joined: 21. Sep 2009
Gender: Male
Re: Dobbiamo fare ginnastica delle dita ???
Reply #14 - 07. Jun 2019 at 20:50
Print Post Print Post  
tgdigit wrote on 07. Jun 2019 at 10:23:

Gent.mo, quello è Smiley

Io non cercai in rete perché il gentil lore e enzo disse:

"quel benedetto libro non lo trovo da nessuna parte!"

Grazie della segnalazione Smiley

Cordiali saluti
  
Back to top
 
IP Logged
 
lore e enzo
New Member
*
Offline


Suonare con intelligenza
e sensibilità

Posts: 31
Joined: 13. Aug 2018
Re: Dobbiamo fare ginnastica delle dita ???
Reply #15 - 09. Jun 2019 at 18:05
Print Post Print Post  
10dita wrote on 07. Jun 2019 at 20:50:
tgdigit wrote on 07. Jun 2019 at 10:23:

Gent.mo, quello è Smiley

Io non cercai in rete perché il gentil lore e enzo disse:

"quel benedetto libro non lo trovo da nessuna parte!"

Grazie della segnalazione Smiley

Cordiali saluti



Carissimi  Smiley , ho già provveduto da 2 settimane ad ordinare il libro sul sito de La musica è vita ... ma non mi hanno inviato nessuna e-mail di conferma acquisto e nè rispondono al telefono Smiley sto provando ogni giorno, ma mi sà che quel negozio ha proprio chiuso  Embarrassed  neppure la Feltrinelli è riuscita a procurarselo... e la Zecchini idem ...chiedere all'autore ? non saprei neppure come contattarlo...inoltre ho l'impressione che se lo si volesse acquistare sul suo sito, bisogna per forza prendere anche il suo Happy Fingers, ma costicchia  Cheesy la bellezza di 500 dindini  Cheesy
  
Back to top
 
IP Logged
 
Zabrina
Global Moderator
*****
Offline


W Pianoforum!

Posts: 1122
Joined: 10. Nov 2013
Gender: Female
Re: Dobbiamo fare ginnastica delle dita ???
Reply #16 - 16. Jun 2019 at 00:33
Print Post Print Post  

Using the Thumb Effectively in Scales

Interessante questo video postato da tgdigit (vedi post sopra). Se non altro, ha il grande merito di mostrare molto chiaramente cosa si intende per "pollice sopra"  Huh  (ho messo il link del punto esatto) di cui tanto si parlò tempi addietro. Non avevo capito che fosse un movimento di rotazione di quel tipo Huh
  
Back to top
 
IP Logged